Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

Chi ha detto che la giustizia in Italia è lenta?

Dopo meno di tre mesi, l’operaio Dal Bosco è stato condannato a quattro mesi di reclusione. Ci risiamo, Berlusconi ha di nuovo corrotto i giudici oppure no?

 

Notizia degli ultimi giorni è la condanna dell’operaio che ha lanciato il treppiedi contro il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

Il fatto è accaduto alla fine di dicembre 2004, mentre la sentenza si è avuta nel mese di marzo circa. In meno di tre mesi la magistratura ha accertato i fatti e giudicato il reo. Quando ho appreso la notizia dai giornali la prima cosa che ho pensato è stata: «Ci risiamo, Berlusconi ha di nuovo corrotto i giudici, ancora una volta l’illiceità ha prevalso sulla giustizia ».

Come è stato possibile che in tre mesi si sono svolte le indagini e si è arrivati ad una sentenza di condanna? Forse in tutta la storia della Repubblica non è mai accaduto che un procedimento penale si definisse in così breve tempo. Eppure Berlusconi ha ottenuto giustizia in meno di tre mesi.

Subito mi rendo conto che ciò che ho pensato è privo di fondamento e nello stesso tempo assurdo. Berlusconi, con tutti i problemi che deve affrontare, figuriamoci se si mette a corrompere i Giudici per avere una sentenza in tempi brevissimi. La mia congettura è stata sicuramente frutto della mia fantasia e della “propaganda comunista” che vuole vedere Berlusconi alla gogna. Eppure c’è qualcosa che non quadra, almeno agli occhi di chi scrive e di chi frequenta i Tribunali nell’esercizio del proprio ministero.

Di chi si reca nelle segreterie dei P.M. e si sente dire: «Il P.M. non riceve per appuntamento, può parlare con Lui solo quando viene in Tribunale», oppure «Il Tribunale è sommerso dalle carte non conti di avere una risposta in tempi brevi»; o ancora «Avvocato che cosa pensa, che qui nascondiamo le carte?».

Potrei continuare all’infinito, ma per il momento mi fermo qui. I giorni passano e la domanda è sempre la stessa: «perché Berlusconi ha ottenuto giustizia in tempi brevissimi e io non riesco ad ottenere giustizia in così breve tempo?». Forse perché gli avvocati del Primo Ministro sono degli ottimi giuristi e io no. Forse anche io faccio parte di quella schiera di avvocati disoccupati che cercano di sopravvivere con “praticucce” ed espedienti. Passato il momento di sconforto, riprendo fiducia in me stesso e nelle mie capacità e tutto mi è più chiaro: la verità è che non siamo tutti uguali di fronte alla legge o meglio non siamo tutti uguali di fronte a chi applica il diritto, Berlusconi è il Presidente del Consiglio dei Ministri e io sono un avvocato tra tanti.

Eppure la colpa non è del sistema giudiziario italiano, ma di chi riveste cariche istituzionali e giurisdizionali, di chi si fa in quattro per una persona che ha potere e denaro e di chi se ne “frega” del “poveraccio” che chiede giustizia, di chi non persegue fini di giustizia ma si preoccupa solo di apparire e di essere al centro dell’attenzione.

A queste persone voglio dire memento moris.

 

Paolo Franzì

Banner

Newsletter

Newsletter

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto