Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

VII Conferenza Nazionale dell'Avvocatura

avv. Romolo Reboa, avv. Reboa, Romolo Reboa, Reboa, Romolo, Ingiustizia la PAROLA al POPOLO, la PAROLA al POPOLOIl 25 e 26 Novembre 2011 si è tenuta a Roma, presso il Cavalieri Waldorf Astoria Hotels & Resort, la VII Conferenza Nazionale dell'Avvocatura Italiana, organizzata dall'Organismo Unitario dell'Avvocatura, per discutere della "Riforma della Giustizia civile e penale: il ruolo essenziale dell'Avvocatura". Due giorni di confronto serrato tra i protagonisti del mondo giuridico che, invece di gridare per il dolore di fronte a quanto sta accadendo, hanno tirato fuori la voce più che altro per dichiararsi pronti a combattere le nuove riforme adottate dal governo. Presenti i massimi vertici degli organismi dell'avvocatura più rappresentativi a livello nazionale (OUA, CNF, Cassa Forense, AIGA, ecc.); 160 Presidenti degli Ordini, oltre 800 consiglieri degli Ordini, nonché più di 2000 Avvocati provenienti da ogni parte d'Italia, in rappresentanza delle varie associazioni, o semplicemente giunti per rappresentare se stessi, preoccupati e arrabbiati per le molteplici decisioni che ogni giorno, ormai da un bel po' di tempo, vengono prese e poi rimesse in discussione con maggiore o minore pubblicità da una legislazione sempre più confusa. Non sono mancati nemmeno diversi esponenti politici, in rappresentanza dell'intero arco parlamentare, tutti ansiosi di sottolineare il loro sostegno nei confronti dell'avvocatura e pronti a giurare di avere ostacolato l'approvazione della legge sulla media conciliazione, di avere osteggiato la politica sulla liberalizzazione degli Ordini, di avere favorito e difeso la categoria, attraverso interventi piuttosto goffi e imbarazzanti come hanno confermato i fischi dalla platea. In totale, comunque, più di 1200 i presenti sia il venerdì che il sabato- dato importantissimo- come ha voluto sottolineare Maurizio De Tilla presidente OUA. Sin dall'inizio l'atmosfera si è fatta incandescente; il programma inizialmente previsto è stato stravolto e la Conferenza si è trasformata in un evento pieno di colpi di scena degni di nota: interventi appassionati, notizie che giungevano dal Parlamento piuttosto che dal Ministero della Giustizia e finanche da fonti giornalistiche, riferendo di un'imminente abolizione degli Ordini, di integrale liberalizzazione della professione, di abolizione dell'esame di abilitazione, di accorpamento della Cassa Forense all'Inps, di abolizione della difesa tecnica per i giudizi di primo grado, di abolizione dei casi di incompatibilità della professione e altre aberrazioni del genere. Persino il messaggio fatto pervenire dal Capo dello Stato, il Presidente Giorgio Napolitano ha sollevato dubbi e polemiche :«nell'attuale fase di difficoltà per il consolidamento degli equilibri della finanza pubblica e per il conseguimento di un elevato ritmo di crescita economica la modernizzazione del sistema giustizia costituisce obiettivo indifferibile imposto sia dall'esigenza di assicurare al cittadino procedure giudiziarie di ragionevole durata sia dalle gravi conseguenze che le odierne inefficienze comportano per la competitività del Paese»; per questo occorrono riforme di ampia portata «che razionalizzino l'organizzazione giudiziaria, snelliscano i processi, assicurino la certezza del diritto e corrispondano alle esigenze collettive di sicurezza»; proprio per individuare e realizzare i «necessari interventi normativi e organizzativi, secondo criteri ispirati solo all'interesse generale, il contributo dell'avvocatura - osserva il Presidente della Repubblica - è certamente essenziale in ragione del fondamentale ruolo di tutela dei diritti dei cittadini che ad essa affida la Costituzione»; ruolo che «impone anche la pronta definizione di un organico e condiviso progetto di riforma dell'ordinamento forense». Parole importanti, ma difficili da applicare fintanto che l'avvocatura viene privata del suo ruolo di pilastro della giustizia. Applauditissimo dalla platea, infine, l'intervento da parte del Presidente OUA, Maurizio De Tilla che, senza mezze misure, ha sintetizzato il pensiero comune ribadendo con fierezza che quella dell'Avvocato è una professione speciale, intellettuale, di rilievo costituzionale e ogni attacco ad essa è un attacco diretto ai cittadini. Soprattutto però, d'ora in poi, l'avvocatura dovrà essere unita anche se in passato, non sempre lo è stata e, se necessario, dovrà adottare la linea più dura. A conferma di queste parole il Presidente dell'OUA ha proposto l'approvazione di un documento approvato con acclamazione in cui si è chiesto alle istituzioni di convocare un congresso straordinario dell'Avvocatura e a tutti i parlamentari di opporsi ai provvedimenti che stanno mettendo in ginocchio la giustizia. Ma soprattutto un incontro con il governo e i Presidenti di Camera e Senato perchè finalmente ascoltino il grido d'allarme lanciato dagli avvocati.

"le bombe passano, ma l'avvocatura resta".

Vanessa Pinato

Banner

Newsletter

Newsletter

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto