Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

I casi di giustizia politica

Silvia BaraldiniVeltroni stipendia la terrorista Baraldini.

 

Silvia Baraldini. Questo nome suscita ricordi controversi e contrastanti. Per il cittadino comune risulta il nome di una terrorista degli anni passati, arrestata e detenuta in America per un certo tempo, ora tornata in Italia grazie all'intervento del governo D'Alema, che ha fatto una sorta di cambio tra la vergogna del Cermis e le sue manette. Per i militanti di estrema sinistra, invece, si tratta del nome di una compagna finita in carcere per errore, una vittima del governo fascista yankee, che l'ha accusata di aver commesso reati immaginari, salvata grazie all'intervento di Rifondazione comunista che ha condotto una lunga battaglia per farla tornare dall'esilio forzato.

Tra le due versioni, di ufficiale c'è che la dottoressa Silvia Baraldini è stata condannata da un regolare tribunale, che deve scontare una pena detentiva di quaranta anni e che «grazie » all'incidente del Cermis, dove morirono decine di turisti italiani a bordo di una ovovia il cui cavo è stato tranciato da un aereo americano, è riuscita a far ritorno in Italia per uno «scambio» diplomatico tra il governo italiano di D'Alema e quello statunitense di Clinton. Ma che sorte ha avuto la compagna Baraldini una volta messo piede nello stivale italiota (dove venne accolta dall'allora ministro Diliberto in persona)? Silvia Baraldini ha ottenuto dal Comune di Roma un incarico di collaborazione esterna di nove mesi per 12.000 euro. Il suo compito è quello di collaborare con l'Osservatorio comunale sull'occupazione e le condizioni del lavoro a Roma, in particolare svolgendo ricerche «relative all'analisi delle caratteristiche del lavoro femminile » per le quali la Baraldini presenterebbe «i requisiti necessari di professionalità e di comprovata esperienza nei compiti indicati». L'Osservatorio fa capo all'assessorato alle politiche del Lavoro condotto da un esponente di Rifondazione comunista, Luigi Nieri e il nome della dottoressa Baraldini è compreso nel Comitato tecnico scientifico.

Per conferire questo incarico di collaborazione esterna non è stata approvata alcuna delibera di Giunta comunale (come di solito avviene) e solo ricercando fra le Determinazioni dirigenziali si può trovare la numero 1042, del 27 dicembre 2002, che conferma come non si tratti di una sua oscura omonima.

Nel disciplinare d'incarico, inoltre, è prevista anche la partecipazione a riunioni, convegni e conferenze: ma come sia possibile tale attività con il regime di detenzione è un mistero, senza dimenticare che gli Stati Uniti hanno posto condizioni molto rigide sul regime di detenzione da osservare per permettere il trasferimento in Italia.

L'Osservatorio Comunale sull'Occupazione e le Condizioni del Lavoro a Roma - spiega l'assessore capitolino Nieri, nel sito internet del Comune di Roma - nasce come strumento con cui il Comune di Roma si propone di intervenire nella conoscenza del Mercato del Lavoro della nostra città, allo scopo di garantire il rispetto dei diritti dei lavoratori, di promuovere la «buona occupazione» contrastando il fenomeno del precariato e del lavoro nero, diffondendo la cultura della legalità. Ma non fa riferimento al fatto che la sinistra italiana ha fatto di tutto per alleviare le sofferenze della detenzione di una «prigioniera politica ».

Secondo il diretto interessato, Luigi Nieri, la polemica sollevata da un esponente dell'opposizione in Consiglio comunale, «è una polemica inutile e strumentale«. «Non entro nel merito della vicenda processuale che la riguarda - afferma Nieri - né entro nel merito degli accordi bilaterali fra Italia e Usa. Mi interessa solo sottolineare che Silvia Baraldini lavora con noi per occuparsi di un progetto di ricerca sulla occupazione femminile».

«Ci sembra - dice ancora Nieri - che a nessuno, ribadisco, a nessuno, vada esclusa una possibilità di reintegrarsi dal punto di vista socio-lavorativo. A maggior ragione per chi ha, come la Baraldini, vissuto tanti anni di dura detenzione lontana dai suoi cari con il diritto alla salute fortemente compromesso.

Insomma, misteri non ce ne sono secondo l'assessore. Però forse Nieri dimentica che il Comune di Roma ha stipendiato anche il capo dei no global romani, quel leader dei centri sociali che più volte è stato arrestato per aver capeggiato i cortei «pacifisti» dei centri sociali, quelli con i caschi, gli scudi e i giubbotti salvagente, e accusato in vari processi per distruzione del patrimonio dello Stato.

Ma con la Baraldini la giunta di centrosinistra ha fatto un salto in avanti.

Non c'è che dire. «E' scandaloso - afferma il consigliere di An, Marco Marsilio - che mentre la piaga del terrorismo continua a mietere vittime, in particolare colpendo uomini come Marco Biagi impegnati proprio a riformare il mercato del lavoro, su questo stesso tema il sindaco Veltroni senta il bisogno di pagare la consulenza di un personaggio che definire inquietante è poco. Mi chiedo se questo trattamento di lusso per una detenuta evidentemente più uguale degli altri detenuti, sia rispettoso degli impegni assunti all'epoca dal governo italiano con quello statunitense».

Rispettoso o no, la sinistra continua ad applicare questo modello e non è un caso che la maggioranza degli esponenti politici dell'attuale sinistra Abbia mal digerito il film di Marco Belloccio «Buongiorno, notte». Un film che meritava il premio di miglior film del festival di Venezia, ma che avendo trattato delle Brigate rosse, non merita neanche di essere considerato.

 

Gianluca Gioia

Banner

Newsletter

Newsletter

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto