Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

Le sanzioni alla Giustizia

avv. Romolo Reboa, avv. Reboa, Romolo Reboa, Reboa, Romolo, Ingiustizia la PAROLA al POPOLO, la PAROLA al POPOLOIl diritto a difendere i propri diritti ed interessi legittimi è un diritto inviolabile, al pari del diritto di libertà. Tutti possono agire per la difesa dei propri diritti e interessi legittimi, a prescindere dalla propria condizione. E' compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli che, "limitando di fatto la libertà e l'uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana" (art. 3, comma 2, Cost.). Da oggiAggiungi un appuntamento per oggi non tutti hanno la stessa capacità di difendersi, viene leso il principio di uguaglianza, cade il valore e l'efficacia della legge uguale per tutti. Legge di stabilità 2012 ha così stabilito: all'art. 283 c.p.c. è stato aggiunto il secondo comma che recita "Se l'istanza prevista dal comma che precede [sulla sospensione della sentenza di primo grado] è inammissibile o manifestamente infondata il giudice, con ordinanza non impugnabile, può condannare la parte che l'ha proposta ad una pena pecuniaria non inferiore ad euro 250 e non superiore ad euro 10. 000. L'ordinanza è revocabile con la sentenza che definisce il giudizio". Stessa sorte è stata prevista sull'esecutorietà delle sentenze in materia di lavoro, aggiungendo un comma all'art. 431 c.p.c. Legge di stabilità 2012, che ha modificato sensibilmente anche altre norme del codice di procedura, il cui art. 27 è (significativamente) rubricato "Modifiche al codice di procedura civile per l'accelerazione del contenzioso civile pendente in grado di appello". Sulla stessa linea, è stato ritoccato il Codice del Processo Amministrativo - D. Lgs. n. 195 del 15.11.2011 con decorrenza dall' 8. 12.2011 - dove la previsione, già gravosa, sulle spese di giudizio, di cui all'art. 26, co. 2, è stata corretta ampliandone lo spettro: "Il giudice condanna d'ufficio la parte soccombente al pagamento di una sanzione pecuniaria, in misura non inferiore al doppio e non superiore al quintuplo del contributo unificato dovuto per il ricorso introduttivo del giudizio, quando la parte soccombente ha agito o resistito temerariamente in giudizio. Al gettito delle sanzioni previste dal presente comma si applica l'articolo 15 delle norme di attuazione". Si accelerano i processi ponendo degli ostacoli a chi ritiene di esercitare un legittimo diritto; con la previsione di una sanzione pecuniaria si torna al Medioevo, quando l'accesso alla Giustizia era monopolio di pochi ricchi e nobili. L'esigenza prevalente di ridurre il carico delle cause viene ottenuta tagliando il diritto alla Giustizia con le sanzioni pecuniarie, che saranno comminate dal Magistrato. Ogni norma che tentasse di eludere (o, addirittura, eliminare) la possibilità di agire in giudizio, essendo l'esercizio dei propri diritti inserito nel quadro dei diritti inviolabili della persona, è ingiusta e il diritto ad avvalersi della giurisdizione non può essere sacrificato in vista di altre esigenze, come quella deflattiva del numero delle cause, della speditezza del processo, delle esigenze di bilancio. Quando le procedure ostacolano l'agire per la tutela dei propri diritti o interessi legittimi, determinando la sopravvivenza di situazioni lesive o la inefficacia della tutela giurisdizionale si entra nell'area pericolosa dell'illegittimo impedimento, immotivato e unilaterale, che vulnera l'uguaglianza di fronte alla legge. Un impianto normativo che non amplia il diritto in favore della persona, ma delle esigenze di riduzione del danno dai numeri dei processi (10 milioni di processi pendenti). Un orientamento punitivo nei confronti di coloro che vogliono legittimamente esercitare un loro diritto calpestato e che intendono farlo confermare dal Giudice. Dopo aver aumentato le spese per avviare una causa, impedendo ai meno abbienti di avere Giustizia, con le ulteriori nuove norme si impedisce l'accesso alla Amministrazione della Giustizia, già in gran parte incapace di rendere Giustizia.

Carlo Priolo*

Avvocato del Foro di Roma

Banner

Newsletter

Newsletter

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto