Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

Modifiche al codice di procedura civile

Nuovo onere per i legali.

 

Il decreto-legge n. 193 del 2009, convertito nella legge n. 24 del 2010, ha introdotto alcune modifiche al codice di procedura civile, che stanno creando non poche difficoltà operative. La novella è entrata in vigore il 30 dicembre 2009, ma è rimasta finora sotto silenzio.

L’art. 163 recita testualmente: “L’atto di citazione deve contenere: … 2) il nome, il cognome, la residenza e il codice fiscale dell’attore; il nome, il cognome, il codice fiscale, la residenza o la dimora del convenuto e delle persone che rispettivamente li rappresentano o li assistono.

Se l’attore o convenuto è una persona giuridica, un’associazione non riconosciuta o un comitato, la citazione deve contenere la denominazione o la ditta, con l’indicazione dell’organo o ufficio che ne ha la rappresentanza in giudizio”.

Il successivo art. 167 dello stesso c.p.c., come modificato, stabilisce che il convenuto deve indicare, nella comparsa di risposta, le proprie generalità e il codice fiscale.

Dalla lettura del citato articolo 163, si evince che le persone fisiche (di cui si deve indicare il codice fiscale anche se convenute) risultano distinte dagli enti, per i quali non vi è l’obbligo del codice fiscale per le persone che le rappresentano, che sorge al momento della costituzione in giudizio.

In altri termini, per gli enti è obbligatorio inserire nell’atto di citazione soltanto la denominazione o la ditta e l’indicazione dell’organo ufficio che ne ha la rappresentanza in giudizio, confermando così la situazione precedente alla nuova normativa. Ne consegue che, dalla lettura del novellato art. 163, l’avvocato non sarebbe tenuto a inserire il codice fiscale della persona che rappresenta l’ente; onere, questo, obbligatorio per le persone fisiche. A riguardo, stante il rischio di nullità dell’atto di citazione, sembrerebbe comunque prudente indicare il codice fiscale dell’ente convenuto sia il nome della persona fisica che ne ha la rappresentanza legale, con il codice fiscale. La ratio della nuova legge n. 24 del 2010, sopra riportata – che stabilisce l’obbligatoria indicazione, negli atti processuali, del codice fiscale di tutti i partecipanti al giudizio – è quella di consentire la identificazione di quest’ultimi da parte del sistema informatico.

L’inciso indicato nel nuovo art. 163: “… delle persone che rispettivamente li rappresentano o li assistono”, potrebbe riferirsi ai soggetti che hanno la rappresentanza sostanziale dell’attore nel caso in cui questi sia incapace totalmente o parzialmente; ne deriverebbe perciò che la mancata indicazione del codice fiscale degli avvocati non comporti la nullità dell’atto di citazione; del resto, lo stesso art. 163 parla dei difensori solo al numero 6, in cui prescrive che l’atto di citazione deve contenere anche “il nome e il cognome del procuratore e l’indicazione della procura qualora questa sia stata già rilasciata”.

Va precisato, inoltre, che l’art. 125, primo comma, del codice di procedura civile come modificato, prevede che sulla citazione, sul ricorso, sulla comparsa, sul controricorso, sul precetto deve essere indicato anche il codice fiscale del difensore. La norma non risulta particolarmente onerosa per un avvocato che inizi un qualsiasi procedimento giudiziario, relativamente all’indicazione del proprio codice fiscale sull’atto; di contro, non appare costituzionalmente legittima l’esclusione del diritto di difesa della parte a causa del mancato inserimento di un elemento utile e necessario al sistema informatico, ma non al processo.

Alla luce di quanto sopra, le modifiche al c.p.c. dovrebbero essere interpretate nel senso che la mancata indicazione del codice fiscale dell’avvocato non comporti la nullità della citazione; del resto, il citato art. 125, come novellato, impone l’obbligo ai legali di inserire il proprio codice fiscale negli atti da loro sottoscritti, ma il rispetto di tale norma non è prevista a pena di nullità.

A riguardo, una recente ordinanza del Tribunale di Varese, sezione I civile, ha stabilito che il citato nuovo articolo 163 c.p.c. vada interpretato nel senso che la mancanza del codice costituisce una irregolarità sanabile e non una nullità; dunque, il processo può andare avanti. Inoltre, l’omissione non comporta evasione d’imposta né sanzioni da parte dell’amministrazione finanziaria (art. 10 comma 3 L. 212/2000, statuto del contribuente). Infine, il Tribunale ha chiarito che il novellato art. 163, terzo comma n. 2 c.p.c., fa riferimento agli istituti della rappresentanza e dell’assistenza e cioè ai soggetti che agiscono come sostituti processuali o rappresentanti legali (ad es. i tutori), e non agli avvocati.

 

Gabriele Sabetta

 

 

 

Banner

Newsletter

Newsletter

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto