Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

La riforma della Cassa Forense

Intanto per gli avvocati è caccia al voto.

 

I risultati delle elezioni della Cassa Forense li sapremo presto visto che in questi giorni gli avvocati sono stati chiamati alle urne per decidere chi rientrerà tra gli 11 delegati che spettano al collegio elettorale del Lazio.

Ma visto che in questi mesi si è parlato molto del testo definitivo della riforma della previdenza forense che il Comitato dei Delegati ha licenziato il 17 settembre 2008, vediamo quali sono i principali cambiamenti che interesseranno gli avvocati.

La modifica più significativa attiene all' età pensionabile, che passerà dagli attuali 65 anni a 70 anni. Il Comitato ha però previsto due deroghe all' innalzamento della pensione ai 70 anni. La prima è stata riconoscere all'iscritto la facoltà di anticipare, rispetto a quanto previsto dalla citata scaletta, il conseguimento del trattamento pensionistico a partire dal compimento del 65° anno di età (fermo restando i requisiti della anzianità di iscrizione e contribuzione) perdendo il 25 % della pensione che avrebbe maturato al 70 anno di età.

L'importo della quota di base verrà ridotto nella misura dello 0,41% per ogni mese di anticipazione rispetto al requisito anagrafico ricordato e che corrisponde ad un 5% l'anno. La seconda possibilità ha riguardato un emendamento piuttosto sofferto che ha stabilito che questa riduzione non si applica ove l'iscritto, al raggiungimento del 65° anno di età, abbia maturato un'anzianità di effettiva iscrizione e contribuzione pari ad almeno 40 anni. In tale ipotesi percepirà la pensione nella sua interezza.

Tale emendamento consente di "premiare" gli avvocati che hanno avuto una lunga militanza professionale accompagnata da un' immediata iscrizione alla Cassa. Il Comitato dei Delegati ha votato anche a favore dell'introduzione della pensione Modulare, una sorta di pensione propria su base volontaristica nella quale si può far confluire importi variabili di anno in anno.

Quindi la pensione di vecchiaia sarà costituita dalla somma di due quote che confluiscono in un trattamento unitario. Una prima quota, detta di base, calcolata secondo il criterio retributivo ed una seconda quota, detta modulare, che sarà in piccola parte obbligatoria e per la maggior parte facoltativa, calcolata secondo il criterio contributivo. Attraverso un emendamento è stata anche eliminata la pensione minima, sostituita dall'integrazione al trattamento minimo. L'integrazione al trattamento minimo costituisce un beneficio del quale possono usufruire soltanto gli iscritti realmente bisognosi (fino al 2008 con una pensione annua inferiore a € 10.160,00 e per il futuro con un reddito complessivo dell'iscritto e del coniuge che non può essere superiore, per poterne beneficiare, a tre volte il trattamento minimo e quindi ad € 30.480,00). Si è poi ridotto da dieci a cinque, come per l'infortunio, gli anni di effettiva iscrizione e contribuzione alla Cassa per poter fruire, ricorrendone i requisiti, della pensione di inabilità e invalidità così allargando la tutela per le generazioni più giovani iscritte, continuativamente, da data anteriore al compimento del quarantesimo anni di età. E' stato aumentato il contributo soggettivo dal 12 al 13 per cento. E' stato determinato il contributo minimo pari a 2100,00 euro per l'anno 2010 e 2400,00 euro per l'anno 2011. Per gli anni successivi tale contributo minimo sarà soggetto alla rivalutazione monetaria.

A partire dal primo anno successivo alla maturazione del diritto a pensione dovrà corrispondere sino al tetto reddituale un contributo pari al 5 per cento del reddito professionale netto ai fini Irpef e del 3 per cento per la parte eccedente il tetto reddituale. E' stato introdotto il contributo soggettivo modulare obbligatorio pari all'1 per cento del reddito professionale netto dichiarato ai fini Irpef entro il tetto, destinato al montante individuale su cui sarà calcolata la quota modulare del trattamento pensionistico. In ogni caso sarà dovuto un contributo minimo pari a euro 160,00 per l'anno 2010 e di euro 180,00 per l'anno 2011. Come detto, si è poi previsto che gli iscritti possano versare, in via volontaria ed eventuale, una ulteriore contribuzione modulare dall'1 al 9 per cento del reddito professionale netto dichiarato ai fini Irpef entro il tetto con la medesima destinazione.

Il contributo integrativo è stato aumentato al 4 per cento con un minimo dovuto pari ad euro 550,00 per l'anno 2010 e 650,00 per l'anno 2011. Per i giovani per i quali è stato previsto che per i primi cinque anni di iscrizione agli Albi e praticantato sarà dovuto il contributo integrativo in proporzione all'effettivo volume d'affari dichiarato.

Sono state aumentate le agevolazioni prevedendo che per le domande di iscrizione presentate successivamente al 1° gennaio 2009 che comportino una decorrenza di iscrizione anteriore al compimento del 35° anno di età, il contributo soggettivo minimo di base e modulare sia ridotto alla metà per i primi cinque anni di iscrizione alla Cassa. E' evidente che questi sono solo alcuni dei passaggi principali della riforma e che, con tutta probabilità, i nuovi delegati saranno chiamati a confrontarsi largamente su questi temi.

 

Banner

Newsletter

Newsletter

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto