Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

Il plagio in musica attraverso un diverso approccio culturale

Negli articoli precedenti abbiamo seguito la vicenda legata al presunto plagio del brano "Rolls Royce". Partendo da questo fatto, siamo riusciti a contattare il M° Luca Ruggero Jacovella, che  ha suggerito un interessante e innovativo approccio cognitivo per la valutazione dei casi di plagio.

Ricordiamo che Jacovella è un raffinato musicista e compositore che svolge ricerche sull'applicazione di specifiche teorie musicologiche al diritto d'autore, redigendo innovative proposte di legge per conto del Sodalizio Sos Musicisti, alcune delle quali depositate presso la 7a Commissione Permanente Cultura e Spettacolo del Senato della Repubblica. Tra l'altro è stato nominato socio emerito della Società Italiana Esperti Diritto delle Arti e dello Spettacolo.

alt

D: Quali sono le differenze tra somiglianza e plagio?

R: La musica creata (“composta”, pur non essendo la composizione l’unico processo formativo possibile) è da sempre soggetta alle influenze di altri autori e di altre opere. Nel passato, le ampie citazioni e gli “omaggi” musicali ad illustri colleghi erano la prassi consolidata. Eppure, la creatività che sgorgava in queste epoche ci ha lasciato capolavori che successivamente sono stati considerati dei “classici”.
Oggi invece c’è una sorta di dicotomia tra prassi musicali e giurisprudenza: in quest’ultima si va a ricercare l’originalità “assoluta” rispetto al passato (circostanza pressoché impossibile su brevi stringhe musicali) ma circoscritta allo specifico parametro musicale della melodia. Io mi pongo in maniera critica riguardo questa tendenza. Un conto è quindi la “somiglianza”, frutto di ispirazione o di ineludibile influenza culturale (definite anche “larcins imperceptibles”), e ben altro è il plagio, che sussiste quando l’appropriazione indebita di materiale musicale appare o pedissequa oppure inequivocabile, nonostante le possibili e molteplici tecniche di trattamento, anche spontanee (faccio riferimento al concetto di “estemporizzazione” all’interno della “Teoria della Formatività Audiotattile” del prof. Vincenzo Caporaletti); ed è questo il plagio-contraffazione.

D: Lei è stato interpellato anche per il recente caso che riguardava la canzone “Rolls Royce” di Achille Lauro al Festival di Sanremo e una band di Latina, la “Enter”, la quale ha ritenuto di essere stata plagiata. Cosa ha evidenziato nello specifico?

R: In questo specifico caso pur essendo le canzoni diverse, il riff strumentale di base era pressoché il medesimo. Un riff è una frase, anche breve, ripetuta ostinatamente diverse volte, ed in molte opere rock, jazz e pop costituisce la composizione stessa. Caso diciamo singolare…perché, come ho appena detto, nella giurisprudenza italiana viene presa in considerazione solo la melodia cantata (o cantabile) di un brano, ma vengono trascurati, per ovvie ragioni culturali, altri parametri musicali importanti, tra cui i riff anche quando assumono ruolo fondante dell’opera, come nel caso di specie.

D: Cosa proporrebbe come miglioria sistemica nel sitema di valutazione dei casi plagio?

R: Due sono i problemi, seri, che ravvedo sempre nelle cause di plagio: il primo riguarda un errato concetto di “originalità”, del quale ho fatto menzione prima, ed il secondo riguarda la scelta dei CTU. In tante altre branche del sapere è ovvio che sia imprescindibile la specializzazione, ad esempio un medico odontoiatra non potrebbe valutare un caso inerente la chirurgia cardiovascolare, oppure un ingegnere aereospaziale difficilmente si potrebbe pronunciare su un caso di edilizia civile. Nella musica, invece, si crede erroneamente che qualsiasi Maestro o docente di Conservatorio, o qualsiasi perito possa esprimersi su problematiche di qualsiasi genere di musica. La moderna ricerca musicologica e scientifica ha invece evidenziato come alla musica “classica” e a quella comunemente conosciuta come “popular” corrispondano diverse cognitività poste a fondamento di alternative processualità formative e, quindi, di opposte attività di codifica-decodifica delle opere.


Banner

Newsletter

Newsletter

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto