Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

Habemus legem

avv. Romolo Reboa, avv. Reboa, Romolo Reboa, Reboa, Romolo, Ingiustizia la PAROLA al POPOLO, la PAROLA al POPOLOE' tempo di conclave. Dunque anche l'Avvocatura dall'alto del Palazzaccio o dall'ultimo piano di Via Arenula potrebbe proclamare: Nuntio vobis gaudium magnum, habemus legem advocatorum. Solo che, letta la legge, di gaudio ne resta poco. E' un fritto misto della vecchia Legge Professionale del 1933 e del Codice Deontologico. Contiene solenni proclamazioni ma nessuna disposizione che consenta all'Avvocatura Italiana di uscire dalla morta gora in cui è sprofondata. A giudicare dalla impazienza con la quale era stata sollecitata e attesa, a giudicare dalla precipitosa approvazione a fine legislatura, sembrava dover risolvere tutti i problemi - tanti - della Avvocatura e per riflesso molte insufficienze - tantissime - della giustizia. Invece ha completato e confermato il quadro del totale disinteresse della classe politica per il funzionamento della giustizia e, nello specifico, dell'avvocatura la cui capacità operativa è, nello stato di diritto, presupposto necessario e ineludibile del funzionamento del sistema. Niente di nuovo nel testo che, dopo ottanta anni dal lontano 1933, si presenta con pretese di innovazione; nulla per la valorizzazione della professione più importante in democrazia. Ecco il quadro. Riduzione del tirocinio così da aumentare l'affollamento degli Albi; apertura alla pubblicità forense così da aumentare la confusione a danno della utenza; riserva di assistenza legale stragiudiziale agli avvocati di dubbia efficacia che non sosterrà la prova dei fatti; largo alla specializzazione questa di fatto già istituita dalla prudenza degli utenti e dal senso di responsabilità degli avvocati, una normativa incomprensibile sul patto di quota lite. Insomma c'è poco da rallegrarsi. Chi si aspettava novità capaci di restituire dignità e prestigio alla avvocatura resterà deluso. Solo l'avvocatura operante potrà impossessarsi del proprio altissimo ruolo. Fatta la legge professionale, chi ci salva dai tempi della giustizia che screditano l'avvocatura, dalla insufficienza del personale giudiziario e amministrativo, dai continui attentati alla esigenza di una giustizia rapida efficiente e moderna ? Chi ci salva dagli attentati della giurisprudenza cosiddetta di legittimità alla ammissibilità dei ricorsi (autosufficienza, motivazione per relationam, motivazione semplificata, quesito di diritto - questo per fortuna passato a miglior vita) attentati che hanno reso le camere di consiglio più affollate delle udienze di merito così da consentire la condanna a morte di centinaia di ricorsi? Chi ci salva dalle novità legislative bizzarre e inconcludenti, finalizzate solo alla riduzione del contenzioso, che si susseguono con frequenza mensile talvolta travolte dai fatti a causa della loro evidente incompatibilità con i principi di uno Stato a democrazia costituzionale o in ragione della incompetenza con la quale vengono elaborate e messe alla prova: conferma dell'interesse all'appello, giudizio di ammissibilità dell'appello, ricorribilità per Cassazione della sentenza di primo grado. mediazione obbligatoria, soppressione di tribunali ecc. ecc.? Chi ci salva dal quotidiano aumento del contributo unificato al quale, in violazione di ogni principio, si pretende di assegnare una funzione addirittura punitiva, alla faccia del diritto di tutti i cittadini, ricchi e poveri, all'accesso al sistema giustizia? Ma quelli che partoriscono queste "novità" hanno mai frequentato i Tribunali? O si tratta di feroci economisti assegnati alla Giustizia che hanno l'unico obiettivo di ridurre il sevizio e aumentare i costi? I nostri organismi sindacali tacciono o si accontentano di solenni interventi congressuali del tutto inutili se non accompagnati da iniziative "politiche". Sarebbe, per esempio, opportuno, tra l'altro, raccomandare ai giudici di smetterla di affollare il Parlamento e la Pubblica Amministrazione. La nuova legge professionale ha però codificato all'art. 39 il Congresso Nazionale Forense. Esso è nientedimeno "la massima assise dell'avvocatura italiana" (!!!) Tratta e formula proposte sui temi della giustizia e della tutela dei diritti fondamentali dei cittadini. Perbacco!! E quale credito e rilevanza avranno presso la classe politica e presso il legislatore le proposte dell'Avvocatura? Nell'art. 39 non è detto. Sicuramente nessuna. Si poteva forse fare uno sforzo in più attingendo al codice di deontologia degli Avvocati Europei che ha avuto il coraggio di affidare all'Avvocato la vigilanza "sul rispetto dello stato di diritto e gli interessi di coloro di cui difende i diritti e le libertà" (1. Preambolo – art. 1.1). Ma all'Avvocatura italiana sembra mancare ogni spinta ideale verso obiettivi così elevati che pure le sono intimamente connessi. Da ciò la conseguenza che il nostro dibattito è fioco, che i nostri interventi sono fugaci, che le nostre proteste sono fragili e non creano allarmi di sorta alla classe politica che continua a fare a meno del nostro contributo, quello che l'Avvocatura dovrebbe spendere operando in difesa dei più deboli e dei meno fortunati restando lontanissima dall'area del potere economico e politico. Ma ormai di fronte alla inerte inadeguatezza dei vostri rappresentanti non ci resta che invocare Sant'Ivo.

Giorgio della Valle*

Avvocato del Foro di Roma

Banner

Newsletter

Newsletter

Articoli correlati

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto