Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

Prendere quel treno...

avv. Romolo Reboa, avv. Reboa, Romolo Reboa, Reboa, Romolo, Ingiustizia la PAROLA al POPOLO, la PAROLA al POPOLOFar ripartire l'Italia, riportarla al lavoro e cose di questo genere sono pane quotidiano di chi ascolta la politica di questi anni. Sarebbe bello arrivarci, sul luogo di lavoro. Per chi si sposta abitualmente con i mezzi pubblici ogni giorno inizia un'avvenuta, fatta di ritardi ma anche di sovraffollamento e di mancanza delle minime misure igieniche. A Roma sono ben conosciuti i disservizi che subiscono i pendolari napoletani, ma sarebbe limitativo parlare solo di loro. I servizi per i pendolari sono infatti mediamente scadenti in tutta Italia, e quelli ferroviari, che ne costituiscono la massima parte, sono causati da Trenitalia, monopolista di fatto del settore. La protesta è nata spontanea a Ladispoli il 31 maggio, quando il treno è stato fermo in stazione per 30 minuti. Neanche a dirlo, è partita la denuncia. La società è stata citata in giudizio per aver tenuto sotto il sole e a porte chiuse un treno sovraffollato, senza aria condizionata e in una situazione precaria dal punto di vista igienico-sanitario? No, sono stati citati i pendolari per interruzione di pubblico servizio. Con facile ironia, potremmo dire però che invadendo i binari i pendolari hanno interrotto un pubblico servizio che non c'era. Insomma Trenitalia persegue uno dei crimini più gravi del nostro paese, il pendolarismo. A loro difesa si è invece schierato il sindaco di Ladispoli, Crescenzo Paliotta, che ha minacciato di costituire il comune parte civile se Trenitalia non ritirerà la denuncia. Il sistema risente del difficile passaggio dal monopolio di stato, che garantiva un servizio complessivamente scadente ma almeno accessibile a tutti, alla concorrenza, per il momento più teorica che pratica visto che l'unico soggetto sul mercato è rimasto Trenitalia. La politica nazionale e regionale del resto, se da un lato è incapace di gestire il problema e tutelare i cittadini, dall'altro non ha la possibilità di rivolgersi ad altre imprese, che non esistono. La conseguenza è che ad oggi invece le tariffe in alcuni casi addirittura raddoppiate senza alcun miglioramento del servizio. E dire che il diritto a circolare liberamente è sancito nella Costituzione, anche se, forse con un poco di ottimismo, i costituenti non si preoccuparono di garantire anche un servizio in condizioni dignitose. L'unica misura che tutti noi potremmo adottare per veder risarciti i nostri interessi e per stimolare i vertici politici e delle ferrovie è denunciare le inefficienze con lo strumento delle class action, anche perché almeno in questo caso non c'è dubbio che i diritti siano omogenei, come richiede l'art. 140 bis nella sua versione definitiva. Ogni giorno circa 13 milioni di persone si muovono per le esigenze più varie e sono chiamati ad affrontare "l'avventura". Se si coalizzassero efficacemente sarebbero il più grande movimento del nostro paese, così divisi invece sono succubi alle promesse del politico di turno che una volta eletto è incastrato nella rete degli interessi delle imprese e si dimentica dei cittadini.

Massimo Reboa

Banner

Newsletter

Newsletter

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto