Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

L'inno di protesta dell'Avvocatura italiana

Dopo le numerose iniziative di protesta e la manifestazione indetta dall’OUA il 16 Marzo, è comunque entrato in vigore il D.Lg. 28/2010, ma l’Avvocatura non si ferma: nuovi scioperi e una nuova manifestazione il 14 aprile.

E’ entrato in vigore il 21 Marzo 2011 il D.lg. n° 28/2010 sulla Media Conciliazione obbligatoria. Completamente disatteso l’ emendamento al decreto Milleproroghe, che contemplava un rinvio di un anno dell’ entrata in vigore. L’unico rinvio previsto è stato quello relativo ai sinistri stradali e al contenzioso in materia condominiale. Così ora anche la Media Conciliazione è legge, qui prodest? Sicuramente per i conciliatori non sarà facile comprendere! Ma che cos’è la Media Conciliazione? Un Alternative Dispute Resolution (ADR), cioè un modo diverso di risolvere le controversie. Infatti la conciliazione, come il processo, è un actus trium personarum, ma il ruolo del media-conciliatore non è quello di mettere a confronto le parti ponendole di fronte alle reciproche responsabilità come farebbero un arbitro o un giudice, quanto piuttosto quello di mettere tutti d’accordo! E i termini di questo accordo vengono definiti dalle parti stesse così come pure il conciliatore, il quale è scelto tra i soggetti iscritti all’ Albo degli organismi di conciliazione del Ministero della giustizia. Il conciliatore altro non fa se non assistere le parti e tuttalpiù guidarle alla ricerca della soluzione più soddisfacente. Tutta la procedura si svolge senza formalità presso la sede dell’ organismo di mediazione o nel luogo indicato dal regolamento di procedura dell’ organismo, non richiede l’ausilio dell’avvocato e deve concludersi, necessariamente, per legge, nel termine massimo di 120 giorni. Apparentemente niente di più vantaggioso per i cittadini che, in questo modo, ottengono la possibilità di risolvere le proprie controversie velocemente e senza il pagamento di ingenti parcelle agli avvocati. Quello, tuttavia, che non viene specificato è che qualora le parti non raggiungano il tanto sospirato accordo, per vedere rispettati i propri diritti dovranno comunque ricorrere al tribunale e a quel punto i termini del processo, già tutt’altro che brevi, saranno ulteriormente allungati; e il costo? Sì perché qualcuno dovrà pur pagare il conciliatore e, in particolar modo, questa retribuzione è a carico di entrambe le parti in causa. I costi per la mediazione sono fissati dal Ministero della Giustizia e sono tutt’altro che esigui (vedi il box sottostante). In definitiva la media conciliazione aggrava i costi di accesso alla giustizia, privatizza la giustizia stessa e coloro che ne pagano maggiormente le conseguenze sono proprio i cittadini. La protesta, cui ha aderito l’intera avvocatura, la quasi totalità degli ordini forensi, la cassa forense, quasi tutte le associazioni tranne le camere penali nella loro estensione nazionale ma molte camere penali nelle loro espressioni locali, ruota proprio intorno a questi temi ed è stata sostenuta anche dalle forze politiche che unitariamente hanno chiesto il rinvio dell’entrata in vigore della legge in favore delle modifiche richieste dall’avvocatura. Queste ultime peraltro riguardano anche: la nomina di 600 ausiliari dei giudici, scelti tra magistrati in pensione ed avvocati di Stato; la motivazione breve delle sentenze, con obbligo entro 15 giorni di chiedere la motivazione estesa pagando preventivamente il contributo unificato per il giudizio di appello; l’aumento della metà del contributo unificato per i giudizi di impugnazione; la necessità di un’istanza di trattazione per le impugnazioni pendenti pena l’estinzione del giudizio. L’organismo Unitario dell’avvocatura ha fatto ricorso il 9 Marzo innanzi al TAR del Lazio (vedi il box) facendo  notare come, in aggiunta alle altre tematiche, sia da considerare anche la palese incostituzionalità del Regolamento attuativo della media conciliazione. In attesa della pronuncia del TAR lo stesso Organismo Unitario dell’Avvocatura, appoggiato da alcune tra le più rappresentative associazioni forensi, ha indetto una serie di iniziative di protesta tra cui l’astensione dalle udienze dal 16 al 22 Marzo, l’organizzazione di assemblee aperte ai cittadini e alla società civile presso i Consigli dell’Ordine e le Associazioni, ma soprattutto una importantissima manifestazione di protesta il 16 Marzo al Teatro Capranica di Roma volta alla modifica del disegno di legge, relativo alla rottamazione dei processi. Il Teatro era pieno di avvocati di tutti i fori. I contenuti dei discorsi pronunziati dal Presidente dell’OUA, Avv. Maurizio De Tilla, e dai Presidenti dei Consigli dell’Ordine di Firenze, Napoli, Bari e Milano così come quello del nostro Consigliere dell’Ordine Avv. Mauro Vaglio (spicca l’assenza del Presidente del Consiglio dell’Ordine di Roma), del Presidente dell’AIGA, Giuseppe Sileci, del Segretario Nazionale dell’ANF, Ester Perifano, sono stati molto forti e tutti nel segno di un nuovo impegno verso l’unità dell’Avvocatura, che costituisce senza dubbio l’unica possibilità per la nostra categoria di resistere alla pressione dei cd. “poteri forti” che spingono verso la privatizzazione della Giustizia. Fortemente criticato è stato poi l’atteggiamento del governo, ma in particolar modo, come è stato ribadito da Maurizio De Tilla : “ci chiediamo come si possa accettare un sistema che è incostituzionale, contro i cittadini, escludente nei confronti degli stessi avvocati, viziato da una logica strettamente economicistica nonché dettato da precisi settori dell’impresa di questo Paese.”E ora? A soli pochi giorni dall’entrata in vigore di una legge che ha reso vincitori unicamente i mediatori professionisti, l’Organismo Unitario dell’ Avvocatura ha proclamato altre quattro giornate di astensione dalle udienze (14 e 15 aprile, 26 maggio e 23 giugno). Nel primo giorno della protesta ci sarà una manifestazione a Roma e sino a giugno assemblee in tutti i tribunali italiani. Sono gli avvocati che difendono i diritti dei cittadini ieri, oggi, sempre.

Vanessa Pinato

Banner

Newsletter

Newsletter

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto