Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

La democrazia con la libertà di pensiero

avv. Romolo Reboa, avv. Reboa, Romolo Reboa, Reboa, Romolo, Ingiustizia la PAROLA al POPOLO, la PAROLA al POPOLOLa democrazia con la libertà di pensiero.

 

Pensare, tra le tante cose proprie dell’uomo, è la cosa che lo caratterizza di più e quindi anche la più difficile. Pensare non vuol dire riportare il pensiero dell’unico altro che conosciamo o dell’opinione egemone in un dato momento: quello è un altro modo, più o meno consapevole, di salire sul carro del vincitore.

Pensare invece credo che significhi elaborare pensieri propri, che poi non per questo non possono essere parzialmente o totalmente uguali a quelli di altri. Insegnare a pensare è la grande sfida di una società democratica che vuole continuare a essere tale.

La funzione della scuola, nella formazione del cittadino, è in questo senso essenziale: educare ad una coscienza critica. È infatti caratteristica delle società evolute la libertà di esprimersi nei modi più diversi e, eventualmente, pagare le conseguenze degli errori a questo modo compiuti.

In questo senso possiamo dire che per una volta l’Italia ha fatto un passo avanti: un nuovo assetto delle reti televisive o anche solo della carta stampata? No, solo la possibilità, per un professore in dibattito aperto con i propri studenti, di esprimere la propria opinione non su un fatto storico di primo piano ma sulla sua celebrazione, in questo caso l’Olocausto. Il professor Renato Pallavidini infatti sostenne in classe, dopo la domanda di una sua studente sul perché non partecipasse al “Giorno della Memoria”, che l’Olocausto era ad oggi lo strumento culturale usato da Israele per giustificare le azioni contro i palestinesi.

Tesi ben diversa da quella negazionista dei Lefebvriani, in quanto vengono espressi solo giudizi di valore sull’uso attuale di questo evento senza mettere in discussione il fatto storico.

Il dibattito in classe continua e il professore afferma che “Hezbollah era un esercito partigiano di popolo e che il presidente iraniano non vuole la distruzione di Israele e che questa è tutta propaganda occidentale, la sua analisi dei rischi di dissoluzione dello stato di Israele è tutta diversa da quanto propongono i media”. La vicenda va a finire sui giornali, che ci ricamano sopra facendo credere che fossimo davanti a un professore negazionista anziché a uno che pensa con la propria testa ed esprime le proprie opinioni.

Cosa che sarebbe quasi un dovere, viste le circostanze che si era in un liceo classico e che proprio quella Costituzione tanto volte sbandierata, male interpretata e quindi tradita tutela sia la libertà d’espressione del pensiero (art. 21) sia quella d’insegnamento (art. 33).

Tre anni di processo sono passati per vedere il professore assolto e risarcito del danno subito, con una sentenza sicuramente innovativa, dopo un processo che lo vedeva imputato per aver fatto bene il suo lavoro di professore, ossia stimolare i ragazzi a sviluppare una coscienza critica di fronte alle infinite contraddizioni della società in cui viviamo. Sarebbe allora un lavoro quasi impossibile insegnare il dibattito delle idee pienamente cosciente e quindi democratico senza la libertà (d’espressione) del proprio pensiero. L’unica compensazione?

Un libro curato da Claudio Moffa sul caso, “La polizia del pensiero”, che lo stesso autore ha presentato il 21 aprile alla libreria Medichini di Piazzale Clodio.

 

 Massimo Reboa

 

 

 

  

Banner

Newsletter

Newsletter

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto