Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

Giustizia

Giudici di pace: tabula rasa

paxAddio ai giudici di pace. O quasi. Infatti, lo schema pubblicato in questi giorni sul sito della ministero della Giustizia (www.giustizia.it - schema di Decreto Legislativo recante: "Revisione delle circoscrizioni giudiziarie – Uffici dei giudici di pace, a norma dell'articolo 1, comma 2, della legge 14 settembre 2011, n. 148") prevede la soppressione di ben 674 uffici di Giudice di pace su 846. Una rivoluzione, che già in queste ore sta generando non poche polemiche ma che permetterà, secondo il piano di revisione della Giustizia, di recuperare giudici e personale. Tagli pesanti che non risparmiano nessun settore e che nella fattispecie sono mirati "a dare un nuovo e più adeguato assetto alla geografia giudiziaria del nostro paese". Il testo del decreto legislativo adesso passerà in esame a Camera e Senato. Solo gli enti locali potrebbero evitare la soppressione degli uffici del giudice di pace accollandosi i costi di funzionamento delle rispettive sedi. Intanto, i rappresentati dell'Avvocatura, OUA in testa, fanno sentire la propria voce con proteste e manifestazioni. Di seguito lo schema delle sedi " da sopprimere" che interessano la regione Lazio. Lo schema completo qui di seguito:

 

Tabella A – articolo 1, comma 1

Uffici del giudice di pace soppressi

Distretto Circondario Ufficio soppresso

ANCONA ANCONA FABRIANO

ANCONA ANCONA JESI

ANCONA ANCONA OSIMO

ANCONA ANCONA SENIGALLIA

ANCONA ASCOLI PICENO AMANDOLA

ANCONA ASCOLI PICENO OFFIDA

ANCONA ASCOLI PICENO SAN BENEDETTO DEL TRONTO

ANCONA CAMERINO SAN SEVERINO MARCHE

ANCONA FERMO MONTEGIORGIO

ANCONA FERMO RIPATRANSONE

ANCONA FERMO SANT'ELPIDIO A MARE

ANCONA MACERATA CINGOLI

ANCONA MACERATA CIVITANOVA MARCHE

ANCONA MACERATA RECANATI

ANCONA MACERATA TOLENTINO

ANCONA PESARO FANO

ANCONA PESARO NOVAFELTRIA

ANCONA PESARO PERGOLA

ANCONA URBINO CAGLI

ANCONA URBINO MACERATA FELTRIA

BARI BARI ACQUAVIVA DELLE FONTI

BARI BARI ALTAMURA

BARI BARI BITONTO

BARI BARI CASAMASSIMA

BARI BARI GIOIA DEL COLLE

BARI BARI GRAVINA DI PUGLIA

BARI BARI MODUGNO

Distretto Circondario Ufficio soppresso

BARI BARI MONOPOLI

BARI BARI NOCI

BARI BARI PUTIGNANO

BARI BARI RUTIGLIANO

BARI FOGGIA BOVINO

BARI FOGGIA CERIGNOLA

BARI FOGGIA MANFREDONIA

BARI FOGGIA MONTE SANT'ANGELO

BARI FOGGIA ORTA NOVA

BARI FOGGIA SAN GIOVANNI ROTONDO

BARI FOGGIA SAN SEVERO

BARI FOGGIA TRINITAPOLI

BARI FOGGIA VIESTE

BARI LUCERA APRICENA

BARI LUCERA CASTELNUOVO DELLA DAUNIA

BARI LUCERA RODI GARGANICO

BARI LUCERA TORREMAGGIORE

BARI LUCERA TROIA

BARI TRANI ANDRIA

BARI TRANI BARLETTA

BARI TRANI BISCEGLIE

BARI TRANI CANOSA DI PUGLIA

BARI TRANI CORATO

BARI TRANI MINERVINO MURGE

BARI TRANI MOLFETTA

BARI TRANI RUVO DI PUGLIA

BOLOGNA BOLOGNA BUDRIO

BOLOGNA BOLOGNA PORRETTA TERME

Distretto Circondario Ufficio soppresso

BOLOGNA BOLOGNA SAN GIOVANNI IN PERSICETO

BOLOGNA BOLOGNA VERGATO

BOLOGNA FERRARA ARGENTA

BOLOGNA FERRARA CENTO

BOLOGNA FERRARA CODIGORO

BOLOGNA FERRARA COMACCHIO

BOLOGNA FERRARA COPPARO

BOLOGNA FERRARA PORTOMAGGIORE

BOLOGNA FORLI' BAGNO DI ROMAGNA

BOLOGNA FORLI' CESENA

BOLOGNA MODENA CARPI

BOLOGNA MODENA FINALE EMILIA

BOLOGNA MODENA MIRANDOLA

BOLOGNA MODENA PAVULLO NEL FRIGNANO

BOLOGNA MODENA SASSUOLO

BOLOGNA MODENA VIGNOLA

BOLOGNA PARMA BORGO VAL DI TARO

BOLOGNA PARMA FIDENZA

BOLOGNA PARMA FORNOVO DI TARO

BOLOGNA PARMA LANGHIRANO

BOLOGNA PIACENZA BETTOLA

BOLOGNA PIACENZA BOBBIO

BOLOGNA PIACENZA BORGONOVO VAL TIDONE

BOLOGNA PIACENZA FIORENZUOLA D'ARDA

BOLOGNA RAVENNA FAENZA

BOLOGNA RAVENNA LUGO

BOLOGNA REGGIO EMILIA CASTELNOVO NE' MONTI

BOLOGNA REGGIO EMILIA CORREGGIO

Distretto Circondario Ufficio soppresso

BOLOGNA REGGIO EMILIA GUASTALLA

BOLOGNA REGGIO EMILIA MONTECCHIO EMILIA

BOLOGNA REGGIO EMILIA SCANDIANO

BOLZANO BOLZANO BRESSANONE/BRIXEN

BOLZANO BOLZANO BRUNICO/BRUNECK

BOLZANO BOLZANO CALDARO SULLA STRADA DEL VINO/KALTERN AN DER WEINSTRASSE

BOLZANO BOLZANO CHIUSA/KLAUSEN

BOLZANO BOLZANO EGNA/NEUMARKT

BOLZANO BOLZANO MERANO/MERAN

BOLZANO BOLZANO MONGUELFO/WELSBERG

BOLZANO BOLZANO SILANDRO/SCHLANDERS

BOLZANO BOLZANO VIPITENO/STERZING

BRESCIA BERGAMO ALMENNO SAN SALVATORE

BRESCIA BERGAMO CLUSONE

BRESCIA BERGAMO LOVERE

BRESCIA BERGAMO TREVIGLIO

BRESCIA BERGAMO ZOGNO

BRESCIA BRESCIA BRENO

BRESCIA BRESCIA CHIARI

BRESCIA BRESCIA GARDONE VAL TROMPIA

BRESCIA BRESCIA ISEO

BRESCIA BRESCIA LONATO

BRESCIA BRESCIA MONTICHIARI

BRESCIA BRESCIA ORZINUOVI

BRESCIA BRESCIA ROVATO

BRESCIA BRESCIA SALO'

BRESCIA BRESCIA VEROLANUOVA

BRESCIA CREMONA CASALMAGGIORE

Distretto Circondario Ufficio soppresso

BRESCIA CREMONA SORESINA

BRESCIA MANTOVA ASOLA

BRESCIA MANTOVA BOZZOLO

BRESCIA MANTOVA CASTIGLIONE DELLE STIVIERE

BRESCIA MANTOVA GONZAGA

BRESCIA MANTOVA REVERE

BRESCIA MANTOVA VIADANA

CAGLIARI CAGLIARI CARBONIA

CAGLIARI CAGLIARI DECIMOMANNU

CAGLIARI CAGLIARI GUSPINI

CAGLIARI CAGLIARI IGLESIAS

CAGLIARI CAGLIARI ISILI

CAGLIARI CAGLIARI MURAVERA

CAGLIARI CAGLIARI PULA

CAGLIARI CAGLIARI SAN NICOLO' GERREI

CAGLIARI CAGLIARI SANLURI

CAGLIARI CAGLIARI SANTADI

CAGLIARI CAGLIARI SANT'ANTIOCO

CAGLIARI CAGLIARI SENORBI'

CAGLIARI CAGLIARI SERRAMANNA

CAGLIARI CAGLIARI SINNAI

CAGLIARI LANUSEI JERZU

CAGLIARI LANUSEI SEUI

CAGLIARI LANUSEI TORTOLI'

CAGLIARI ORISTANO ALES

CAGLIARI ORISTANO BOSA

CAGLIARI ORISTANO BUSACHI

CAGLIARI ORISTANO GHILARZA

Distretto Circondario Ufficio soppresso

CAGLIARI ORISTANO MACOMER

CAGLIARI ORISTANO SENEGHE

CAGLIARI ORISTANO SORGONO

CAGLIARI ORISTANO TERRALBA

CALTANISSETTA CALTANISSETTA MUSSOMELI

CALTANISSETTA CALTANISSETTA RIESI

CALTANISSETTA CALTANISSETTA SANTA CATERINA VILLARMOSA

CALTANISSETTA CALTANISSETTA SOMMATINO

CALTANISSETTA ENNA AIDONE

CALTANISSETTA ENNA BARRAFRANCA

CALTANISSETTA ENNA CENTURIPE

CALTANISSETTA ENNA PIAZZA ARMERINA

CALTANISSETTA ENNA VALGUARNERA CAROPEPE

CALTANISSETTA ENNA VILLAROSA

CALTANISSETTA GELA MAZZARINO

CALTANISSETTA NICOSIA AGIRA

CALTANISSETTA NICOSIA LEONFORTE

CALTANISSETTA NICOSIA REGALBUTO

CALTANISSETTA NICOSIA TROINA

CAMPOBASSO CAMPOBASSO BOIANO

CAMPOBASSO CAMPOBASSO CIVITACAMPOMARANO

CAMPOBASSO CAMPOBASSO RICCIA

CAMPOBASSO CAMPOBASSO TRIVENTO

CAMPOBASSO ISERNIA AGNONE

CAMPOBASSO ISERNIA CAROVILLI

CAMPOBASSO ISERNIA CASTEL SAN VINCENZO

CAMPOBASSO ISERNIA FORLI' DEL SANNIO

CAMPOBASSO ISERNIA FROSOLONE

Distretto Circondario Ufficio soppresso

CAMPOBASSO ISERNIA VENAFRO

CAMPOBASSO LARINO CASACALENDA

CAMPOBASSO LARINO GUGLIONESI

CAMPOBASSO LARINO PALATA

CAMPOBASSO LARINO TERMOLI

CATANIA CALTAGIRONE GRAMMICHELE

CATANIA CALTAGIRONE MILITELLO IN VAL DI CATANIA

CATANIA CALTAGIRONE MINEO

CATANIA CALTAGIRONE NISCEMI

CATANIA CALTAGIRONE VIZZINI

CATANIA CATANIA ACIREALE

CATANIA CATANIA ADRANO

CATANIA CATANIA BELPASSO

CATANIA CATANIA BIANCAVILLA

CATANIA CATANIA BRONTE

CATANIA CATANIA GIARRE

CATANIA CATANIA LINGUAGLOSSA

CATANIA CATANIA MASCALUCIA

CATANIA CATANIA PATERNO'

CATANIA CATANIA RAMACCA

CATANIA CATANIA RANDAZZO

CATANIA CATANIA TRECASTAGNI

CATANIA MODICA ISPICA

CATANIA MODICA SCICLI

CATANIA RAGUSA CHIARAMONTE GULFI

CATANIA RAGUSA COMISO

CATANIA RAGUSA VITTORIA

CATANIA SIRACUSA AUGUSTA

Distretto Circondario Ufficio soppresso

CATANIA SIRACUSA AVOLA

CATANIA SIRACUSA FLORIDIA

CATANIA SIRACUSA LENTINI

CATANIA SIRACUSA NOTO

CATANIA SIRACUSA PACHINO

CATANIA SIRACUSA PALAZZOLO ACREIDE

CATANIA SIRACUSA SORTINO

CATANZARO CASTROVILLARI CASSANO ALLO JONIO

CATANZARO CASTROVILLARI LUNGRO

CATANZARO CASTROVILLARI MORMANNO

CATANZARO CASTROVILLARI ORIOLO

CATANZARO CASTROVILLARI SAN SOSTI

CATANZARO CASTROVILLARI SPEZZANO ALBANESE

CATANZARO CASTROVILLARI TREBISACCE

CATANZARO CATANZARO BADOLATO

CATANZARO CATANZARO BORGIA

CATANZARO CATANZARO CHIARAVALLE CENTRALE

CATANZARO CATANZARO CROPANI

CATANZARO CATANZARO DAVOLI

CATANZARO CATANZARO SQUILLACE

CATANZARO CATANZARO TAVERNA

CATANZARO CATANZARO TIRIOLO

CATANZARO COSENZA ACRI

CATANZARO COSENZA MONTALTO UFFUGO

CATANZARO COSENZA ROGLIANO

CATANZARO COSENZA SAN GIOVANNI IN FIORE

CATANZARO COSENZA SAN MARCO ARGENTANO

CATANZARO COSENZA SPEZZANO DELLA SILA

Distretto Circondario Ufficio soppresso

CATANZARO CROTONE CIRO'

CATANZARO CROTONE PETILIA POLICASTRO

CATANZARO CROTONE SANTA SEVERINA

CATANZARO CROTONE SAVELLI

CATANZARO CROTONE STRONGOLI

CATANZARO LAMEZIA TERME FILADELFIA

CATANZARO LAMEZIA TERME MAIDA

CATANZARO LAMEZIA TERME NOCERA TIRINESE

CATANZARO LAMEZIA TERME SOVERIA MANNELLI

CATANZARO PAOLA AMANTEA

CATANZARO PAOLA BELVEDERE MARITTIMO

CATANZARO PAOLA CETRARO

CATANZARO PAOLA SCALEA

CATANZARO ROSSANO CAMPANA

CATANZARO ROSSANO CARIATI

CATANZARO ROSSANO CORIGLIANO CALABRO

CATANZARO ROSSANO CROPALATI

CATANZARO ROSSANO SAN DEMETRIO CORONE

CATANZARO VIBO VALENTIA ARENA

CATANZARO VIBO VALENTIA MILETO

CATANZARO VIBO VALENTIA NICOTERA

CATANZARO VIBO VALENTIA PIZZO

CATANZARO VIBO VALENTIA SERRA SAN BRUNO

CATANZARO VIBO VALENTIA SORIANO CALABRO

CATANZARO VIBO VALENTIA TROPEA

FIRENZE AREZZO BIBBIENA

FIRENZE AREZZO CORTONA

FIRENZE AREZZO MONTEVARCHI

Distretto Circondario Ufficio soppresso

FIRENZE AREZZO SAN GIOVANNI VALDARNO

FIRENZE AREZZO SANSEPOLCRO

FIRENZE FIRENZE BORGO SAN LORENZO

FIRENZE FIRENZE CASTELFIORENTINO

FIRENZE FIRENZE EMPOLI

FIRENZE FIRENZE PONTASSIEVE

FIRENZE GROSSETO ARCIDOSSO

FIRENZE GROSSETO MASSA MARITTIMA

FIRENZE GROSSETO ORBETELLO

FIRENZE GROSSETO PITIGLIANO

FIRENZE LIVORNO CECINA

FIRENZE LIVORNO PIOMBINO

FIRENZE LIVORNO PORTOFERRAIO

FIRENZE LUCCA BORGO A MOZZANO

FIRENZE LUCCA CASTELNUOVO DI GARFAGNANA

FIRENZE LUCCA PIETRASANTA

FIRENZE LUCCA VIAREGGIO

FIRENZE MONTEPULCIANO ABBADIA SAN SALVATORE

FIRENZE PISA CASCINA

FIRENZE PISA SAN MINIATO

FIRENZE PISA VOLTERRA

FIRENZE PISTOIA MONSUMMANO TERME

FIRENZE PISTOIA PESCIA

FIRENZE SIENA POGGIBONSI

GENOVA CHIAVARI RAPALLO

GENOVA CHIAVARI SESTRI LEVANTE

GENOVA GENOVA RECCO

GENOVA LA SPEZIA SARZANA

Distretto Circondario Ufficio soppresso

GENOVA MASSA AULLA

GENOVA MASSA CARRARA

GENOVA MASSA PONTREMOLI

GENOVA SANREMO BORDIGHERA

GENOVA SANREMO TAGGIA

GENOVA SANREMO VENTIMIGLIA

GENOVA SAVONA ALBENGA

GENOVA SAVONA CAIRO MONTENOTTE

GENOVA SAVONA FINALE LIGURE

GENOVA SAVONA VARAZZE

L'AQUILA AVEZZANO CELANO

L'AQUILA AVEZZANO CIVITELLA ROVETO

L'AQUILA AVEZZANO PESCINA

L'AQUILA AVEZZANO TAGLIACOZZO

L'AQUILA CHIETI FRANCAVILLA AL MARE

L'AQUILA CHIETI GUARDIAGRELE

L'AQUILA CHIETI LAMA DEI PELIGNI

L'AQUILA CHIETI ORSOGNA

L'AQUILA CHIETI ORTONA

L'AQUILA LANCIANO ATESSA

L'AQUILA LANCIANO CASOLI

L'AQUILA LANCIANO VILLA SANTA MARIA

L'AQUILA L'AQUILA CAPESTRANO

L'AQUILA L'AQUILA MONTEREALE

L'AQUILA PESCARA PENNE

L'AQUILA PESCARA PIANELLA

L'AQUILA PESCARA SAN VALENTINO IN ABRUZZO CITERIORE

L'AQUILA SULMONA CASTEL DI SANGRO

Distretto Circondario Ufficio soppresso

L'AQUILA SULMONA PRATOLA PELIGNA

L'AQUILA TERAMO ATRI

L'AQUILA TERAMO CAMPLI

L'AQUILA TERAMO GIULIANOVA

L'AQUILA TERAMO MONTORIO AL VOMANO

L'AQUILA TERAMO NERETO

L'AQUILA TERAMO NOTARESCO

L'AQUILA VASTO CASALBORDINO

L'AQUILA VASTO CASTIGLIONE MESSER MARINO

L'AQUILA VASTO GISSI

LECCE BRINDISI CEGLIE MESSAPICA

LECCE BRINDISI FASANO

LECCE BRINDISI FRANCAVILLA FONTANA

LECCE BRINDISI MESAGNE

LECCE BRINDISI ORIA

LECCE BRINDISI OSTUNI

LECCE BRINDISI SAN PIETRO VERNOTICO

LECCE BRINDISI SAN VITO DEI NORMANNI

LECCE LECCE ALESSANO

LECCE LECCE CAMPI SALENTINA

LECCE LECCE CASARANO

LECCE LECCE GALATINA

LECCE LECCE GALLIPOLI

LECCE LECCE MAGLIE

LECCE LECCE NARDO'

LECCE LECCE OTRANTO

LECCE LECCE TRICASE

LECCE LECCE UGENTO

Distretto Circondario Ufficio soppresso

MESSINA BARCELLONA POZZO DI GOTTO LIPARI

MESSINA BARCELLONA POZZO DI GOTTO MILAZZO

MESSINA BARCELLONA POZZO DI GOTTO NOVARA DI SICILIA

MESSINA MESSINA ALI' TERME

MESSINA MESSINA FRANCAVILLA DI SICILIA

MESSINA MESSINA ROMETTA

MESSINA MESSINA SANTA TERESA DI RIVA

MESSINA MESSINA TAORMINA

MESSINA MISTRETTA SANTO STEFANO DI CAMASTRA

MESSINA PATTI NASO

MESSINA PATTI SANT'AGATA DI MILITELLO

MESSINA PATTI SANT'ANGELO DI BROLO

MESSINA PATTI TORTORICI

MILANO BUSTO ARSIZIO GALLARATE

MILANO BUSTO ARSIZIO SARONNO

MILANO COMO CANTU'

MILANO COMO ERBA

MILANO COMO MENAGGIO

MILANO LECCO BELLANO

MILANO LECCO MISSAGLIA

MILANO LODI CODOGNO

MILANO MILANO CASSANO D'ADDA

MILANO MILANO LEGNANO

MILANO MONZA DESIO

MILANO PAVIA CORTEOLONA

MILANO SONDRIO CHIAVENNA

MILANO SONDRIO MORBEGNO

MILANO SONDRIO TIRANO

Distretto Circondario Ufficio soppresso

MILANO VARESE GAVIRATE

MILANO VARESE LUINO

MILANO VIGEVANO ABBIATEGRASSO

MILANO VIGEVANO MEDE

MILANO VIGEVANO MORTARA

MILANO VOGHERA CASTEGGIO

MILANO VOGHERA STRADELLA

NAPOLI ARIANO IRPINO CASTEL BARONIA

NAPOLI ARIANO IRPINO GROTTAMINARDA

NAPOLI ARIANO IRPINO MIRABELLA ECLANO

NAPOLI AVELLINO CERVINARA

NAPOLI AVELLINO CHIUSANO DI SAN DOMENICO

NAPOLI AVELLINO LAURO

NAPOLI AVELLINO MONTORO SUPERIORE

NAPOLI BENEVENTO AIROLA

NAPOLI BENEVENTO CERRETO SANNITA

NAPOLI BENEVENTO COLLE SANNITA

NAPOLI BENEVENTO GUARDIA SANFRAMONDI

NAPOLI BENEVENTO MONTESARCHIO

NAPOLI BENEVENTO SAN GIORGIO DEL SANNIO

NAPOLI BENEVENTO SAN GIORGIO LA MOLARA

NAPOLI BENEVENTO SANT'AGATA DE' GOTI

NAPOLI BENEVENTO SOLOPACA

NAPOLI BENEVENTO VITULANO

NAPOLI NAPOLI AFRAGOLA

NAPOLI NAPOLI BARRA

NAPOLI NAPOLI CAPRI

NAPOLI NAPOLI CASORIA

Distretto Circondario Ufficio soppresso

NAPOLI NAPOLI FRATTAMAGGIORE

NAPOLI NAPOLI ISCHIA

NAPOLI NAPOLI MARANO DI NAPOLI

NAPOLI NAPOLI PORTICI

NAPOLI NAPOLI POZZUOLI

NAPOLI NAPOLI PROCIDA

NAPOLI NOLA ACERRA

NAPOLI NOLA CICCIANO

NAPOLI NOLA MARIGLIANO

NAPOLI NOLA OTTAVIANO

NAPOLI NOLA POMIGLIANO D'ARCO

NAPOLI SANTA MARIA CAPUA VETERE ARIENZO

NAPOLI SANTA MARIA CAPUA VETERE AVERSA

NAPOLI SANTA MARIA CAPUA VETERE CAPRIATI A VOLTURNO

NAPOLI SANTA MARIA CAPUA VETERE CAPUA

NAPOLI SANTA MARIA CAPUA VETERE CARINOLA

NAPOLI SANTA MARIA CAPUA VETERE MADDALONI

NAPOLI SANTA MARIA CAPUA VETERE MARCIANISE

NAPOLI SANTA MARIA CAPUA VETERE PIEDIMONTE MATESE

NAPOLI SANTA MARIA CAPUA VETERE PIGNATARO MAGGIORE

NAPOLI SANTA MARIA CAPUA VETERE SESSA AURUNCA

NAPOLI SANTA MARIA CAPUA VETERE TEANO

NAPOLI SANTA MARIA CAPUA VETERE TRENTOLA DUCENTA

NAPOLI SANT'ANGELO DEI LOMBARDI CALABRITTO

NAPOLI SANT'ANGELO DEI LOMBARDI CALITRI

NAPOLI SANT'ANGELO DEI LOMBARDI FRIGENTO

NAPOLI SANT'ANGELO DEI LOMBARDI LACEDONIA

NAPOLI SANT'ANGELO DEI LOMBARDI MONTELLA

Distretto Circondario Ufficio soppresso

NAPOLI TORRE ANNUNZIATA CASTELLAMMARE DI STABIA

NAPOLI TORRE ANNUNZIATA GRAGNANO

NAPOLI TORRE ANNUNZIATA POMPEI

NAPOLI TORRE ANNUNZIATA SORRENTO

NAPOLI TORRE ANNUNZIATA TORRE DEL GRECO

PALERMO AGRIGENTO ARAGONA

PALERMO AGRIGENTO CAMMARATA

PALERMO AGRIGENTO CANICATTI'

PALERMO AGRIGENTO CASTELTERMINI

PALERMO AGRIGENTO CATTOLICA ERACLEA

PALERMO AGRIGENTO FAVARA

PALERMO AGRIGENTO LICATA

PALERMO AGRIGENTO PALMA DI MONTECHIARO

PALERMO AGRIGENTO RAVANUSA

PALERMO MARSALA CASTELVETRANO

PALERMO MARSALA MAZARA DEL VALLO

PALERMO MARSALA PANTELLERIA

PALERMO MARSALA PARTANNA

PALERMO MARSALA SALEMI

PALERMO PALERMO BAGHERIA

PALERMO PALERMO CARINI

PALERMO PALERMO MONREALE

PALERMO PALERMO PARTINICO

PALERMO SCIACCA BIVONA

PALERMO SCIACCA MENFI

PALERMO SCIACCA RIBERA

PALERMO TERMINI IMERESE CEFALU'

PALERMO TERMINI IMERESE CORLEONE

Distretto Circondario Ufficio soppresso

PALERMO TERMINI IMERESE GANGI

PALERMO TERMINI IMERESE LERCARA FRIDDI

PALERMO TERMINI IMERESE MEZZOJUSO

PALERMO TERMINI IMERESE MISILMERI

PALERMO TERMINI IMERESE MONTEMAGGIORE BELSITO

PALERMO TERMINI IMERESE PIANA DEGLI ALBANESI

PALERMO TERMINI IMERESE POLIZZI GENEROSA

PALERMO TRAPANI ALCAMO

PALERMO TRAPANI CASTELLAMMARE DEL GOLFO

PALERMO TRAPANI ERICE

PERUGIA ORVIETO CITTA' DELLA PIEVE

PERUGIA PERUGIA ASSISI

PERUGIA PERUGIA CASTIGLIONE DEL LAGO

PERUGIA PERUGIA CITTA' DI CASTELLO

PERUGIA PERUGIA FOLIGNO

PERUGIA PERUGIA GUALDO TADINO

PERUGIA PERUGIA GUBBIO

PERUGIA PERUGIA TODI

PERUGIA SPOLETO MONTEFALCO

PERUGIA SPOLETO NORCIA

PERUGIA TERNI AMELIA

PERUGIA TERNI NARNI

POTENZA LAGONEGRO CHIAROMONTE

POTENZA LAGONEGRO LAURIA

POTENZA LAGONEGRO SANT'ARCANGELO

POTENZA MATERA IRSINA

POTENZA MATERA PISTICCI

POTENZA MATERA ROTONDELLA

Distretto Circondario Ufficio soppresso

POTENZA MATERA SAN MAURO FORTE

POTENZA MATERA STIGLIANO

POTENZA MATERA TRICARICO

POTENZA MELFI PALAZZO SAN GERVASIO

POTENZA MELFI PESCOPAGANO

POTENZA MELFI RIONERO IN VULTURE

POTENZA MELFI VENOSA

POTENZA POTENZA ACERENZA

POTENZA POTENZA AVIGLIANO

POTENZA POTENZA BELLA

POTENZA POTENZA CALVELLO

POTENZA POTENZA GENZANO DI LUCANIA

POTENZA POTENZA LAURENZANA

POTENZA POTENZA MARSICO NUOVO

POTENZA POTENZA VIETRI DI POTENZA

POTENZA POTENZA VIGGIANO

REGGIO CALABRIA LOCRI BIANCO

REGGIO CALABRIA LOCRI CAULONIA

REGGIO CALABRIA LOCRI GIOIOSA IONICA

REGGIO CALABRIA LOCRI SIDERNO

REGGIO CALABRIA LOCRI STAITI IN BRANCALEONE

REGGIO CALABRIA LOCRI STILO

REGGIO CALABRIA PALMI CINQUEFRONDI

REGGIO CALABRIA PALMI LAUREANA DI BORRELLO

REGGIO CALABRIA PALMI OPPIDO MAMERTINA

REGGIO CALABRIA PALMI SINOPOLI

REGGIO CALABRIA PALMI TAURIANOVA

REGGIO CALABRIA REGGIO CALABRIA GALLINA

Distretto Circondario Ufficio soppresso

REGGIO CALABRIA REGGIO CALABRIA MELITO DI PORTO SALVO

REGGIO CALABRIA REGGIO CALABRIA VILLA SAN GIOVANNI

ROMA CASSINO ARCE

ROMA CASSINO ATINA

ROMA CASSINO PONTECORVO

ROMA CASSINO SORA

ROMA CIVITAVECCHIA BRACCIANO

ROMA CIVITAVECCHIA FIUMICINO

ROMA FROSINONE ALATRI

ROMA FROSINONE ANAGNI

ROMA FROSINONE CECCANO

ROMA FROSINONE FERENTINO

ROMA LATINA FONDI

ROMA LATINA GAETA

ROMA LATINA MINTURNO

ROMA LATINA PRIVERNO

ROMA LATINA SEZZE

ROMA LATINA TERRACINA

ROMA RIETI AMATRICE

ROMA RIETI CITTADUCALE

ROMA RIETI POGGIO MIRTETO

ROMA RIETI ROCCA SINIBALDA

ROMA ROMA OSTIA

ROMA TIVOLI CASTELNUOVO DI PORTO

ROMA TIVOLI PALESTRINA

ROMA TIVOLI PALOMBARA SABINA

ROMA TIVOLI SUBIACO

ROMA VELLETRI ALBANO LAZIALE

Distretto Circondario Ufficio soppresso

ROMA VELLETRI ANZIO

ROMA VELLETRI FRASCATI

ROMA VELLETRI GENZANO DI ROMA

ROMA VELLETRI SEGNI

ROMA VITERBO CIVITA CASTELLANA

ROMA VITERBO MONTEFIASCONE

ROMA VITERBO RONCIGLIONE

ROMA VITERBO VALENTANO

SALERNO NOCERA INFERIORE SARNO

SALERNO SALA CONSILINA POLLA

SALERNO SALA CONSILINA SAPRI

SALERNO SALERNO AMALFI

SALERNO SALERNO BUCCINO

SALERNO SALERNO CAPACCIO

SALERNO SALERNO CAVA DE' TIRRENI

SALERNO SALERNO EBOLI

SALERNO SALERNO LAVIANO

SALERNO SALERNO MERCATO SAN SEVERINO

SALERNO SALERNO MONTECORVINO ROVELLA

SALERNO SALERNO ROCCADASPIDE

SALERNO SALERNO SAN CIPRIANO PICENTINO

SALERNO SALERNO SANT'ANGELO A FASANELLA

SALERNO VALLO DELLA LUCANIA AGROPOLI

SALERNO VALLO DELLA LUCANIA PISCIOTTA

SASSARI NUORO BITTI

SASSARI NUORO BONO

SASSARI NUORO DORGALI

SASSARI NUORO GAVOI

Distretto Circondario Ufficio soppresso

SASSARI NUORO ORANI

SASSARI NUORO SINISCOLA

SASSARI SASSARI ALGHERO

SASSARI SASSARI BONORVA

SASSARI SASSARI NULVI

SASSARI SASSARI OZIERI

SASSARI SASSARI PATTADA

SASSARI SASSARI PORTO TORRES

SASSARI SASSARI POZZOMAGGIORE

SASSARI SASSARI SORSO

SASSARI SASSARI THIESI

SASSARI TEMPIO PAUSANIA LA MADDALENA

SASSARI TEMPIO PAUSANIA OLBIA

TARANTO TARANTO GINOSA

TARANTO TARANTO GROTTAGLIE

TARANTO TARANTO LIZZANO

TARANTO TARANTO MANDURIA

TARANTO TARANTO MARTINA FRANCA

TARANTO TARANTO SAN GIORGIO IONICO

TORINO ACQUI TERME NIZZA MONFERRATO

TORINO ALBA BRA

TORINO ALBA CANALE

TORINO ALBA SANTO STEFANO BELBO

TORINO ALESSANDRIA NOVI LIGURE

TORINO ALESSANDRIA OVADA

TORINO ALESSANDRIA SERRAVALLE SCRIVIA

TORINO ALESSANDRIA VALENZA

TORINO AOSTA DONNAS

Distretto Circondario Ufficio soppresso

TORINO ASTI CANELLI

TORINO CASALE MONFERRATO MONCALVO

TORINO CUNEO BORGO SAN DALMAZZO

TORINO CUNEO DRONERO

TORINO CUNEO FOSSANO

TORINO IVREA CUORGNE'

TORINO IVREA RIVAROLO CANAVESE

TORINO IVREA STRAMBINO

TORINO MONDOVI' CARRU'

TORINO MONDOVI' CEVA

TORINO MONDOVI' DOGLIANI

TORINO NOVARA BORGOMANERO

TORINO PINEROLO PEROSA ARGENTINA

TORINO SALUZZO RACCONIGI

TORINO SALUZZO SAVIGLIANO

TORINO SALUZZO VENASCA

TORINO TORINO AVIGLIANA

TORINO TORINO CHIERI

TORINO TORINO CHIVASSO

TORINO TORINO CIRIE'

TORINO TORINO LANZO TORINESE

TORINO TORINO MONCALIERI

TORINO TORINO SUSA

TORINO VERBANIA ARONA

TORINO VERBANIA DOMODOSSOLA

TORINO VERBANIA OMEGNA

TORINO VERCELLI SANTHIA'

TORINO VERCELLI TRINO

Distretto Circondario Ufficio soppresso

TORINO VERCELLI VARALLO

TRENTO ROVERETO RIVA DEL GARDA

TRENTO TRENTO BORGO VALSUGANA

TRENTO TRENTO CAVALESE

TRENTO TRENTO CLES

TRENTO TRENTO FIERA DI PRIMIERO

TRENTO TRENTO FONDO

TRENTO TRENTO MALE'

TRENTO TRENTO MEZZOLOMBARDO

TRENTO TRENTO PERGINE VALSUGANA

TRENTO TRENTO TIONE DI TRENTO

TRIESTE GORIZIA GRADISCA D'ISONZO

TRIESTE GORIZIA MONFALCONE

TRIESTE PORDENONE MANIAGO

TRIESTE PORDENONE SAN VITO AL TAGLIAMENTO

TRIESTE PORDENONE SPILIMBERGO

TRIESTE TOLMEZZO GEMONA DEL FRIULI

TRIESTE TOLMEZZO PONTEBBA

TRIESTE UDINE CERVIGNANO DEL FRIULI

TRIESTE UDINE CIVIDALE DEL FRIULI

TRIESTE UDINE CODROIPO

TRIESTE UDINE LATISANA

TRIESTE UDINE PALMANOVA

TRIESTE UDINE SAN DANIELE DEL FRIULI

TRIESTE UDINE TARCENTO

VENEZIA BASSANO DEL GRAPPA ASIAGO

VENEZIA BELLUNO AGORDO

VENEZIA BELLUNO CORTINA D'AMPEZZO

Distretto Circondario Ufficio soppresso

VENEZIA BELLUNO FELTRE

VENEZIA BELLUNO PIEVE DI CADORE

VENEZIA PADOVA CAMPOSAMPIERO

VENEZIA PADOVA CITTADELLA

VENEZIA PADOVA ESTE

VENEZIA PADOVA MONSELICE

VENEZIA PADOVA MONTAGNANA

VENEZIA PADOVA PIOVE DI SACCO

VENEZIA ROVIGO ADRIA

VENEZIA ROVIGO FICAROLO

VENEZIA ROVIGO LENDINARA

VENEZIA TREVISO ASOLO

VENEZIA TREVISO CASTELFRANCO VENETO

VENEZIA TREVISO MONTEBELLUNA

VENEZIA TREVISO ODERZO

VENEZIA TREVISO VITTORIO VENETO

VENEZIA VENEZIA CAVARZERE

VENEZIA VENEZIA CHIOGGIA

VENEZIA VENEZIA DOLO

VENEZIA VENEZIA MESTRE

VENEZIA VENEZIA PORTOGRUARO

VENEZIA VENEZIA SAN DONA' DI PIAVE

VENEZIA VERONA CAPRINO VERONESE

VENEZIA VERONA ISOLA DELLA SCALA

VENEZIA VERONA LEGNAGO

VENEZIA VERONA SOAVE

VENEZIA VICENZA ARZIGNANO

VENEZIA VICENZA LONIGO

Distretto Circondario Ufficio soppresso

VENEZIA VICENZA SCHIO

VENEZIA VICENZA THIENE

VENEZIA VICENZA VALDAGNO


 


Add a comment

Le sanzioni alla Giustizia

avv. Romolo Reboa, avv. Reboa, Romolo Reboa, Reboa, Romolo, Ingiustizia la PAROLA al POPOLO, la PAROLA al POPOLOIl diritto a difendere i propri diritti ed interessi legittimi è un diritto inviolabile, al pari del diritto di libertà. Tutti possono agire per la difesa dei propri diritti e interessi legittimi, a prescindere dalla propria condizione. E' compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli che, "limitando di fatto la libertà e l'uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana" (art. 3, comma 2, Cost.). Da oggiAggiungi un appuntamento per oggi non tutti hanno la stessa capacità di difendersi, viene leso il principio di uguaglianza, cade il valore e l'efficacia della legge uguale per tutti. Legge di stabilità 2012 ha così stabilito: all'art. 283 c.p.c. è stato aggiunto il secondo comma che recita "Se l'istanza prevista dal comma che precede [sulla sospensione della sentenza di primo grado] è inammissibile o manifestamente infondata il giudice, con ordinanza non impugnabile, può condannare la parte che l'ha proposta ad una pena pecuniaria non inferiore ad euro 250 e non superiore ad euro 10. 000. L'ordinanza è revocabile con la sentenza che definisce il giudizio". Stessa sorte è stata prevista sull'esecutorietà delle sentenze in materia di lavoro, aggiungendo un comma all'art. 431 c.p.c. Legge di stabilità 2012, che ha modificato sensibilmente anche altre norme del codice di procedura, il cui art. 27 è (significativamente) rubricato "Modifiche al codice di procedura civile per l'accelerazione del contenzioso civile pendente in grado di appello". Sulla stessa linea, è stato ritoccato il Codice del Processo Amministrativo - D. Lgs. n. 195 del 15.11.2011 con decorrenza dall' 8. 12.2011 - dove la previsione, già gravosa, sulle spese di giudizio, di cui all'art. 26, co. 2, è stata corretta ampliandone lo spettro: "Il giudice condanna d'ufficio la parte soccombente al pagamento di una sanzione pecuniaria, in misura non inferiore al doppio e non superiore al quintuplo del contributo unificato dovuto per il ricorso introduttivo del giudizio, quando la parte soccombente ha agito o resistito temerariamente in giudizio. Al gettito delle sanzioni previste dal presente comma si applica l'articolo 15 delle norme di attuazione". Si accelerano i processi ponendo degli ostacoli a chi ritiene di esercitare un legittimo diritto; con la previsione di una sanzione pecuniaria si torna al Medioevo, quando l'accesso alla Giustizia era monopolio di pochi ricchi e nobili. L'esigenza prevalente di ridurre il carico delle cause viene ottenuta tagliando il diritto alla Giustizia con le sanzioni pecuniarie, che saranno comminate dal Magistrato. Ogni norma che tentasse di eludere (o, addirittura, eliminare) la possibilità di agire in giudizio, essendo l'esercizio dei propri diritti inserito nel quadro dei diritti inviolabili della persona, è ingiusta e il diritto ad avvalersi della giurisdizione non può essere sacrificato in vista di altre esigenze, come quella deflattiva del numero delle cause, della speditezza del processo, delle esigenze di bilancio. Quando le procedure ostacolano l'agire per la tutela dei propri diritti o interessi legittimi, determinando la sopravvivenza di situazioni lesive o la inefficacia della tutela giurisdizionale si entra nell'area pericolosa dell'illegittimo impedimento, immotivato e unilaterale, che vulnera l'uguaglianza di fronte alla legge. Un impianto normativo che non amplia il diritto in favore della persona, ma delle esigenze di riduzione del danno dai numeri dei processi (10 milioni di processi pendenti). Un orientamento punitivo nei confronti di coloro che vogliono legittimamente esercitare un loro diritto calpestato e che intendono farlo confermare dal Giudice. Dopo aver aumentato le spese per avviare una causa, impedendo ai meno abbienti di avere Giustizia, con le ulteriori nuove norme si impedisce l'accesso alla Amministrazione della Giustizia, già in gran parte incapace di rendere Giustizia.

Carlo Priolo*

Avvocato del Foro di Roma


Add a comment

L'affidamento condiviso

avv. Romolo Reboa, avv. Reboa, Romolo Reboa, Reboa, Romolo, Ingiustizia la PAROLA al POPOLO, la PAROLA al POPOLOE' ben noto agli operatori del diritto di famiglia che la legge 54/2006 ha avuto inadeguata applicazione. Il passaggio da una gestione monogenitoriale ad una bigenitoriale dei figli – indicata dal legislatore non solo come la più idonea a realizzare l'interesse del minore, ma come corrispondente a un suo indisponibile diritto - non si è compiuto. Prioritariamente la magistratura, ma in realtà la parte prevalente dell'intero sistema legale (avvocatura, servizi sociali, mondo accademico) si sono schierati a difesa del vecchio modello. Ciò ha reso necessario che i fautori della riforma si attivassero nuovamente per proporre al Parlamento un nuovo intervento che rendesse ineludibili le norme in vigore. A luglio 2008 veniva depositato in Senato il ddl 957. Le obiezioni al ddl in esame sono state con tutta evidenza – e come brevemente vedremo – del tutto inconsistenti e strumentali, mentre l'ansia degli oppositori, si è tradotta, a volte, in aggressività, in espressioni e toni fuori luogo e fuori misura. Da una parte varie organizzazioni di operatori del diritto di famiglia, coalizzate a favore del modello esclusivo, con secondarie differenze tra loro; dall'altra la società civile, stanca di illegittimi aggiramenti, concordemente a favore del pieno impegno per i figli di entrambi i genitori, smentendo implicitamente certe rappresentazioni di comodo ("una riforma voluta dai padri contro le madri") e soprattutto con il decisivo supporto dei figli di genitori separati che hanno finalmente potuto chiarire senza equivoci cosa vogliono e cosa meglio risponde allo strumentalizzatissimo "interesse del minore". E il muro di divisione tra le due posizioni non ha riguardato dettagli tecnici, ma l'impianto stesso della riforma del 2006, a suo tempo tenacemente avversata dagli stessi soggetti che oggi ne sostengono l'intangibilità. E' il modello monogenitoriale che piace a buona parte dell'avvocatura e della magistratura minorile; è la doppia responsabilità genitoriale che viene invocata dalla famiglia separata. Non esiste nello schieramento che rifiuta un nuovo intervento alcuna intenzione costruttiva, ma solo la volontà di bloccare un provvedimento che darebbe attuazione al modello equilibrato di affidamento, proprio per ostilità al modello stesso. Tutti gli operatori del diritto di famiglia sanno perfettamente – e di regola ammettono – che nell'attuale applicazione della legge 54/2006 sono rimaste inalterate le sostanziali differenze di ruolo e di poteri per i due genitori proprie dell'affidamento esclusivo; e sanno altrettanto bene che queste differenze accendono un pericoloso contenzioso come prima le differenze tra l'affidatario e il non affidatario. Dunque per abbatterlo è indispensabile realizzare autentiche pari opportunità, spazzando via a monte i principali oggetti del contendere. Si replica: ma questo è un approccio adulto-centrico, " significa leggere la bigenitorialità nel quadro dei principi di uguaglianza e di parità tra coniugi, ampiamente superata dal principio che è l'interesse del minore, e non la parità tra i genitori, che impone la condivisione delle responsabilità" (Osservatorio Naz. sul Dir. Fam., in "Avvocati di Famiglia", n. 2 2011, p. 2). Ma questa è solo teoria. A prescindere dalle innumerevoli positive ricadute, assolutamente apprezzabili, della uguaglianza tra i genitori, come può un figlio star bene se i suoi genitori sono in guerra? Tutto ciò che serve a ridurre, o a contenere, la loro litigiosità contribuisce, prioritariamente e imprescindibilmente, all'interesse del minore. I diversi approcci sono solo un esercizio di retorica forense, che alla famiglia separata non interessano, meno che mai ai figli. E se si vuole comprendere quanto sia abissale la distanza tra i professionisti e i principali interessati ai relativi problemi appare decisivo rileggere la relazione depositata in Senato dall'associazione "Figli per i figli", che rappresenta il punto di vista dei figli di separati. "la divergenza di valutazione tra noi e loro [i gruppi di cui sopra, N.d.A.] non riguarda dei dettagli, ma il cuore stesso del problema, ovvero la scelta del modello. E' chiarissima la loro preferenza per il vecchio sistema. Dire che l'avverbio "pariteticamente" deve essere cancellato equivale a dire che si vuole che la gestione dei figli sia squilibrata. Altrimenti che fastidio darebbe? Sostenere che il sistema migliore per organizzare le nostre giornate è che si stia sempre – o quasi – presso un genitore e che l'altro gli dia del denaro per provvedere alle nostre necessità significa non avere minimamente compreso le nostre esigenze e i motivi più profondi del nostro dolore. Significa ragionare da adulti e da adulti che hanno una visione di tipo aziendale della famiglia separata. Il criterio guida deve essere l'efficienza! Ma la famiglia non è un'azienda! Non si può dare la priorità alla stabilità logistica rispetto a quella affettiva. Forse a un certo tipo di genitori può anche convenire, ma non a noi. Per questo la cosa più grave è che questi gruppi hanno pure la pretesa di parlare a nome nostro! Per me non sarebbe stata affatto la stessa cosa che mio padre mi accompagnasse a scegliere un golfino, piuttosto che trovarmelo acquistato da mia madre insieme a tutto il resto del necessario. O che toccasse a lui portarmi a pallacanestro due volte la settimana. ........ Voler permettere a un genitore, in caso di affidamento esclusivo, di portarsi i figli dove vuole, senza né l'autorizzazione del giudice né il consenso dell'altro, significa non riuscire a ragionare in concreto né a liberarsi delle antiche gerarchie tra genitori. Si vorrebbe che il genitore possa solo rivolgersi al giudice dopo che la partenza è avvenuta. Quindi una madre che sia stata esclusa dall'affidamento perché di tanto in tanto beve dovrebbe lasciare che il padre si porti le bimbe in Marocco (o altro paese che non ha firmato la Convenzione dell'Aia). Dopo di che chi le ritrova, chi va laggiù a recuperarle? Sarebbe questo l' "interesse del minore"? No, grazie. E non ci stupisce, ma non siamo certo d'accordo, che ad alcuni operatori del diritto, abituati a giocare in tribunale con la "verità processuale", dia fastidio che si vogliano censurare e sanzionare le manipolazioni dei figli, in modo da scoraggiare i genitori dal tentarle. Noi, invece, siamo stanchi di essere assediati dalle polemiche degli adulti, alcuni dei quali si sforzano di convincerci che l'altro genitore è un mostro; in qualche caso riuscendoci, cosa che poi ci distruggerà per il rimorso. Questo secondo intervento - che renderebbe ineludibili le norme già in vigore, completandole e consolidandole, nel pieno spirito del primo intervento – è perciò da noi considerato indispensabile e ad esso l'associazione viene oggi a dare sostegno, sposando integralmente le tesi dei ddl in esame. ... In queste condizioni il Parlamento, se davvero intende realizzare l'interesse del minore, ovvero permettere ai figli di genitori separati di godere di quei diritti indisponibili che la Costituzione all'art. 30 e il codice civile agli articoli 147 e 155 riconosce loro, dando ad essi i contenuti per i quali si sono già battuti e si battono oggi, non può porsi in posizione intermedia tra ciò che chiedono i diretti interessati e ciò a cui aspirano altre categorie, per propri motivi di tornaconto". Ma allora si deve quanto meno ammettere che se passa un "vero" affidamento condiviso per gli avvocati di famiglia non c'è più lavoro? Non siamo d'accordo, è una previsione sbagliata. Indubbiamente il cambiamento legislativo avrebbe importanti ricadute sull'attività dei difensori, ma solo qualitative, non quantitative. E' con l'avvocato che si inizierà a discutere a chi assegnare la casa di comproprietà, cosa che oggi non avviene, a causa dell'automatismo della sua attribuzione al "collocatario", che non esisterà più. E' attraverso l'avvocato che si valuteranno le risorse di ciascun genitore e si individueranno e attribuiranno a ciascuno i capitoli di spesa e i compiti di cura, anziché subire pressoché ineluttabilmente, come oggi, la cifra che il giudice stabilirà. E d'altra parte non sarà più il caso di insinuare immaginari abusi, trasformare "fisiologiche" e bilaterali liti familiari in univoci comportamenti violenti, trasformare una pasticca contro il mal di testa in una costante dipendenza da psicofarmaci. Una riformulazione, quindi, per l'avvocato, che ne migliorerebbe e nobiliterebbe le prestazioni, evitandogli anche di assumere i rischi delle accuse strumentali. Pericolose soprattutto se si confermeranno ed estenderanno recenti pronunce di alcune corti di merito, per altro altamente rappresentative, come il Tribunale per i minorenni di Milano e il Tribunale civile di Roma. Dal primo (decreto del 4 marzo 2011) arriva la prima utilizzazione in cinque anni e mezzo della sanzione prevista dall'art. 155 bis comma 2 c.c., ovvero la lite temeraria per avere pretestuosamente tentato di escludere un genitore dall'affidamento. E dalla prima sezione del Tribunale civile di Roma una sanzione finalmente significativa (50.000,00 €) per danno morale inflitta a una madre "collocataria" per avere ostacolato i rapporti tra padre e figlio, anche in tal caso attivando la strategia delle denunce infondate. Si tratta di provvedimenti che indubbiamente segnalano la via da percorrere.

Avv. Matteo Santini* Pres. Centro nazionale studi e ricerche sul diritto della famiglia e dei minori

Prof. Marino Maglietta* Pres. Crescere Insieme


Add a comment

Prendere quel treno...

avv. Romolo Reboa, avv. Reboa, Romolo Reboa, Reboa, Romolo, Ingiustizia la PAROLA al POPOLO, la PAROLA al POPOLOFar ripartire l'Italia, riportarla al lavoro e cose di questo genere sono pane quotidiano di chi ascolta la politica di questi anni. Sarebbe bello arrivarci, sul luogo di lavoro. Per chi si sposta abitualmente con i mezzi pubblici ogni giorno inizia un'avvenuta, fatta di ritardi ma anche di sovraffollamento e di mancanza delle minime misure igieniche. A Roma sono ben conosciuti i disservizi che subiscono i pendolari napoletani, ma sarebbe limitativo parlare solo di loro. I servizi per i pendolari sono infatti mediamente scadenti in tutta Italia, e quelli ferroviari, che ne costituiscono la massima parte, sono causati da Trenitalia, monopolista di fatto del settore. La protesta è nata spontanea a Ladispoli il 31 maggio, quando il treno è stato fermo in stazione per 30 minuti. Neanche a dirlo, è partita la denuncia. La società è stata citata in giudizio per aver tenuto sotto il sole e a porte chiuse un treno sovraffollato, senza aria condizionata e in una situazione precaria dal punto di vista igienico-sanitario? No, sono stati citati i pendolari per interruzione di pubblico servizio. Con facile ironia, potremmo dire però che invadendo i binari i pendolari hanno interrotto un pubblico servizio che non c'era. Insomma Trenitalia persegue uno dei crimini più gravi del nostro paese, il pendolarismo. A loro difesa si è invece schierato il sindaco di Ladispoli, Crescenzo Paliotta, che ha minacciato di costituire il comune parte civile se Trenitalia non ritirerà la denuncia. Il sistema risente del difficile passaggio dal monopolio di stato, che garantiva un servizio complessivamente scadente ma almeno accessibile a tutti, alla concorrenza, per il momento più teorica che pratica visto che l'unico soggetto sul mercato è rimasto Trenitalia. La politica nazionale e regionale del resto, se da un lato è incapace di gestire il problema e tutelare i cittadini, dall'altro non ha la possibilità di rivolgersi ad altre imprese, che non esistono. La conseguenza è che ad oggi invece le tariffe in alcuni casi addirittura raddoppiate senza alcun miglioramento del servizio. E dire che il diritto a circolare liberamente è sancito nella Costituzione, anche se, forse con un poco di ottimismo, i costituenti non si preoccuparono di garantire anche un servizio in condizioni dignitose. L'unica misura che tutti noi potremmo adottare per veder risarciti i nostri interessi e per stimolare i vertici politici e delle ferrovie è denunciare le inefficienze con lo strumento delle class action, anche perché almeno in questo caso non c'è dubbio che i diritti siano omogenei, come richiede l'art. 140 bis nella sua versione definitiva. Ogni giorno circa 13 milioni di persone si muovono per le esigenze più varie e sono chiamati ad affrontare "l'avventura". Se si coalizzassero efficacemente sarebbero il più grande movimento del nostro paese, così divisi invece sono succubi alle promesse del politico di turno che una volta eletto è incastrato nella rete degli interessi delle imprese e si dimentica dei cittadini.

Massimo Reboa


Add a comment

Polemica su una decisione del Tribunale

avv. Romolo Reboa, avv. Reboa, Romolo Reboa, Reboa, Romolo, Ingiustizia la PAROLA al POPOLO, la PAROLA al POPOLOUn articolo del quotidiano romano "Il Tempo" ed una dura reazione dell'avv. Carlo Priolo infuocano l'imminente campagna elettorale per il rinnovo del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Roma per il biennio 2012-2013. La stura l'ha data un pezzo che commentava l'esito negativo di un ricorso presentato dall'attuale Presidente del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Roma, Antonio Conte, avverso principalmente la dichiarata incandidabilità ed ineleggibilità e conseguente esclusione dal Comitato dei Delegati della Cassa Forense, a causa del mancato pagamento di contributi previdenziali relativi all'anno 2002. Poiché la rivista InGiustizia intende rimanere super partes rispetto alla vicenda, ha chiesto ad un avvocato appartenente ad un altro Foro di commentare quanto avvenuto. Con l'avvertenza che, in assenza delle motivazioni del Tribunale, si analizzeranno sono le motivazioni poste a fondamento del ricorso. L'avv. Antonio Conte ha partecipato, quale capolista della lista "Avvocati per l'Ordine e per la Cassa" alle elezioni del 2009 per far parte degli 80 componenti del Comitato dei delegati della Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza Forense per il quadriennio 2009-2013 presso il Distretto di Roma. All'esito delle consultazioni, è risultato eletto ma la Commissione Elettorale Centrale, con verbale del 23.04.09, non ha proceduto alla convalida dichiarandone la ineleggibilità, a seguito del ricorso presentato dall'avv. Bruno Ricciotti, il quale così gli è subentrato quale primo dei non eletti. Avverso tale decisione l'avv. Conte ha proposto, prima, reclamo ai sensi dell'art. 5 del Regolamento e, successivamente al suo rigetto, ricorso ex art. 702 bis cpc dinanzi al Tribunale di Roma. In esso si è sostenuto che la Commissione Elettorale Locale aveva già provveduto ad effettuare le opportune verifiche sulle 94 candidature, escludendo 23 candidati ma non il collega Conte. Decisione stravolta dalla Commissione Elettorale Centrale la quale avrebbe fissato, con criteri non predefiniti e non resi pubblici, un assurdo discrimine tra debitori "regolari" e debitori "irregolari", individuando nella prima categoria coloro i quali a seguito di contestazione avevano sanato la propria posizione debitoria entro il 29.11.08 ed inserendo, nell'altra categoria, tutti gli altri. Ciò costituirebbe una violazione dell'obbligo di predefinizione di quei criteri di valutazione specificatamente indicati nell'art. 13 dello Statuto della Cassa. Inoltre, l'avv. Conte sostiene di aver spontaneamente provveduto, prima delle elezioni, a regolarizzare la propria posizione debitoria, determinata da un mero errore di calcolo risultante nel mod. 5/03 per l'anno di contribuzione 2002 nella suddivisione del contributo calcolato nelle due rate da pagare. In ogni caso, ex art. 25 D.Lgs. 46/99, la Cassa non avrebbe più potuto far valere la propria pretesa, in quanto la cartella avrebbe dovuto essere notificata, a pena di decadenza, entro il 31.12.2005. Ciò non è avvenuto quindi può giustamente sostenersi che l'Avv. Conte all'atto di presentazione della domanda era in regola con i pagamenti dovuti. Senza entrare, quindi, nel merito delle polemiche scaturite dall'articolo de "Il Tempo" e senza, tuttavia, conoscere le ragioni che hanno spinto al rigetto della domanda, per quanto esposto e motivato nel ricorso, una valutazione personale sicuramente sarebbe stata protesa verso l'accoglimento della stessa. Ciò anche e soprattutto per quella disparità di trattamento che è stata imposta al collega Conte laddove sono state diversificate le categorie di debitori sulla base di requisiti nè previsti né, tantomeno, pubblicizzati per tempo.

Lorenzo Marcovecchio*

Avvocato del Foro di Isernia


Add a comment
Banner

Newsletter

Newsletter

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto