Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

Avvocato su strada offresi

avv. Romolo Reboa, avv. Reboa, Romolo Reboa, Reboa, Romolo, Ingiustizia la PAROLA al POPOLO, la PAROLA al POPOLOLe S.S.U.U. con sentenza 23287/10 pubblicata il 18/11/10, confermando la gravata decisione 183/09 del CNF; hanno posto alcuni punti fermi sul tema dei cosiddetti “negozi di strada”. La sentenza va letta ed approfondita per quanto di innovativo e per le indicazioni al futuro che contiene. Purtroppo al fine di acquisire un facile consenso congressuale se ne è data diffusione offrendone una lettura parziale ed erronea, che la riduce a banale ripetizione di concetti tralatici.

Questa la vicenda: due Colleghi hanno aperto a Milano sotto l’insegna “A.L.T. - assistenza legale per tutti” un ufficio direttamente affacciato sulla pubblica via alla cui porta di ingresso era applicata una scritta a caratteri vistosi recante l’indicazione “prima consulenza gratuita”.

Il procedimento disciplinare sia in sede territoriale che avanti il CNF si concludeva con l’irrogazione della censura, ritenendosi l’acronimo A.L.T. e le scritte sulla porta quale pubblicità suggestiva. Questi i punti salienti del decisum.

Il CNF ha ritenuto e le S.S.U.U. hanno confermato che va “escluso ogni responsabilità (deontologica) per l’uso di ambienti diversi da quelli tradizionali”.

Ne derivano l’ampliamento delle possibilità organizzative a basso costo dell’attività professionale; l’avvicinamento, sul territorio e le sue specificità, tra la domanda e l’offerta di giustizia; il superamento dell’ingiusta esclusione dalla “buona-uscita” ex art. 35 Lg. 392/78; un ulteriore elemento ermeneutico in favore della valutazione economica dello studio professionale quale universitas bonorum.

Sia pure quale obiter dictum viene poi legittimata la gratuità del primo colloquio di orientamento che si pone quindi come primo momento di verifica di affidabilità e occasione per le informative cui le norme obbligano l’Avvocato.

La gratuità faciliterà il cittadino nella valutazione della tutela dei propri diritti anche minimali. Si amplia la domanda e la scelta del professionista sarà basata su una valutazione comparativa di qualità.

Il CNF e le S.S.U.U. hanno ritenuto tuttavia sussistere una qualche violazione deontologica, ritenendo “l’insegna” e il messaggio suggestivi e non informativi; la vicenda viene dunque ricondotta solo nell’alveo della pubblicità professionale.

Occorre osservare che con la sentenza in esame si afferma implicitamente la legittimità dell’insegna e del logo, anche al di fuori delle prescrizioni del D.lgt 96/01 e della Lg. 1815/39 che limitano la Ditta alla sola litania di nomi e titoli.

Sulla questione della “pubblicità suggestiva” è corretto e necessario offrire solidarietà alla Collega censurata che, seppur caduta in errore; ha fatto emergere un ulteriore area di ritardo nella modernizzazione della professione.

La direttiva c.d. Bolkestein (CE n. 123 d.d. 12/12/06) definisce la pubblicità professionale “comunicazioni commerciali emananti dalle professioni regolamentate”, ma rinvia alle regole deontologiche la definizione della loro specificità. Evidente dunque da un lato la vocazione ed al mercato e dall’altra la necessità di una regola particolare. La norma deontologica dunque non può più risolversi in un canone generico riempito dalla casistica giurisprudenziale; ma dovrà essere maggiormente scolpita.

Non è ammissibile che la giurisprudenza si formi sull’errore di colleghi sanzionabili, e che saranno così indotti a non correre il rischio dell’innovazione (a riprova l’art. 9, 3° della L.P. approvata dal solo Senato il 23/11/10).

Se la Collega è colpevole evidente è però il concorso di colpa di chi non ha tempestivamente provveduto ad una normazione al passo con lo sviluppo della società e dell’economia.

Anche su questo le S.S.U.U. sono chiarissime nell’indicare i giusti motivi di compensazione delle spese nella: “mancanza di precedenti arresti giurisprudenziali in tema di pubblicità da parte di studi legali che potessero costituire un precedente orientativo, in presenza della novità normativa sia a livello legislativo che di codice deontologico”.

 

Avv. Roberto Zazza*

Presidente Forum delle Professioni

 

 

Banner

Newsletter

Newsletter

Articoli correlati

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto