Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

Diritto

Organismi geneticamente modificati

Il Consiglio di Stato dà via libera alla coltivazione.

 

Il Consiglio di Stato, IV Sezione, sentenza n. 183 del 19 gennaio 2010, ha dato il via libera alla coltivazione di colture geneticamente modificate già autorizzate dalla Unione Europea.

La normativa prevedeva che l’autorizzazione avrebbe potuto essere avviata solo a seguito della predisposizione da parte delle regioni dei cosiddetti “piani di coesistenza”. Così decidendo, il Consiglio di Stato, partendo da una fattispecie che riguardava il solo mais, ha consentito la coltivazione di tutte le varietà geneticamente modificate, autorizzate dall’Unione Europea ed ha dunque fatto cessare la annosa moratoria attuata in conformità con il principio di precauzione.

La decisione è originata da un ricorso presentato da un agricoltore, vicepresidente di una associazione di agricoltori favorevoli allo sviluppo delle biotecnologie.

Il ricorso al Consiglio di Stato nasceva dal diniego dell’autorizzazione alla semina di mais OGM da parte del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali.

La tematica della applicazione della ingegneria al Vivente si erige a portata universale, inducendo ad una necessaria crasi integrativa tra Scienza ed Etica, che non possono, alla luce delle recenti scoperte ed applicazioni della Ricerca, continuare a scorrere su piani paralleli, se si vuole riconoscere il Principio della Responsabilità dell’Uomo nei confronti dell’Ambiente.

La questione degli OGM è senza dubbio una tra le realtà più discusse nel nuovo millennio. I nostri cibi, la nostra aria, la nostra terra sopravvivono a secoli di lotta frenetica contro un’evoluzione imposta dall’uomo.

Difficilmente ci soffermiamo su ciò che mangiamo.

Ormai nutrirsi è diventato un automatismo, generando una fattuale indifferenza nei confronti di una scelta dei prodotti agricoli che invece dovrebbe essere accurata, senza considerare quelle che possono essere le conseguenze sul nostro organismo e sul nostro ambiente.

L’utilizzo degli OGM in impiego confinato, dapprima ai soli fini di ricerca scientifica, poi l’emissione in campo aperto, sino alla immissione in commercio dei prodotti costituiti da OGM o contenenti OGM è divenuto prassi di sistema.

Oggi gli Organismi Geneticamente Modificati sono rinvenibili in prodotti finiti in commercio, ordinariamente presenti sui nostri deschi o utilizzati quali mangimi per animali poi destinati all’alimentazione umana.

Di recente la normativa comunitaria ha introdotto con Regolamento la necessità per gli Stati membri di attuare il metodo della “coesistenza dei sistemi convenzionali, biologici e OGM”, inducendo una rivoluzione nell’assetto del mondo agricolo.

Ma si perde di vista la necessità di preservare l’unicità del patrimonio dei prodotti tipici, o protetti da marchi, l’esigenza di consentire al consumatore finale la scelta se prediligere prodotti biologici, tratti dall’agricoltura convenzionale o derivati da OGM.

Si legge sistematicamente nei preamboli e nei considerando della normativa europea un appello alla somma accortezza per la tutela della salute umana ed animale e dell’ambiente: così l’appello si rinviene nelle norme impositive dell’obbligo di etichettatura, nelle norme aventi ad oggetto la brevettabilità del vivente, in tutte quelle procedure di allerta dettate in caso si manifestino pericoli difficilmente arginabili, nel regime di sanzioni penali comminate, sino alla previsione della “clausola di salvaguardia” adottabile da parte di ciascuno degli Stato membri, in caso si paventi un rischio potenziale.

Credo occorra una prudenza peculiare per attuare il principio di precauzione, legge comunitaria e nazionale, che obbliga a sospendere le attività nel caso si paventi un rischio per la salute o l’ambiente, allo stesso grado dei casi di pericolo presunto in astratto previsti dal codice penale italiano.

 

Francesca Romana Fragale*

AVV. PENALISTA,

PRESIDENTE DELL'ASSOCIAZIONE "FUTURO SOSTENIBILE".

         MEMBRO DELLA CAMERA PENALE DI ROMA       


Add a comment

Rifiuti: sistema di tracciabilità

avv. Romolo Reboa, avv. Reboa, Romolo Reboa, Reboa, Romolo, Ingiustizia la PAROLA al POPOLO, la PAROLA al POPOLOUn passo in avanti nella repressione dei reati contro l’ambiente

In tema di gestione  smaltimento dei rifiuti, una delle novità di maggiore interesse degli ultimi anni è certamente rappresentata dall’introduzione, con il D.M. 17.12.09, del c.d. “S.I.S.T.RI.” .
Con l’acronimo S.I.S.T.R.I. ci si riferisce ad un sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, avente come scopo istituzionale quello di garantire – attraverso una maggiore informatizzazione dell’intera filiera dei rifiuti – un maggiore controllo nel campo della movimentazione dei rifiuti speciali nonché, per quanto concerne la Regione Campania, anche dei rifiuti urbani.
Come sottolineato da più parti, diverse sono le innovazioni introdotte dal S.I.S.T.R.I., anche se la maggiore – quantomeno a nostro avviso – è rappresentata dal “rivoluzionario” passaggio da un sistema di tracciabilità dei rifiuti di tipo cartaceo ad un sistema prevalentemente digitale e tecnologicamente avanzato.
“Rivoluzione”, quella del S.I.S.T.R.I, che, come tutti i cambiamenti strutturali, porta con sé numerosi (e non sempre facilmente risolvibili) interrogativi e dubbi interpretativi.
Fra di essi, il primo “nodo” da sciogliere potrebbe essere quello dell’individuazione, per un verso, dei soggetti ai quali spetta la gestione del S.I.S.T.R.I. e, per altro verso, di quelli che, per legge, sono tenuti ad aderire a tale sistema.
Con riferimento alla gestione del S.I.S.T.R.I., la normativa di settore prevede che il sistema venga gestito, oltre che dal Ministero dell’Ambiente, dall’Arma dei Carabinieri, per mezzo del Nucleo per la Tutela Ambientale. Funzioni di ausilio all’Arma saranno svolte anche dall’ISPRA (l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), dall’Albo nazionale dei Gestori ambientali nonché dalle Camere di Commercio.
Quanto, invece, alle categorie tenute ad aderire al S.I.S.T.R.I., la norma di riferimento è certamente l’art. 1 del D.M. 17.12.09, che individua tre distinte categorie di soggetti: quelli tenuti ad aderire al sistema “coattivamente”; quelli che possono aderire al sistema “su domanda”; ed, infine, quelli che possono aderire al sistema soltanto “a partire” dal duecento-decimo giorno della data di pubblicazione del D.M. .
Sul punto, la normativa succitata prevede altresì che un’impresa rientri nella prima, nella seconda, nella terza categoria sulla base di diversi criteri, fra i quali – quello più rilevante – è certamente quello relativo al numero di dipendenti del’impresa.
A tal fine, dovranno essere presi in considerazione i dipendenti relativi all’anno precedente a quello della comunicazione dei dati al sistema. Nel computo dei dipendenti dovranno inoltre essere presi in considerazione sia i dipendenti assunti a tempo pieno sia quelli in cassa integrazione.
E’ inoltre opportuno richiamare l’attenzione su quanto previsto dal decreto legislativo di recepimento della direttiva 2008/98/Ce, che, nella sua ultima bozza, prevede delle apposite sanzioni nei confronti di coloro i quali violino gli obblighi di registrazione e comunicazione previsti in materia di S.I.S.T.R.I. .
Individuati i soggetti tenuti, obbligatoriamente o su base volontaria, ad aderire al S.I.S.T.R.I., appare adesso opportuno soffermarsi sulle principali innovazioni introdotte dal sistema.
Fra di esse, è bene ricordarne soprattutto tre: 1) la conoscibilità – pressoché in tempo reale – dei dati inseriti nel sistema;  2) la riduzione dei costi gravanti sulle imprese. Anche la riduzione dei costi rappresenta una conseguenza diretta della digitalizzazione del sistema: una “filiera digitalizzata” ha meno costi rispetto ad una “filiera cartacea”; 3) la maggiore celerità negli adempimenti e semplificazione dell’iter burocratico/amministrativo.
Strettamente connessa alla digitalizzazione del sistema di tracciabilità dei rifiuti è l’introduzione della cd.  “scheda S.I.S.T.R.I.”. Con tale termine si fa riferimento ad un documento, di tipo elettronico, formato da diverse sezioni, alla cui compilazione sono preposti soggetti differenti individuati dalla normativa di dettaglio.
Sotto profilo eminentemente pratico, la normativa di settore subordina l’accesso al S.I.S.T.R.I. alla consegna agli utenti (a) di un dispositivo per l’accesso in sicurezza al sistema informatico (cd. “dispositivo USB”), (aa) di un dispositivo elettronico destinato ad essere installato all’interno dei veicoli che trasportano rifiuti (cd. “dispositivo black box”) ed, infine, (aaa) di diverse apparecchiature di sicurezza dirette a monitorare l’ingresso e l’uscita dei veicoli dagli impianti di discarica.
In merito a tali dispositivi, è bene chiarire che ciascun operatore potrà richiedere un dispositivo USB per ogni unità locale.
Al solo fine di sgombrare il campo da possibili dubbi interpretativi, giova altresì precisare – con specifico riferimento ai trasportatori di rifiuti - che i dispositivi elettronici si riferiscono alla targa dell’autoveicolo e non alla persona fisica addetta al trasporto.
Per l’effetto, sarà ben possibile cambiare la persona fisica del trasportatore senza necessita di dotare il “nuovo” trasportatore (inteso come persona fisica) di un apposito dispositivo elettronico.
Per quanto concerne, invece, i costi a carico dei soggetti che aderiscono al S.I.S.T.R.I., il D.M. ha introdotto il versamento di un contributo, da parte degli aderenti al sistema, finalizzato a coprire i costi necessari alla costituzione ed al funzionamento del S.I.S.T.R.I. .
L’ammontare di tale contributo, al cui pagamento è subordinata la consegna dei dispositivi USB e delle black box, è determinato sulla base di diversi criteri, quali (i) la quantità di rifiuti “gestiti”, (ii) la tipologia dei rifiuti, (iii) la dimensione dell’impresa.
Il contributo, che va calcolato in relazione a ciascuna unità locale e che potrà essere versato presso gli sportelli postali o quelli bancari (nonché presso la Tesoreria provinciale dello Stato), andrà versato entro il 31 Gennaio di ogni anno e si riferisce all’anno solare di competenza.
In conclusione, esaminati – seppur brevemente - i tratti di maggiore novità del S.I.ST.R.I., a nostro avviso, sulla base di quanto sopra evidenziato, appare evidente che la messa “a regime” del S.I.S.T.R.I. potrà rappresentare una vera e propria “rivoluzione” nel campo della tracciabilità dei rifiuti, con indiscutibili vantaggi non solo per gli operatori di settore in termini di semplificazione delle loro attività professionali ma anche per le Forze dell’Ordine nell’attività di repressione dei sempre più diffusi illeciti penali connessi alla “gestione” dei rifiuti.
Tuttavia - allo scopo di evitare che S.I.S.T.R.I. non rimanga una bellissima “tigre di carta” – appare auspicabile un potenziamento dell’azione, da parte delle Istituzioni e dei privati, volta a superare i dubbi e gli scetticismi sul S.I.S.T.R.I., determinati - per la gran parte - unicamente delle difficoltà interpretative della disciplina di settore, molto tecnica ed a tratti - addirittura - “criptica” per gli stessi operatori.

Avv. Prof. Francesco Emanuele Salamone*

Avvocato del Foro di Roma e docente presso l’Università della Tuscia

 


Add a comment

Il rapporto tra l'uomo e l'informatica

avv. Romolo Reboa, avv. Reboa, Romolo Reboa, Reboa, Romolo, Ingiustizia la PAROLA al POPOLO, la PAROLA al POPOLODivagazione sulle strutture informatiche del tribunale e relativi vantaggi

 

 

Divagazione sulle strutture informatiche del tribunale e sui vantaggi che queste possono dare come tessere di quel mosaico che domani dovrà essere un mondo migliore.

Questa è l’utopia: rideterminare l’uso delle tecniche nel programma dell’era dell’acquario. Oggi non c’è luogo per l’utopia se non nel pensiero vincente ed è l’era del matrimonio necessario tra una buona scienza e le sue innovazioni figlie di un’etica vincente.

Nei limiti del diritto applicato in concreto nel Nuovo Ordine Mondiale. Platone nella “ Repubblica “diceva che compito della filosofia è quello di dare sapere, altrimenti è inutile.

Oggi la filosofia per farlo abbraccia la scienza.

Naturalmente mantenendo il quadro che dà senso al percorso dell’umanità. L’informatica sta invadendo i territori della giustizia perché il processo possa recuperare, nei tempi brevi del virtuale, un risultato di certezza utile alla economia dei rapporti sociali.

L’iter e lo schema delle procedure, alleggerite dalle sovrabbondanze di antichi rituali cartacei, è un territorio nuovo sul quale dovrebbe navigare la Giustizia.

In parallelo infatti, se fosse riequilibrato il rapporto tra queste semplificazioni (l’hard) e gli operatori del servizio (giudici, avvocati, funzionari dipendenti dall’organismo giustizia tutti), gli utenti e i cittadini riconoscerebbero, nello svolgimento e nell’esaurimento dei processi, la Polis.

Quella che l’opinione pubblica vorrebbe nel vivere comune rimotivato con buona salute (sanità) anche della cultura (scuola).

La società si incardina e vive in queste tre funzioni: la legge, la salute, la cultura.

Nell’induzione di queste proposizioni vorremmo ricavare la deduzione (la reductio ad unum), impossibile sino a quando la mole dei processi sarà tale da ingorgare il normale rapporto sociale della società.

In definitiva sarà sempre in evidenza, percepito come tale, solo un rapporto di informazione automatica (informatica: quella che non riscalda il cuore) per i cittadini ostacolati nel vivere civile nella città.

Quante tonnellate di carte riemergono dal ritardo di riequilibrio che si svolge, ad esempio, a Roma, tra le parti sociali?

Ricchi e poveri sono, su fronti opposti ma omologati dai media, nella frana delle dinamiche economiche che non torneranno umane se non riequilibrando quella bilancia che è ben figurata nelle aule del tribunale. Così, analizzato il problema,quello della organizzazione e funzionamento della Giustizia, ed, a caduta, le connessioni possibili per un riordino della società, dobbiamo prendere atto della necessità della totale rielaborazione del quadro.

Questo è innestato nelle accelerazioni dei tempi virtuali che sconfessano gli equilibri culturali e antropologici della Polis. L’uomo è condizione condizionato dei cambiamenti che vive nella società ed allora deve rimodellare le priorità di intervento risalendo alle radici del problema che è l’uomo sociale. Questo è “elementare” direbbe Sherlock Holmes a Watson.

Allora nuovi paradigmi devono regolare il progresso delle civiltà secondo i tempi e i luoghi dell’oggi in cui ogni innovazione deve vivere nella filosofia del sapere.

La reductio ad unum degli statuti delle religioni, delle costituzioni degli stati, può essere, pur nelle articolazioni diverse come è legge di vita, nella rifondazione di quel principio ineludibile del diritto di ogni cittadino del mondo, nel pianeta globale dell’oggi, di avere concreta giustizia nella sapienza di una nuova cultura. Oltre la violenza degli antagonismi che ha come traguardo solo Hiroscima.

Piccoli passi di corrispondenza appaiono all’orizzonte nella attuazione di principi e leggi dove può, nello specifico, essere fattuale la difesa dei più deboli, i menodotati, i malati, i vecchi ed anche la speranza non ci deve lasciare se vediamo tornare al sole 33 minatori persi a settecento metri di profondità.

Giovanni Lombardi*

AVVOCATO DEL FORO DI ROMA

WWW.VIAPANISPERNA.COM

 

 

 


Add a comment

Avvocato su strada offresi

Commento alla sentenza 23287/10 delle Sezioni Unite

Le S.S.U.U. con sentenza 23287/10 pubblicata il 18/11/10, confermando la gravata decisione 183/09 del CNF; hanno posto alcuni punti fermi sul tema dei cosiddetti “negozi di strada”. La sentenza va letta ed approfondita per quanto di innovativo e per le indicazioni al futuro che contiene. Purtroppo al fine di acquisire un facile consenso congressuale se ne è data diffusione offrendone una lettura parziale ed erronea, che la riduce a banale ripetizione di concetti tralatici.

Questa la vicenda: due Colleghi hanno aperto a Milano sotto l’insegna “A.L.T. -assistenza legale per tutti” un ufficio direttamente affacciato sulla pubblica via alla cui porta di ingresso era applicata una scritta a caratteri vistosi recante l’indicazione “prima consulenza gratuita”. Il procedimento disciplinare sia in sede territoriale che avanti il CNF si concludeva con l’irrogazione della censura, ritenendosi l’acronimo A.L.T. e le scritte sulla porta quale pubblicità suggestiva.

Questi i punti salienti del decisum. Il CNF ha ritenuto e le S.S.U.U. hanno confermato che va “escluso ogni responsabilità (deontologica) per l’uso di ambienti diversi da quelli tradizionali”.

Ne derivano l’ampliamento delle possibilità organizzative a basso costo dell’attività professionale; l’avvicinamento, sul territorio e le sue specificità, tra la domanda e l’offerta di giustizia; il superamento dell’ingiusta esclusione dalla “buona-uscita” ex art. 35 Lg. 392/78; un ulteriore elemento ermeneutico in favore della valutazione economica dello studio professionale quale universitas bonorum.

Sia pure quale obiter dictum viene poi legittimata la gratuità del primo colloquio di orientamento che si pone quindi come primo momento di verifica di affidabilità e occasione per le informative cui le norme obbligano l’Avvocato.

La gratuità faciliterà il cittadino nella valutazione della tutela dei propri diritti anche minimali. Si amplia la domanda e la scelta del professionista sarà basata su una valutazione comparativa di qualità.

Il CNF e le S.S.U.U. hanno ritenuto tuttavia sussistere una qualche violazione deontologica, ritenendo “l’insegna” e il messaggio suggestivi e non informativi; la vicenda viene dunque ricondotta solo nell’alveo della pubblicità professionale.

Occorre osservare che con la sentenza in esame si afferma implicitamente la legittimità dell’insegna e del logo, anche al di fuori delle prescrizioni del D.lgt 96/01 e della Lg. 1815/39 che limitano la Ditta alla sola litania di nomi e titoli.

Sulla questione della “pubblicità suggestiva” è corretto e necessario offrire solidarietà alla Collega censurata che, seppur caduta in errore; ha fatto emergere un ulteriore area di ritardo nella modernizzazione della professione.

La direttiva c.d. Bolkestein (CE n. 123 d.d. 12/12/06) definisce la pubblicità professionale “comunicazioni commerciali emananti dalle professioni regolamentate”, ma rinvia alle regole deontologiche la definizione della loro specificità. Evidente dunque da un lato la vocazione ed al mercato e dall’altra la necessità di una regola particolare. La norma deontologica dunque non può più risolversi in un canone generico riempito dalla casistica giurisprudenziale; ma dovrà essere maggiormente scolpita. Non è ammissibile che la giurisprudenza si formi sull’errore di colleghi sanzionabili, e che saranno così indotti a non correre il rischio dell’innovazione (a riprova l’art. 9, 3° della L.P. approvata dal solo Senato il 23/11/10).

Se la Collega è colpevole evidente è però il concorso di colpa di chi non ha tempestivamente provveduto ad una normazione al passo con lo sviluppo della società e dell’economia.

Anche su questo le S.S.U.U. sono chiarissime nell’indicare i giusti motivi di compensazione delle spese nella: “mancanza di precedenti arresti giurisprudenziali in tema di pubblicità da parte di studi legali che potessero costituire un precedente orientativo, in presenza della novità normativa sia a livello legislativo che di codice deontologico”.

 

Avv. Roberto Zazza *

Presidente Forum delle Professioni

 

 


Add a comment
Banner

Newsletter

Newsletter

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto