Messaggio

Una cartolina per..il mercato di Piazzale degli Eroi

avv. Romolo Reboa, avv. Reboa, Romolo Reboa, Reboa, Romolo, Ingiustizia la PAROLA al POPOLO, la PAROLA al POPOLOAmbulanti in massa che occupano i marciapiedi vendendo roba trovata rovistando nei cassonetti. Un degrado assoluto e indegno della capitale di un paese del G8 e comunque capitale mondiale della cultura e della storia. Da tempo, ormai, decine di uomini e donne rom vendono la loro merce scelta accuratamente tra i cassonetti dei quartieri più vicini. Sui teli stesi per terra si trova di tutto: camicette, maglioni, pentole, vasi, tazze, scarpe ma anche farmaci, trucchi, spazzole, mollette. Alcuni si fermano, dubbiosi, altri incuriositi. Gli oggetti e i capi d'abbigliamento partono da cinquanta centesimi in su. Ma quello che fa più paura - è l'allarme igienico-sanitario, perché si tratta di merce presa tra i rifiuti. L'emergenza ambulanti fra Prati e il Vaticano non si arresta. Per non parlare poi dei furgoni o furgoncini - spesso con targa straniera - piazzati in doppia fila con tutta la mercanzia all'interno, che creano inevitabilmente un vero e proprio imbuto e levano parcheggi a chi deve invece recarsi all'ospedale per necessità. Tanto le multe notificate tramite consolato non vengono nemmeno pagate e così questi fanno come gli pare! Tante sono le denunce arrivate alla Commissione capitolina alla Sicurezza. Il problema nomadi è stato gestito con delle grosse carenze con costi stratosferici, addirittura raddoppiati rispetto alle passate amministrazioni. Non comprate quegli oggetti, solo così possiamo fare un primo passo per fermare questo fenomeno! Se ne parla dal 2012 ed é stato cavallo di battaglia bi-partisan dell'ultima campagna elettorale. Perché il caso torni sotto i riflettori dobbiamo aspettare le politiche del 2018?

Amedeo Leone