Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

Giudici di Pace: sciopero dal 29 settembre al 3 ottobre

L'Unione Nazionale Giudici di Pace ha proclamato lo sciopero nazionale dei giudici di pace dal 29 settembre al 3 ottobre 2014. L'Unione nel comunicato diramato, rivendica una riforma avente lo scopo di adeguare la condizione dei giudici di pace ai principi costituzionali, alle garanzie di indipendenza e autonomia dei giudici e di assicurare a cittadini ed imprese il miglioramento della Giustizia, che costituisce una delle principali e fondamentali Funzioni (e non servizio) dello Stato. In particolare, le critiche mosse da Unagipa riguardano: i recenti provvedimenti annunciati dal Governo, che tendono alla mera "rottamazione" della domanda di giustizia, accrescendo i costi ed i tempi della definizione dei processi con la prescrizione di fasi di conciliazione obbligatoria e di negoziazione assistita; l'orientamento ministeriale sulla riforma della c.d. magistratura onoraria, che nega di fatto la natura giurisdizionale all'attività degli uffici del giudice di pace, nonostante la stessa conti oltre un milione e 600 procedimenti; i trattamenti previsti dal Ministro, che compromettono l'autonomia e l'indipendenza dei giudici di pace, rendendo vano l'obiettivo della "terzietà" nonostante sia prevista l'assegnazione ai futuri uffici di competenze maggiori delle attuali sia per valore che per materia.

UNIONE NAZIONALE GIUDICI DI PACE

* unagipa *

Al Presidente del Consiglio dei Ministri

Al Ministro della Giustizia

A tutti i Presidenti di Corte di Appello-Loro sedi

e p.c.

Al Consiglio Superiore della Magistratura

***Alla Commissione di Garanzia per l'attuazione della legge sullo sciopero nei servizi pubblici essenziali

Oggetto: Proclamazione dell'astensione nazionale dalle udienze dei Giudici di Pace dal 29 settembre al 3 ottobre 2014

Avendo esperito le procedure di raffreddamento previste dall'articolo 7 del Codice di autoregolamentazione per l'esercizio dello sciopero e delle astensioni dalle attività giudiziarie nel comparto degli uffici del giudice di pace di cui alla nota 6.9.2014 ed avendo preso atto degli orientamenti del Ministro della Giustizia contrari alle esigenze della categoria e alla corretta amministrazione della Giustizia, che derivano dall'ossequio ai principi fondamentali della Costituzione e alle Raccomandazioni delle Istituzioni Europee con la presente l'Unione Nazionale Giudici di Pace proclama lo sciopero nazionale dei giudici di pace dal 29 settembre al 3 ottobre 2014.

La scrivente organizzazione rappresentativa della categoria premette che:

I principi che governano la Giustizia non consentono eccezioni. Non esiste una giustizia onoraria, semmai una giustizia che funziona ed una giustizia che non funziona. I giudici di pace chiedono al Governo ed al Parlamento il rispetto della Costituzione, nonchè delle raccomandazioni e sollecitazioni provenienti dalle più alte Istituzioni Europee (Corte Europea dei Diritti dell'Uomo e Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa) per cui la Giustizia, in qualsiasi grado e da chiunque svolta, esige, al fine di garantire l'imparzialità, indipendenza e professionalità del giudice, il riconoscimento a tutti magistrati, siano essi onorari o di carriera, dei diritti fondamentali della continuità del servizio, di un trattamento economico sufficiente, del diritto di difesa nei procedimenti disciplinari e paradisciplinari,etc

In tal senso, categorica è la raccomandazione del 27.11.2010 del Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa, espressamente estesa anche ai giudici non professionali.

Denuncia che:

1. I recenti provvedimenti annunciati dal Governo tendono alla mera "rottamazione" della domanda di giustizia, accrescendo i costi ed i tempi della definizione dei processi con la prescrizione di fasi di conciliazione obbligatoria e di negoziazione assistita;

2. l'orientamento ministeriale sulla riforma della c.d. magistratura onoraria nega di fatto la natura giurisdizionale all'attività degli uffici del giudice di pace , nonostante che la stessa conta oltre un milione e 600 procedimenti, un indice di litigiosità che supera il 50% di quello dei Tribunali in tutte le materie civili ( 28 procedimenti su 1000 abitanti a fronte di 45 cause su 1000 abitanti del contenzioso tribunalizio), ha assorbito nel 2012 il 56% delle cause di cognizione di primo grado (nell'anno precedente era il 59%) ed il 59% dei decreti ingiuntivi, (strumenti insostituibili per il soddisfacimento dei crediti delle imprese);

3. lo stesso orientamento prevede uno "statuto unitario" comprendente figure diverse di magistrati ed ausiliari al solo scopo ed espediente di utilizzare gli scarni fondi assegnati ai giudici di pace – non integrati da aumenti Istat previsti dalla legge e dagli oneri per copertura previdenziale- per coprire la spesa per l'istituzione dell'ufficio del processo e integrare i trattamenti di got e vpo;

4. i trattamenti previsti dal Ministro compromettono l'autonomia e l'indipendenza dei giudici di pace, rendendo vano l'obiettivo della "terzietà" (temporaneità degli incarichi, drastica riduzione ed aleatorietà del trattamento indennitario dopo il primo quadriennio, mancanza di tutela previdenziale, violazione del diritto di difesa nei procedimenti disciplinari e nelle conferme, assegnazioni all'Ufficio del processo e trasferimenti ad altri uffici del giudice di pace senza il consenso degli interessati, aggravamento ingiustificato delle sanzioni disciplinari e criteri di conferma etc) nonostante che saranno assegnati ai futuri uffici competenze maggiori delle attuali sia per valore che per materia;

Per tali ragioni gli organi deliberanti della scrivente Unione hanno deciso la proclamazione dello sciopero dal 29 settembre al 3 ottobre 2014 e la prosecuzione delle azioni di protesta nel caso in cui non si modifichi e chiarisca la posizione del Ministero.

L'Unione rileva il grave disagio della categoria per essere costretta a ricorrere a prolungate astensioni per rivendicare una riforma avente lo scopo di adeguare la condizione dei giudici di pace ai principi costituzionali, alle garanzie di indipendenza e autonomia dei giudici e di assicurare a cittadini ed imprese il miglioramento della Giustizia, che costituisce una delle principali e fondamentali Funzioni (e non servizio) dello Stato.

Roma 17 settembre 2014.

Il Segretario Generale

Alberto Rossi

Il Presidente Nazionale

Mariaflora Di Giovanni

Il Presidente Onorario

Gabriele Longo

Banner

Newsletter

Newsletter

Articoli correlati

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto