Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

Avvocatura: il toga party no

avv. Romolo Reboa, avv. Reboa, Romolo Reboa, Reboa, Romolo, Ingiustizia la PAROLA al POPOLO, la PAROLA al POPOLOMentre il diritto e la democrazia stanno morendo per mano di una classe politica corrotta ad avida nella quale manca anche un solo Uomo di Governo ma si affollano politicanti di professione impegnati ad accumulare potere e ricchezza; mentre questo accade, gli avvocati romani si esibiscono nel toga party!!! E perché poi? Per apparire nella pagina di cronaca mondana di un quotidiano romano, quella stessa che ospita politici screditati, attricette dal sorriso invitante, nobili dall'araldica lontana e incerta, piccoli protagonisti dello spettacolo, manager e burocrati in cerca di una occasionale pubblicità. Questo il motivo? o forse anche qualche non lontana occasione elettorale dell'Ordine Forense o della politica nazionale. Ma come! Dopo il corteo e il raduno di Piazza S.S Apostoli, dopo i palloncini multicolori agitati nei giardini di Piazza Cavour, eventi che facevano sperare in una avvocatura romana impegnata nella sua vocazione di guardiana del diritto e della giustizia, siamo finiti nel toga party? E intanto i nostri rappresentanti istituzionali di più alto livello si impegnano a combattere "Amica card" un portale web che consente alle imprese di promuovere i propri sevizi, anche quelli di avvocati, pagando un canone "irrisorio" al sito e così recando offesa alla "dignità" dell'avvocato e al suo diritto a "una esistenza libera e dignitosa". E' una battaglia del Consiglio Nazionale Forense ignorata o poco apprezzata dalla stampa (leggi Stefano Feltri su "Il Fatto Quotidiano" del 31 luglio che titola "Avvocati - la lobby è più forte di ogni legge"). Possibile che non se ne indovini una? Possibile che l'avvocatura italiana si impegni in piccole guerre di bottega (meritandosi l'insofferenza e il fastidio della Cancellieri) e taccia sui veri problemi del diritto e della giustizia che sono problemi della collettività alla soluzione dei quali l'avvocatura è anch'essa deputata dalla costituzione. I tempi e le carenze della giustizia ? I tentativi ripetuti di seppellirla e farla tacere: nel civile con riforme e strumenti vari di decimazione del contenzioso, con tempi secolari delle pronuncie; con la sostanziale impotenza dell'azione esecutiva; nel penale con la pratica quotidiana della prescrizione faticosamente ostacolata, con frequenti insuccessi, dalla magistratura. Su questo poco o nulla dai nostri rappresentanti. Nulla sulla difesa della costituzione che la classe politica tenta di modificare con un colpo di mano? Nulla sulle riforme legislative e carcerarie finalizzate alla incolumità dei politici corrotti. Nulla sul trattamento privilegiato che si vuole riservare ai potenti nel loro rapporto con la giustizia. offrendo loro, come prezzo della collaborazione politica, la riforma della giustizia. Su tutto questo nulla. Così da far apparire tutta l'avvocatura allineata agli interessi della classe politica. Ma non siamo noi i portatori dei valori costituzionali di libertà e di giustizia, non solo a difesa dei convenuti e degli imputati, ma anche degli attori e delle parti offese? In realtà dovremmo difendere la magistratura dagli attacchi quotidiani che riceve perché questo è l'interesse della collettività e, guarda caso, il nostro. Non possiamo e non dobbiamo, invece, prendere a modelli e ispiratori gli avvocati dei potenti. Intanto il sistema democratico è fortemente e forse irreparabilmente compromesso dalla potenza delle lobby economiche e politiche che opprimono le minoranze non organizzate. Non riesco a rassegnarmi al fatto che l'avvocatura italiana sia ridotta ad occuparsi di tariffe e di mediazioni mentre ben altro è il suo ruolo; quando la democrazia è in pericolo, noi avvocati, più di ogni altra categoria, abbiamo il compito di difenderla. Mi permetto in conclusione di suggerire, in nota (1), ai nostri rappresentanti qualche lettura. Ma i nostri rappresentanti leggono?

di Giorgio della Valle*

Avvocato del Foro di Roma

(1) Gaetano Mosca – La classe Politica (da Elementi di Scienza Politica) con introduzione di N.Bobbio

Bruno Tinti – La questione immorale Chiarelettere

Ralf Dahrendorf – Dopo la Democrazia

Paul Ginsborg – La Democrazia che non c'è

Banner

Newsletter

Newsletter

Articoli correlati

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto