Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

Riforme

Dibattito sulla riforma della giustizia e delle professioni

Sesta Conferenza Nazionale dell'Avvocatura.

Duemila gli avvocati che hanno partecipato alla sesta conferenza nazionale dell’OUA, l’Organismo unitario dell’Avvocatura guidato da Maurizio De Tilla, tenutosi il 20 e 21 novembre scorso all’Hilton Cavalieri di Roma, dove a gran voce sono state chieste alla politica proposte serie per una giustizia più efficiente. Tanti i temi trattati: dalla riforma della giustizia e della professione forense al riconoscimento costituzionale dell’avvocatura. Numerosi e autorevoli anche gli ospiti. In particolare tra i professionisti del Foro ha riscosso molto successo l’intervento del Guardasigilli, che innanzi ad una platea che più volte lo ha interrotto con applausi ha ribadito a proposito della riforma della professione forense approvata dalla commissione Giustizia del Senato, che «finalmente diventerà legge una riforma proposta da chi esercita la professione ed è una cosa buona perchè ritengo che le riforme non si possono fare contro le professioni stesse». Ribadendo comunque il “no” a riforme dettate dall’Associazione nazionale magistrati. Oltre all’intervento di Angelino Alfano sono arrivati alla conferenza anche i messaggi del Presidente della Repubblica Napolitano, del presidente della Camera Fini e del premier Silvio Berlusconi. Il presidente del Senato, Renato Schifani, è invece intervenuto di persona. Benedetto XVI ha inviato agli avvocati la sua benedizione tramite un messaggio del cardinal Tarcisio Bertone. Dall’Avvocatura, nella persona del Presidente dell’Oua, Maurizio De Tilla invece è arrivata la richiesta di approvare il ddl così com’è «senza cedere a pressioni dei poteri forti» che chiedono delle modifiche in quanto ritengono che la riforma faccia lievitare i costi delle spese legali.

Carmen Langellotto

 


Add a comment

Il ruolo del mediatore nel sistema giustizia

Riforma della giustizia civile.

Ci siamo! Lo avevamo detto da tempo.

L’ennesima riforma sulla giustizia civile è pronta. Di che si tratta? Ma dell’introduzione di un sistema che tende ad evitare che le controversie divengano cause o che le cause giungano alla fase decisoria (quella più problematica, evidentemente). Come? Ma con l’introduzione del Mediatore; elementare, Watson!

Questa figura, sotto il vigile controllo del Ministero della Giustizia, dovrà porre rimedio alle annose disfunzioni della giustizia civile.

Non con il rafforzamento dell’organico dei Magistrati, non con l’aumento dell’organico delle Cancellerie, non con l’informatizzazione del vetusto sistema di richiesta copie e iscrizioni a ruolo, non con il controllo reale sula produttività. Tutto funzionerà solo con il MEDIATORE.

Egli dovrà “imporre” una soluzione transattiva, prima della causa o durante la stessa, che indurrà le parti a rinunciare alla lite o a porvi fine.

Ops..abbiamo usato il termine “imporre”. Ma non è stato un errore concettuale! Se il provvedimento legislativo, come pare, è votato a rendere punitivo il rifiuto della mediazione attraverso la condanna alle spese della parte rifiutante non può essere che questo il termine da usare. Si pensi ad una vertenza tra una banca o un gruppo assicurativo e un cittadino. Sono in pari condizioni?

Certo, hanno entrambi un avvocato. Ma chi è economicamente più debole in caso di condanna alle spese? Chi può permettersi il lusso di andare sino in fondo? Il cittadino potrebbe essere indotto ad accettare il vecchio detto “pochi, maledetti e subito” evitando il rischio di pagare il proprio difensore e quello di controparte allorchè una “mediazione” preannuncia una sentenza sfavorevole. Il Ministro Angelino Alfano che prima di esserlo è stato dottore di ricerca in diritto dell’impresa e avvocato penalista, queste cose non le sa? Non si rende conto di una dicotomia pericolosa tra le parti che il provvedimento potrebbe solo aumentare? E l’effetto induttivo sui giudici?

Forse non sappiamo che sono realmente oberati da miriade di processi?

Forse non sono consapevoli dei ritardi di anni delle loro sentenze? Forse non sanno delle procedure in forte aumento per il risarcimento dell’eccessiva durata dei processi? Potranno essere esenti dalla tentazione di utilizzare le mediazioni per fondarvi le loro decisioni? Si consideri poi che il reale effetto deflattivo della normativa lo si otterrebbe proprio con il moltiplicarsi delle condanne alle spese. Tale intento è peraltro palese nel provvedimento. Il vigile controllo del Ministero della Giustizia.

 

E’ una bella frase, in effetti. Ma non è lo stesso Ministero al quale ci siamo da anni rivolti al fine di tentare di risolvere le incresciose questioni delle “false” file agli uffici del Giudice di Pace di Roma per la richiesta delle copie sentenze o per effettuare le iscrizioni a ruolo? Cosa abbiamo ottenuto?

L’utilizzo imperante e imperativo delle agenzie specializzate che, nel frattempo, sono sorte come funghi. Quale organico ha il Ministero da dedicare a tale vigilanza? E le attività dei mediatori chi le remunererà? Noi avvocati, quelli con la vera passione, abbiamo sempre lasciato che l’ottimismo prevalesse.

Abbiamo creduto nel diritto, nell’affermazione della giustizia attraverso il costituzionale diritto di difesa. Dobbiamo ricrederci?

Infine una domanda pratica.

Vi risulta che ove è stato reso obbligatorio il tentativo di conciliazione ( rito del lavoro, cause contro imprese telefoniche) abbia realmente funzionato? Ma il provvedimento è alle porte. Ai posteri………

 

 

Settimio Catalisano *VICE PRESIDENTE U.N.A.R.C.A COMPONENTE DIRETTIVO A.GI.FOR.

 


Add a comment

Le priorità della riforma forense

Aspettando Godot.

 

La riforma dell’ordinamento forense sta molto a cuore al ministro della giustizia che se ne fa in questi giorni attivo protagonista.

Non per caso se ne parla in consessi autorevoli che dibattono in generale sul futuro delle professioni ma con la comune premessa che la riforma della professione di avvocato ha carattere prioritario rispetto alle altre, in ragione del ruolo assegnato dalla Costituzione al sistema di garanzia dei diritti. Gli strumenti della comunicazione di massa anch’essi stanno dando eco e spazio ai problemi dell’avvocatura.

Molto bene ! Era ora ! Per di più il taglio della riforma partorita dal C.N.F. fa apparire addirittura sacrileghe le iniziative non dimenticate dell’On. Bersani.

Senonchè la concomitanza con altre attualità della giustizia quali, ad esempio, la riforma della magistratura, il tormentone delle intercettazioni, tradisce un particolare e insolito interesse dell’esecutivo alla classe forense che, pur largamente rappresentata in Parlamento, ha finora svolto il ruolo di Cenerentola nel dibattito civile. Le ragioni di un così vivo interesse agli operatori della giustizia appartengono all’attualità, sono ben note e non serve su di esse intrattenersi se non per raccomandare ai rappresentanti dell’avvocatura che di questo interesse, di questa attenzione inconsueta si faccia attenta verifica.

I problemi della avvocatura italiana sono molti e gravi; a risolverli non bastano il ripristino dei minimi tariffari, le apparenti strettoie del praticantato e dell’esame di abilitazione, la pretesa - impraticabile - di riserva della consulenza legale.

Ho già detto, in occasione di altra cortese ospitalità di InGiustizia, che la riforma caldeggiata da Alpa non risolve nessuno dei problemi dell’avvocatura italiana.

A una visione strettamente corporativa che è quella della riforma in fieri va sostituita una strategia di qualità e di informazione che comincia dalla scuola e dall’università e coinvolge i mezzi di comunicazione e l’opinione pubblica.

Le riforme non si improvvisano ma si preparano. Innanzitutto è all’università che va chiesto il compito della formazione e della selezione dei migliori o più semplicemente di quelli che si accingono all’esercizio di una professione; ma, si sa, questo compito le università non lo svolgono pur moltiplicando le prestazioni e le offerte: da quella informatica a quella per corrispondenza a quella “riparatoria: se bocciati riprepararsi” e via dicendo.

Né la crisi della giustizia italiana si risolve moltiplicando le A.D.R.: dalla conciliazione all’arbitrato, alla mediazione. Che anzi dietro la ricerca e le modalità codificate di soluzioni alternative delle controversie si nasconde talvolta l’inconfessato e grave sospetto che gli avvocati non abbiano interesse a risolvere il contenzioso dei clienti. Di qui la incredibile previsione dell’ art. 4 del D.Lvo n. 28/2010 sulla mediazione che commina addirittura la annullabilità del contratto di prestazione d’opera professionale nel caso l’avvocato non abbia informato il cliente “chiaramente e per iscritto” della possibilità di avvalersi del procedimento di mediazione.

Mi chiedo come l’avvocatura italiana, o chi per essa, abbia potuto tollerare un simile affronto che esprime senza mezzi termini il sospetto inammissibile e gravemente ingiurioso che l’avvocato possa tacere al cliente i suoi diritti per cavare dal silenzio propri vantaggi commettendo per di più un illecito che è direttamente e duramente sanzionato dal codice deontologico. La verità è che dietro il silenzio e la rassegnazione dei nostri rappresentanti c’è la rassegnazione e il senso di colpa d’una categoria incapace di fare opinione e di gridare a voce alta e ferma che della crisi della giustizia l’avvocatura italiana non ha alcuna colpa anzi nè la prima vittima; che la crisi della giustizia nasce dal costante rifiuto della classe politica di approntare alla giustizia gli strumenti necessari, dal rifiuto di tanta parte della magistratura di porsi con umiltà e laboriosità al servizio dei cittadini rinunciando a troppi privilegi e prerogative.

 

 

Giorgio Della Valle* Avvocato del Foro di Roma

 

 


Add a comment

Dal decreto 70/2000 al risarcimento diretto

Attacco alla diligenza.

Correva l’anno 2000……potrebbe anche essere un l’inizio di un film di ricostruzione di topici avvenimenti storici o uno di fantascienza. In effetti, riflettendoci un momento, quello che sto per raccontare e documentare potrebbe rientrare in entrambe le categorie filmografiche, oppure far parte di una serie televisiva di successo chiamata “ La soluzione tentacolare”.

A partire dal marzo del 2000 la lobby assicurativa ha intrapreso infatti un percorso costellato di “virtuosismi” per giungere a realizzare il proprio progetto di “soluzione finale” di quelli che evidentemente considerava degli inutili e impropri intralci alle proprie mire economiche in materia di assicurazione per la R.C.A.

Nel marzo del 2000 venne tentato un blitz con il decreto legge 28 marzo 2000 n. 70, che, dopo una sollevazione generale (bei tempi!!) non fu convertito in legge e quindi decadde. Basta leggere qualche articolo di stampa per comprendere.

“Note della stampa dell’epoca- Corriere della Sera: Divisa anche la maggioranza sul provvedimento dell’ esecutivo. Benvenuto: va corretto Decreto Rc auto, i consumatori: è incostituzionale. ROMA - Tutti contro il decreto del governo che blocca le tariffe Rc auto. E crepe persino nella maggioranza. Il Comitato delle associazioni dei consumatori, delle associazioni forensi, dei medici legali e degli operatori del settore assicurativo in una riunione ieri si sono trovati d’ accordo per mettere a punto una strategia comune contro il provvedimento del governo. «Il decreto è una polizza infortuni per l’Ania da 10 mila miliardi», «è incostituzionale», «è una truffa nei confronti del danneggiato», «l’ articolo 3 sul danno biologico ci fa fare un salto indietro di 20 anni»: queste le affermazioni più salienti del dibattito che porterà il Comitato a presentare le sue critiche al parlamento e alle forze politiche perché il decreto sia corretto. Le associazioni, pur condividendo alcune parti del decreto (come la tariffa con franchigia e la nuova normativa sul preavviso, contestano lo strumento del decreto legge perché, dicono, «in una materia così delicata non esistono i motivi di estrema urgenza» di intervenire. Non solo, lo stesso relatore sul provvedimento per la commissione Finanze, Giorgio Benvenuto, ha invitato a esaminare con attenzione l’ articolo 3 del decreto proprio sulla misurazione del danno biologico in materia di Rc Auto.

La nuova disciplina, afferma, «se da un lato risponde all’ obiettiva esigenza di limitare l’ ampia discrezionalità in tema di quantificazione del danno biologico, dall’ altro si ispira a criteri che hanno suscitato numerosi rilievi critici e che, per ammissione dello stesso governo, hanno bisogno di una più puntuale definizione». Il decreto, rispetto agli attuali risarcimenti, realizza un taglio di oltre il 50% nelle invalidità da 1 a 5 punti e di circa il 30% nelle invalidità da 6 a 9 punti.”

Oggi, a posteriori, possiamo dire che quella battaglia vinta, una vittoria del buonsenso, sociale e giuridica, fu solo l’inizio di quella che, in seguito, è diventata una guerra totale, anche se non “lampo”.

Avvenne, infatti, che le assicurazioni riuscirono solo un anno dopo a far varare la legge 57/2001 che, pur senza troppo innovare apparentemente, pose in realtà la prima pietra di quella “babelica” costruzione destinata, almeno nelle intenzioni dei suoi accaniti fautori, a trasformare la R.C.A obbligatoria in un mero affare economico senza che i diritti (impropri?) dei cittadini danneggiati potessero ostacolarlo più di tanto.

La legge 57 conteneva invero l’allegato A, ovvero la famosa “TABELLA per la DETERMINAZIONE DEL VALORE DEL PUNTO, che ridusse notevolmente i valori risarcitori sino ad allora praticati.

Ma dopo un solo anno venne messa in onda la storica e “natalizia” puntata della Legge 12 dicembre 2002, n. 273 denominata non a caso: “Misure per favorire l’iniziativa privata e lo sviluppo della concorrenza”.

Titolo molto azzeccato e persino sincero, se non fosse che questo tipo di sincerità sarebbe meglio definirla tracotanza. Effettivamente la legge 273/02 tutto favoriva tranne che i danneggiati.

L’iniziativa privata della lobby assicurativa sicuramente, sbaragliava il reale sviluppo della concorrenza in cambio di una concorrenza oligopolica, assistita legislativamente.

Leggiamo l’articolo cardine del provvedimento legislativo: ART. 23. (Modalità di risarcimento del danno). 1. Il modello di denuncia di sinistro, previsto dall’articolo 5 del decreto-legge 23 dicembre 1976, n. 857, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 febbraio 1977, n. 39, si applica anche nel caso di danni a persona.

2. All’articolo 3 del citato decreto-legge n. 857 del 1976, come modificato dall’articolo 5, comma 1, della legge 5 marzo 2001, n. 57, dopo l’ottavo comma è inserito il seguente: “Il danneggiato che ha ottenuto il risarcimento dei danni subiti dal veicolo è tenuto a trasmettere all’assicuratore la fattura, o documento fiscale equivalente, relativa alla riparazione dei danni risarciti entro tre mesi dal risarcimento. Nel caso in cui il danneggiato non ottemperi a tale obbligo, l’assicuratore ha diritto a richiedere la restituzione dell’importo liquidato a titolo di risarcimento del danno, fatta salva la disposizione di cui all’articolo 642 del codice penale. Nel caso di rottamazione del veicolo l’obbligo di presentazione della fattura è sostituito dall’obbligo di presentazione della documentazione attestante l’avvenuta rottamazione”.

3. Il comma 4 dell’articolo 5 della legge 5 marzo 2001, n. 57, è sostituito dal seguente: “4. L’ammontare del danno biologico liquidato ai sensi del comma 2 può essere aumentato dal giudice in misura non superiore ad un quinto con equo e motivato apprezzamento delle condizioni soggettive del danneggiato”.

4. Entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, con decreto del Ministro della salute, di concerto con il Ministro delle attività produttive, il Ministro del lavoro e delle politiche sociali e il Ministro della giustizia, si provvede alla predisposizione di una specifica tabella unica su tutto il territorio dello Stato: a) delle menomazioni alla integrità psicofisica comprese tra 10 e 100 punti; b) del valore pecuniario da attribuire ad ogni singolo punto di invalidità comprensiva dei coefficienti di variazione corrispondenti all’età del soggetto leso.

Che dire? Un assist perfetto, degno del miglior Rivera, per chi ancora lo ricorda (come calciatore, beninteso). E noi? E l’unione che consentì la prima vittoria del 2000? Svampati|…direbbe il noto comico che nella sua parodia del “Filippino”.

Già allora si intravidero i germi della mancanza di reazione che sta oggi portando ad una sconfitta giuridica. I Consigli dell’Ordine non si compattarono, forse pensando che la materia R.C.A“non valesse la candela” ; il Parlamento (vedi uso smodato dei D.L e preferenze vietate) cominciò a perdere quel minimo di autonomia intellettuale, unico pregio che rende un Deputato degno di tale qualifica; le associazioni dei “consumatori” iniziarono a farsi gettonare e trascinare in una “Pax Augustea”, forse cedendo a qualche interesse personalistico.

L’aumento senza freni deipremi della R.C.A divenne l’arma letale in mano alle imprese assicuratrici per “convincere” anche i riottosi che il “riordino” del sistema R.C.A. fosse necessario per il bene della nazione. Ma già nel 1994, quando venne liberalizzato il settore, non si disse che la libera concorrenza avrebbe portato solo vantaggi agli assicurati-utenti? I fatti successivi sono noti e sotto gli occhi di tutti: il CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE (Decreto Legislativo 7 settembre 2005, n.209) completa la costruzione della torre, anche se immediatamente la si comincia a vedere vacillare, stante la pochezza delle sue fondamenta giuridiche e logiche. Il sistema si regge su presupposti illogici ed illegittimi e fioccano i dardi delle eccezioni di incostituzionalità.

Nella pratica regge solo per la volontà collaborativa delle parti che stendono veli pietosi cercando di renderlo accettabile. Ma alla lobby non basta, vogliono di più, sempre di più! Allora ecco che la Corte Costituzionale, unico organo istituzionale ancora in grado di mantenere un equilibrio giuridico, con la sentenza 180/09 pare porre fine alla presunta obbligatorietà del sistema del risarcimento diretto. La Corte, con sentenza interpretativa di rigetto, afferma che il sistema è compatibile con i principi costituzionali a patto che sia una sistema alternativo, non obbligatorio. La Torre di Babele vacilla, ondeggia…..ma l’ANIA si improvvisa carpentiere e tenta la sortita. La Corte dice che non può essere obbligatorio? Cercano di farlo diventare obbligatorio modificando la legge;con un escamotage: la figura del sostituto processuale.

Geniale…!! L’emendamento è pronto, ma l’impresa di inserirlo nel decreto mille proroghe non riesce per motivi tecnici. Ci riproveranno! Chi? Ma tutti gli autorizzati all’accesso al cantiere:!l’ANIA, L’ISVAP, l’ADICONSUM, stante il tenore univoco e monocorde delle loro relazioni alle audizioni di fronte alle commissioni Finanze e Attività Produttive. Nel frattempo però, come dicono a Milano, non stanno certo con le mani in mano (pulite o meno che siano), ed ecco l’ultimo anello della torre: la mediazione obbligatoria anche nella materia R.C Auto. Il Decreto è pronto e può essere letto su internet. E noi? Confidiamo solo nel C.N.F, unica istituzione forense interpellata per un parere?

 

Settimio Catalisano * VICE PRESIDENTE NAZIONALE U.N.A.R.C.A


Add a comment

Riforma: la mediazione finalizzata alla conciliazione

Le onde anomale del processo civile.

 

In attuazione dell’art. 60 della legge n. 69/09, sulla riforma del Processo civile, è entrato in vigore il 4 marzo scorso il decreto legislativo n. 28, in materia di mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali.

La norma prevede l’istituzione di particolari organismi di mediazione, presso enti pubblici e privati, o presso i consigli dei vari ordini professionali, camere di commercio, associazioni di categoria e sindacati, la cui funzione dovrebbe essere quella di fornire assistenza legale a soggetti in conflitto, fino a far raggiungere loro lo sperato accordo, nei casi in cui la controversia riguardi materie civili e commerciali su diritti disponibili.

A partire dall’anno prossimo, poi, in alcune particolari materie (condominio, diritti reali, divisione, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di azienda, contratti assicurativi, bancari e finanziari, risarcimento del danno derivante da responsabilità medica, da diffamazione a mezzo stampa o altro mezzo di pubblicità, da circolazione di veicoli e natanti), l’esperimento del procedimento di mediazione, sarà condizione di procedibilità dell’azione civile ordinaria.

E’ da tempo, ormai, che il nostro legislatore declina la parola mediazione in ogni modo e su ogni tipo di materia, pur di arrivare al tanto agognato traguardo della deflazione dei procedimenti processuali pendenti.

Si tende a sostituire funzioni che da sempre sono prerogativa dei magistrati e degli avvocati, con quelle di figure professionali nuove che non si capisce perché dovrebbero riuscire, laddove i primi falliscono.

A volte sembra che il “Palazzo”, pur di riempirsi la bocca dicendo “abbiamo fatto la riforma” di un determinato ambito del diritto, invece di inserire le norme rispettando rigorosi criteri di sistematicità, ve le butti letteralmente dentro, nella sconcertante incapacità di prevedere anche le più immediate conseguenze che un innesto, così disarmonico e disorganico, potrà provocare.

Nella migliore delle ipotesi, quello che si produce non è mai il risultato sperato, ma un pericoloso effetto domino, che sarebbe devastante se la riforma non venisse revocata alla prima prova sul campo, palesando tutta la sua inutilità (si pensi alla norma che qualche anno fa aveva previsto, in materia di sinistri stradali, due diversi tipi di procedimento, a seconda che l’incidente avesse provocato solo danni materiali o solo lesioni fisiche, dimenticando quid iuris nel caso – poi non così raro ed inimmaginabile – che in uno stesso incidente si producessero gli uni e le altre).

Altre riforme si potrebbero intitolare: “Tanto rumore per nulla” . Vedi quanto successo per il processo societario, morto praticamente in culla, o per la legge sull’affidamento condiviso, che di fatto non ha prodotto nessun cambiamento di rilievo rispetto al sistema precedente.

Più che delle riforme, queste nuovi innesti normativi sembrano a volte delle “onde anomale”: lì per lì fanno tanta impressione, ma ormai cominciamo a farci l’abitudine e già sappiamo che basterà aspettare un po’, perché tutto torni come prima.

 

 

Raffaella De Angelis * Avvocato del Foro di Roma

 

 

 


Add a comment
Banner

Newsletter

Newsletter

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto