Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

L'ordine, la legge e la giustizia

avv. Romolo Reboa, avv. Reboa, Romolo Reboa, Reboa, Romolo, Ingiustizia la PAROLA al POPOLO, la PAROLA al POPOLOI “media” fanno informazione dilagando in ogni personale spiaggia di ciascuno imprigionando i fatti secondo la personale gratificazione del potere.

Le notizie poi ci raggiungono colorando i fatti politici e sociali, la crisi ecologica del pianeta e dei sistemi economici finanziari, con i sapori del gossip arricchendo così la confusione che è la chiave dell’entropia sociale.

I giornalisti, sono gli irresponsabili gestori del maggior potere dell’informazione calibrata sugli squilibri di una regressione sociale in atto di cui la Stampa è la cartina di tornasole.

Il secondo principio della termodinamica rivela l’entropia come indice di degradazione di un sistema fisico e l’umanità è, nell’intero paese mondo, alle colonne di Ercole.

Infatti, nelle complessità della realtà del nostro mondo, in analogia di verifica, il secondo principio rivela il degrado dei sistemi sociali e dei rapporti umani che, così svolgendosi sino all’azzeramento antropico (cioè fuori quadro di quello che è il vivere sociale), corrisponderebbero alla fine della società civile, cioè dell’umanità tutta.

La consapevolezza di questo può determinare un colpo di reni, per risalire dal fondo in cui sembra precipitare il mondo intero che implode nelle sue architetture viziate?

Quale che sia infatti la partecipazione al vivere comune, alla polis, quali che siano i mezzi, (e i luoghi), con cui il consorzio umano vive e costruisce la realtà, la cicloide del tempo è negativa. Ognuno infatti, ignorando questa realtà, è giunto a saccheggiare il mondo-pianeta terra, antropologicamente dovuto alla specie umana come territorio di scambio e riconoscimento.

Questo, nella incapacità della umanità di rigenerarsi per una nuova stagione, è l’ innesco pronto per crisi non più reversibili.

Una specie animale ha dilagato sul pianeta, ed ha rotto gli equilibri che sono da ritrovare nella continuità di un dialogo che si deve riproporre in primo luogo ogni giorno,in ogni luogo.

Il dialogo normalizza all’ordine ed alla legalità le diverse forme di culture e di civiltà gia impegnate in un antagonismo antropico ed è una regola di necessità evidente. .La regola è da ritrovare come giustizia nella compartecipazione al vivere sociale, quale la società determina. La legalità si forma, vive e si attua, punto per punto,secondo le norme che la legge, dei diritti e dei doveri, dispone per restituirla alla polis come ordine.

In Italia specificatamente la riforma dei codici di rito e di merito si pone, quindi, come prioritaria anche nella semantica e nella nomenclatura delle norme che devono omologare una realtà sociale che si trasforma. La bilancia della giustizia si deve realizzare in concreto per quell’equilibrio che la società, nel suo ordine dovuto e percepito, deve al cittadino. Questa funzione è delegata ad ognuno nel suo ordine e, nello specifico agli addetti ai lavori: giudici e avvocati. In questa geometria di rapporti, che in concreto sono una polis vivibile nell’etica di una conoscenza che ha coscienza del divenire ordinata-mente, si riaprirà un orizzonte per la società. Il tempo virtuale delle sempre più complesse virtuosità tecnologiche della scienza non può imprigionare, dentro i suoi schermi, il tempo dell’umanità. Questa costruisce la storia, che si modellizza in ognuno nella speranza, proiettata verso il migliore dei mondi possibili, ed allora, oggi, sembra evidente che il modello della realtà comune debba essere nella legalità, come dominio delle complessità culturali non risolte, perché la polis, ora pianetaterra tutto, possa vivere ancora.

In una architettura della polis nella forma desiderata da ciascuno: nell’equa probabilità delle risorse alla vita e per la sua qualità, nessuno escluso. La cultura giuridica deve trovare nuovi equilibri tra il diritto da riaffermare ed i modi attraverso i quali può gestirlo: la centralità è sempre, però, la legalità come funzione di riconoscimento.

Il giunto cardanico della politica (arco di volta della società) può essere ridimensionato e lubrificato da una giustizia positiva per quella maggiore intelligenza che può permettere quella sterzata (o colpo di reni) richiamata all’inizio di questa riflessione. Per questo una ragione consapevole si arma del diritto per dare spazio ad un tempo diverso per l’umanità oltre una possibile nuova Hiroscima.

 

Giovanni Lombardi*

Avvocato del Foro di Roma

www.viapanisperna.com

 

 

Banner

Newsletter

Newsletter

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto