Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

Il testamento biologico

avv. Romolo Reboa, avv. Reboa, Romolo Reboa, Reboa, Romolo, Ingiustizia la PAROLA al POPOLO, la PAROLA al POPOLOMetro di confronto culturale della politica italiana.

Oggi più di ieri l’orizzonte della storia, nel disordinato evolversi  della umanità,  sembra naufragare  verso un impossibile futuro che si nutre soltanto di arcobaleni di speranza.

La storia, in una realtà dissipatrice di certezze e di equilibri, sta per giungere alle colonne di Ercole dove la polis si ingarbuglia, ritmata nelle accelerazioni di tempi informatici.

La straordinaria, geometrica, progressione dei mezzi offerti dalla scienza debbono essere “domati”, compresi e riproposti nell’ordine delle utilità conseguenti alla legalità del loro uso.

Infatti nel loro mal uso producono quelle crisi evidenti  in tutto il pianeta, che, sentinella di guardia e cartina di tornasole pone iperbolici guadi alla nostra coscienza.

Infatti la  frontiera delle responsabilità sociali e personali  è erosa in una risacca inconcludente per  radicate, pervadenti,  ideologie discriminatorie, mentre  la persona, come cittadino, deve vivere la dialettica dei diritti-doveri nella “riconoscenza” consapevole  dello Stato che li formalizza con  gli equilibri conquistati dalla convivenza sociale.

Questa forma e in forma proprio là dove la legalità sembra subire uno iato o una offesa, anche nella gradazione della loro imputabilità, (testamento biologico).

Il diritto alla vita si manifesta, alle radici della sua essenza, nella volontà fisiologica di auto sufficienza  della persona.

 Dalla nascita sino alla morte questo diritto, primario ed elementare ad esistere, si arricchisce di tutti gli attributi che formeranno, nello svolgersi della coscienza, l’identità della  persona e questo anche, attraverso il  riconoscimento sociale in cui si articola la società nella sua più ampia relativa pienezza antropologica culturale.

Questa oggi si alimenta al limite del possibile,in una prioritaria contraddizione, per  una sintesi impossibile nell’inesprimibile rapporto tra la vita e la morte.

Orgoglio, paura o fede,costituiti nel tempo della storia, sono in agguato, ai margini di questo  campo che dobbiamo coltivare nel rispetto della legalità.

Questo è ritmato nella originalità del suo tempo che esclude “interferenze di stato”, ed in questo vale riscoprire, nella sua assolutezza, il rispetto della persona in un mondo  che si incurva e cede  di fronte a questa necessità, paurosamente,come oggi vediamo.

Il riconoscimento di questo, comunque, è un paradigma necessario, nella antropologia  della  specie umana, per quel sempre miglior mondo che vorremmo esplicare, nel vivere.

In questo segmento di tempo si svolge il filo della convivenza e della cultura dell’uomo (coscienza, sapienza?) secondo un ordine che tende a quell’armonia, anche sociale, che poi nel concreto,di volta in volta , dibatte o  disattende.

Il testamento biologico, per altra via, è quindi  termine opportuno e necessario per verificare la capacità politica  di una società che vuole  rendere palese  e realizzare quel principio d’ordine, di legalità e di libertà, nei limiti e nei modi in cui l’individuo, nel  suo crescere in società, può esprimere, rispettato, rispettandolo.

Questo laddove, nel cittadino come individuo, si fronteggia, il diritto alla sacralità della vita  che non è discutibile, ed il suo diritto all’autosufficenza della scelta delle cure e delle terapie, nel rispetto, appunto e proprio, della vita.

Questa anche quando è  relativizzata alla autonomia di ciascuno che nel caso è  il passaggio dalla vita alla morte biologica.

Rimangono, agli estremi limiti del passaggio,lungo o breve che sia, le consapevolezze  solo di colui che le ha vissuto e le vive,con la sua persona.

Rimangono all’esterno,  capisaldi di fortini fuori luogo e tempo, le  incommensurabili ideologie di un linguaggio su un campo finito che non consente violazioni e contraddizioni.

L’arida verità di un campo dove  è dato a te solo  il diritto che non hai (vivere ancora) e  non puoi concedere ad altri (accanimento terapeutico).

Sino a che punto il cittadino può decidere allora, oggi,  nel rispetto della solidarietà che ogni forma di intervento sociale -le cure mediche - dovrebbe offrire,  della sua vita con il testamento biologico?

La vita è, nella sua fondamentale indisponibilità, sacra ,ma la sacralità della vita, come bene concesso dal mistero che viviamo ogni giorno, è nella riconoscenza di questa nei limiti  del rispetto che ci conquistiamo l’un l’altro.

Anche con la solidarietà cosciente che si suggella con il canone che il testamento biologico dovrebbe esprimere  e deve concedersi  in una società che ha nella legge di uno Stato le forme della convivenza  “civile”, armoniche ed equilibrate.

Altrimenti questo lungo percorso dell’umanità, per ritrovarsi anche in quei luoghi dove possiamo ancora dare dignità alla nostra vita, con affermare l’umanità conquistata nell’equilibrio dei suoi valori, sarebbe perso.

Chiaramente allora il testamento può esprimere e formalizzare, nei suoi limiti dati, il valore di una cultura , (che si rinnova con la scienza, che  può e deve  dare aiuto tecnico organico e professionale)  nel rispetto però della persona riconosciuta ancora nei suoi diritti civili  che, nella coscienza della solidarietà  nelle forme maturate  dalla nostra identità politica, deve trovare .

La solidarietà sociale si realizzerà così in concreto, fattiva politicamente e culturalmente valida,  senza  quelle  distonie  di  intervento che sarebbero prevaricatrici in un’area  ed un tempo  in cui non vi è più linguaggio.

“Impossibilia  nemo tenetur”in questa saggezza aforistica sarebbe opportuno, proprio per il rispetto della vita, ancorarsi.

 

 Giovanni Lombardi


Banner

Newsletter

Newsletter

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto