Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

“Multiculturalismo e integrazione”

avv. Romolo Reboa, avv. Reboa, Romolo Reboa, Reboa, Romolo, Ingiustizia la PAROLA al POPOLO, la PAROLA al POPOLO“Multiculturalismo e integrazione”. Ecco il tema del confronto tra intellettuali e politici organizzato a Roma, nella sala Angiolillo presso il quotidiano “Il Tempo”, dalla “Fondazione Liberal”, con l’impegno, sul territorio, dei circoli “Liberal” di Roma e provincia, coordinati da Giustina Ratto. “Problemi, questi”, ha sottolineato Ferdinando Adornato, Presidente della Fondazione, “ che, oggi più che mai, cultura cristiana e cultura liberale devono affrontare insieme. Per uscire dalla perfida tenaglia tra un multiculturalismo “sempre e comunque”, quasi indifferente alle singole identità nazionali, e, all’opposto, le chiusure a riccio, al limite della xenofobia”.

“In tema di immigrazione”, ha ricordato l’ex-ministro dell’ Interno Beppe Pisanu, “i dati parlano da sé: nel mondo, oggi, ogni anno si muovono 800 milioni di persone, e circa 700 milioni emigrerebbero, se potessero. E’ chiaro che le società future saranno inevitabilmente multi- culturali e multietniche: allora dobbiamo capire che, per ogni democrazia industriale, l’immigrazione da fuori non è solo un’emergenza, ma una svolta storica. Che, però, in Italia va affrontata definendo un nuovo modello di politica, diverso sia dal multiculturalismo del Regno Unito ( di cui lo stesso David Cameron ha riconosciuto ultimamente il fallimento, l’ incapacità di produrre vera integrazione) che dall’ ”assimilazionismo”, un po’ “a forza”, che da sempre contraddistingue la politica francese”. A proposito di Francia, André Glucksmann, saggista, già esponente di punta dei “nouveaux philosophes”, ha precisato che le rivolte delle Bainlieues del 2005, dalla stampa definite emblematiche del fallimento della politica assimilazionista , in realtà erano rivolte di cittadini francesi a tutti gli effetti, di immigrati “di terza generazione” appoggiati da francesi metropolitani: in una comune rabbia contro l’emarginazione, un po’ come gli studenti del ’68, o, più indietro, i contadini delle ”jacqueries” medioevali.

“Più che dar risposte”, ha detto pacatamente il cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, “vorrei porre delle domande. Inevitabilmente sollevate dalla questione immigrazione-multiculturalismo ( concetto in realtà statico, perché sia nel “melting pot” USA, vedi soprattutto New York, che nel Regno Unito, le varie etnie non si son mai veramente incontrate, ma han semplicemente vissuto per decenni l’una accanto all’altra)- interculturalità. Domande sul rapporto fede-politica, già pienamente centrato da Cristo, in chiave di separazione fra chiese e Stato, con la questione di “Quel che è di Cesare”; su quello fede-scienza, e sull’identità. Perchè dialogare con le altre culture, in un’ottica veramente interculturale, dinamica, presuppone, però, di restar pienamente coscienti della propria identità: identità in cui, in tutto l’Occidente, la componente cristiana, sul piano culturale, prima ancor che religioso, resta fondamentale”.

Francesco D’ Onofrio, direttore scientifico della Fondazione, ha evidenziato proprio il grave ritardo dell’ Italia nel definire una linea nuova sul problema dell’immigrazione extracomunitaria (“nonostante il susseguirsi, in vent’anni, di ben tre leggi, Martelli, Turco-Napolitano e Bossi-Fini” ). Emma Bonino, Vicepresidente del Senato e già commissario europeo,dopo aver ricordatol'importanza che oggi per l'economia italiana, comunque si valuti questo fenomeno, assume l'apporto della manodopera extrcomunitaria ( "persino Tremonti e Maroni calcolano questo fabbisogno in ben 250.000 persone all'anno, per i prossimi dieci anni"), ha precisato che la UE sull’immigrazione non ha veri poteri sovranazionali, ma, al massimo, di controllo delle frontiere: “Ecco l’inconsistenza delle polemiche sollevate nei mesi scorsi, dinanzi al rifiuto francese d’ aprire le frontiere alla massa di immigrati in fuga da Libia e Tunisia”.”Senza contare – ha concluso Pier Ferdinando Casini, capogruppo dell’ UDC alla Camera – che, spesso, queste polemiche provenivano proprio da persone, in passato, tra i più fieri nemici dell’integrazione europea. Ad ogni modo, il tema dell’immigrazione non può più essere un’arma contundente usata da i vari politici, specie nelle campagne elettorali:  i cittadini, da quel che vedo, sono ormai stanchi di slogan demagogici, e vogliono che questi problemi siano finalmente affrontati col giusto senso del bene comune”.

 

Fabrizio Federici

Banner

Newsletter

Newsletter

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto