Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

In uscita il film ''L'ultimo crodino''

avv. Romolo Reboa, avv. Reboa, Romolo Reboa, Reboa, Romolo, Ingiustizia la PAROLA al POPOLO, la PAROLA al POPOLOQuesta tragicommedia ripercorre la vera storia del trafugamento della bara di Enrico Cuccia, grande personaggio della finanza italiana, ad opera di due balordi della Val di Susa, Pes e Crodo, che stremati dalle difficoltà economiche e familiari cercano di riscattarsi diventando imprenditori.

Non riuscendoci, si fanno prendere dalla disperazione e tentano il colpo grosso chiedendo un riscatto alla famiglia Cuccia per la restituzione della bara rubata. In una girandola di situazioni grottesche e ingenue al limite del paradossale, tanto da suscitare spesso l’ilarità nel pubblico, i due verranno scoperti ed incriminati, ma la famiglia Cuccia quando si renderà conto della reale portata dei due, deciderà di ritirare la denuncia per non infierire oltre. Qui di seguito le interviste al bravissimo Enzo Iacchetti ed al raffinato regista del film, che anche se effettuate in momenti diversi, presento qui come in un colloquio virtuale a tre.

D. Da dove nasce l’idea del film?

Spinazzola: Nasce da una notizia di cronaca, da un fatto talmente assurdo e folle che se fai questo lavoro non puoi non tener d’occhio.

D. Quanto tempo ci è voluto per preparare la sceneggiatura?

Spinazzola: E’ stato necessario un lungo lavoro con gli sceneggiatori di documentazione su articoli, su documenti della procura.. ma è stato entusiasmante perché più si andava a fondo e più si trovavano situazioni paradossali e noi ci chiedevamo: “ Ma la gente crederà che questi due han fatto tutte questo? Perché la storia è così grottesca, ridicola da sembrare quasi inverosimile. E invece al novanta per cento ciò che viene raccontato nel film è tutto vero e solo per un dieci per cento ci siamo presi delle libertà drammaturgiche per esigenze di copione.

D. Come mai ha deciso di interpretare questo film?

Iacchetti: Perché mi piaceva il soggetto ma soprattutto perché amo recitare. Mi sono cimentato in questo film accettando anche uno scarso cachet perché vorrei far capire alla gente che sono un attore. E questo film mi dava l’opportunità finalmente di interpretare una parte drammatica e complessa. Ho rammarico per il modo di intendere l’attore in Italia. Nonostante il teatro di livello come “The producer” e “Provaci ancora Sam” che ho interpretato, per la gente e per gli operatori sono sempre quello di “Striscia la notizia”. Non riesco ad uscire fuori da quello stereotipo. Spero che questo film me ne dia l’opportunità.

D. Com’è caduta la scelta su Enzo Iacchetti? Che io tra l’altro trovo adattissimo per l’umanità che riesce ad esprimere.

Spinazzola: C’è una storia per questa accoppiata ( E.Iacchetti e R. Tognazzi). Io fin dall’inizio volevo loro e non ho mai ceduto su questo. Funzionano bene come fisicità, hanno due belle facce credibili per l’ambientazione nella Val di Susa e sono dell’età giusta. Tognazzi era giusto per la sua faccia pacioccona, ma anche per fare il capo dei due. Per Iacchetti invece ho dovuto fare una grande battaglia perché è sempre difficile quando vuoi portare un attore popolare e comico in un ruolo drammatico. Però conosco Enzino, lo stimo tanto ed è un grande attore e poi ha questa malinconia negli occhi che mi interessava per il personaggio. Pes è il “braccio” e non la “mente” della situazione ma spesso quando si costruisce un carattere si tende a farlo un po’ scemo. Invece quello che mi piace di Iacchetti è che sì, è il braccio, ma mantiene quella intelligenza paesana, quello sguardo vispo e anche buono e stanco della vita, che lo rende umano. Ecco, secondo me Iacchetti incarna tutte queste cose qua.

D. Che cosa esprime il suo personaggio?

Iacchetti: L’ ingenuità di Pes è talmente vera che fa ridere. E’così disperato per problemi di famiglia, di lavoro, di soldi da non sapere dove sbattere la testa. E così si lascia coinvolgere in una losca vicenda, fidandosi del suo amico Crodo, peggiorando ulteriormente la situazione.

D. Che cosa ha comportato interpretare Pes?

Iacchetti: Lì nella valle era freddissimo, c’era un gran vento, spesso giravamo di notte e per recitare mi mettevo tre paia di calze e le mutande lunghe che portano gli alpinisti. Ma un attore si deve . cimentare , si deve mettere in gioco, e deve saper fare tutto, deve essere completo. Saper cantare, come essere drammatico. Nel Cast anche il bravissimo Marco Messeri, Serena Autieri e Dario Vergassola.

 

Anna Gorrieri

Banner

Newsletter

Newsletter

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto