Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

Nella riforma dell'ordinamento forense introdotti gli albi di specialità

avv. Romolo Reboa, avv. Reboa, Romolo Reboa, Reboa, Romolo, Ingiustizia la PAROLA al POPOLO, la PAROLA al POPOLOChi ha paura dell'avvocato-specialista?

 

Si stringono davvero i tempi per la tanto sospirata riforma dell’ordinamento forense? Il Guardasigilli Alfano ha garantito che sarà approvata addirittura entro la fine del mese di Novembre. Ma dal Senato non giungono notizie incoraggianti. Il disegno di legge (composto da 65 articoli) mentre scriviamo è colà in discussione alla Commissione Giustizia, dove sarebbero stati presentati ormai circa 300 emendamenti. Tra i tanti, uno a modifica dell’art. 29 delle norme attuative del Codice di procedura penale in materia di elenchi e tabelle dei difensori d’ufficio. Si ipotizza che l’elenco degli stessi dovrà essere aggiornato annualmente dal Consiglio dell’ordine forense competente, garantendo le esigenze dei uffici giudiziari. Lo stesso consiglio dovrà redigere una relazione sull’andamento della difesa d’ufficio. Ancora, per l’iscrizione nell’elenco suddetto sarà necessaria l’iscrizione nell’elenco degli avvocati specialisti in diritto penale e non aver riportato sanzioni disciplinari superiori all’avvertimento nei cinque anni antecedenti la richiesta di iscrizione; l’irrogazione di una sanzione disciplinare comporterebbe l’immediata esclusione dal novero degli avvocati d’ufficio. L’albo speciale penale può essere una soluzione per aumentare la qualità del patrocinio legale in materia penale, specie per quanto concerne le difese d’ufficio? La proposta è stata rilanciata ultimamente anche dall’U.C.P.I. durante il congresso straordinario di Torino (“Chi ha paura della riforma”?). Nel disegno di legge presentato quest’anno dal C.N.F. all’art. 8 si parla della possibilità per gli avvocati di ottenere e poter indicare il titolo di “specialista” a seguito di percorsi formativi e professionali o di scuole e corsi di alta formazione ad hoc, previo esame da parte del C.N.F; il titolo però non comporterebbe riserva di attività professionale. Si tratta di una battaglia storica dell’U.C.P.I., al punto che il suo Presidente l’Avv. Oreste Dominioni ha annunciato dal palco di Torino che, anche se la riforma non andrà in porto, sulla “specializzazione” i penalisti italiani andranno avanti da soli. Dominioni ha parlato senza mezzi termini di «dequalificazione progressiva, e pare, inarrestabile dell’avvocatura che forse fa pure comodo a qualcuno». La “specializzazione” potrebbe davvero invertire questo trend negativo di morettiana memoria? L’avv. Francesco Gianzi, che coordina la Commissione per le difese di ufficio e per il patrocinio spese dello Stato all’Ordine degli Avvocati di Roma, definisce «indispensabile l’introduzione degli albi di specialità nel quadro della formazione obbligatoria, che va ripensata e collegata proprio alla specializzazione per aree tematiche». Gianzi puntualizza, poi, di aver dato in qualche modo il «buon esempio» anche su pressioni della Camera Penale di Roma e di altre associazioni forensi «strutturando in maniera più rigida il corso di abilitazione all’iscrizione nelle liste della difesa d’ufficio qui a Roma: due anni di corso a numero chiuso e con un minimo di presenze obbligatorie, per garantire un minimo di formazione che possiamo fornire con la legislazione vigente». Dall’altra parte della barricata il dr. Carlo Sabatini, magistrato presso il Tribunale penale di Roma, ritiene l’opzione degli albi di specialità per i legali come «positiva. C’è indubbiamente un problema di qualità dell’avvocatura, che rischia di essere travolta dai suoi stessi numeri e che potrebbe essere in parte ovviato da una specializzazione: soprattutto se accompagnate da forme – iniziali, o anche successive – di verifiche dei Consigli dell’Ordine…». Tuttavia Sabatini si chiede «se tali limitazioni siano compatibili con la normativa europea in tema di professioni legali», sottolineando altresì l’urgenza di una riflessione sul gratuito patrocinio a spese dello Stato «che sta diventando una forma di assistenza pubblica, sovente con grave scadimento di comportamenti e con pregiudizio dei diritti primari la cui tutela è affidata a un legale». Il magistrato a riguardo propone, anche tramite gli Osservatori sulla Giustizia Penale e con l’Associazione Nazionale Magistrati (A.N.M.) di «verificare soluzioni nuove». Concordiamo in pieno. Rimane un dubbio, però: chi ha paura dell’avvocato-specialista? Speriamo non gli avvocati stessi….

 

Rodolfo Capozzi *

Avvocato del Foro di Roma

               

Banner

Newsletter

Newsletter

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto