Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

Diario di un povero scrutatore

Avv. Alessandro Cassiani, avv. Romolo Reboa, avv. Reboa, Romolo Reboa, Reboa, Romolo, Ingiustizia la PAROLA al POPOLO, la PAROLA al POPOLOQuando Ti arriva una comunicazione dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati sono sempre cattive notizie. Il 14 dicembre arriva un fax intestato C.d.O. di Roma.
Il già Presidente Cassiani mi comunica, con la solita affettuosità, che sono stato nominato scrutatore alle imminenti elezioni per il rinnovo del Consiglio. La convocazione (la seconda, quella buona, come per le assemblee condominiali) è prevista da sabato 30 gennaio a martedì 2 febbraio: quattro - dicasi quattro - dalle ore 8,30 alle ore 13,30. Non basta! C’è poi l’inevitabile ballottaggio: altri quattro – dicasi quattro – giorni, da sabato 6 a martedì 9 febbraio più il micidiale, lunghissimo, faticosissimo scrutinio finale che potrebbe spingersi fino alle prime luci mio seggio: donna, tedesca, severissima. Si elabora una sorta di turnazione.
Mi presento sabato mattina al mio seggio visibilmente assonnato, anzi forse in fase R.E.M. Ovviamente ho saltato le lezioni-dimostrazioni sulle meraviglie del voto elettronico che verrà sperimentato per l’occasione.
Grazie al Cielo “Das Prezident” conosce il fatto suo e mi rassicura materna. Iniziano le operazioni di voto, e già il primo giorno, alle ore 8,31 esatte c’è un collega - più anziano del Codice Rocco - che sente il bisogno di votare con urgenza. Cerchiamo di dirottare i colleghi-elettori sul voto elettronico, perché pensiamo che siano meno schede da scrutare per noi alla fine delle fiere, ma veniamo immediatamente rimbrottati.
Dei quindici componenti del seggio fra scrutatori, vice-presidente e presidente se ne presenta solo la metà. Tuttavia siamo coadiuvati dai tecnici della società che ha realizzato il voto elettronico (bravi ragazzi) e soprattutto dagli impiegati del Consiglio dell’Ordine (bravissimi ragazzi, che Dio li benedica). Siamo confortati dal buffet che viene allestito nei grigi corridoi del “Palazzaccio” (per lo scrutinio finale arriva addirittura la pizza). I colleghi- questori faticano a tenere l’ordine pubblico e l’esuberanza di taluni candidati, i quali cercano di convincere lo svogliato elettore a dar loro l’agognata preferenza fino alla porta della tenebrosa aula avvocati della Cassazione (qui – mi dicono - venivano giudicati gli dell’alba. Non basta ancora: il Presidente Cassiani prolunga manu militari l’orario dei seggi fino alle 16,00 gli ultimi due giorni (lunedì 8 e martedì 9 febbraio). Insomma, neanche fossero le elezioni in Iraq e in Afghanistan post-occupazione…due week-end rovinati. Chi ha il coraggio di dirlo alla fidanzata?
Scattano immediatamente febbrili consultazioni con i colleghi di studio per risparmiarsi l’indesiderata corvé.
Tante domande si affollano nella mente: fare lo scrutatore è un obbligo deontologico? Se non ci vado che mi succede? Ma … se mi facessi fare un certificatino medico che attesta che soffro del “gomito dello scrutatore” e devo stare a casa? Alla fine prevale il senso del dovere, anzi no, forse la curiosità. Vengo contattato dal Presidente del Elezioni COA 2010 antifascisti durante il Ventennio), dove sono allestiti i seggi. Qualche collega di vecchio stampo si indigna e protesta per l’entusiasmo per i candidati. Ma non c’erano le severissime disposizioni del Presidente Cassiani in materia? Il pavimento è cosparso di “santini” elettorali. Attraversare il corridoio che porta a destinazione per gli avvocati che vogliono recarsi è – come di consueto – impresa ardua.
Mille mani vogliono stringere le tue, e ancora: pacche sulle spalle, sorrisi, strizzatine d’occhio. Imparo subito a fare il giro più lungo per saltare l’assedio elettorale.
Nonostante la fatica e il freddo, le articolate e puntuali domande dei colleghi/elettori che Ti mettono in crisi, le diatribe infinite sulle sintetiche norme elettorali, si va avanti. Anzi diventa quasi una lieta occasione per incontrare amici, nemici conoscenti e parenti.
Prevale comunque il buon umore e la simpatia. Al ballottaggio siamo più rodati e organizzati e tutto sembra filare più liscio. Occorre ora lo sprint finale per lo scrutinio finale (il voto elettronico non ha sfondato, diciamo così, quindi ci sono tante schede cartacee da esaminare). Una fatica improba, complicata dalla circostanza che le preferenze espresse nella maggior parte dei casi pescano indiscriminatamente in tutte le liste presentate, e dunque il lavoro risulta più complesso.
Ora la stanchezza si fa sentire. Tutte quelle crocette sui nomi dei candidati fanno strabuzzare gli occhi: qualche battuta, la pizza e un paio di volenterosi questori ci aiutano. Finalmente tutti i seggi consegnano i risultati. Partono persino gli applausi (ormai in Italia si applaude in tutte le occasioni, anche ai funerali). La tensione si allenta, e la sala avvocati sembra improvvisamente più grande e meno triste. Neanche troppo tardi Giovanni Cipollone annuncia i nomi degli eletti (ma sapete bene che, mai come quest’anno, i risultati non possono considerarsi definitivi). Chi ha vinto festeggia e chi ha perso si amareggia. Scorrono fiumi di spumante fra vincitori e vinti. Baci, saluti e abbracci fra scrutatori dello stesso seggi(pare che in questa sede nascano spesso amicizie, e persino storie d’amore sfociate in matrimoni). Sapete che vi dico? Io alla fine mi sono pure divertito!

Rodolfo Capozzi *

Avvocato del Foro di Roma


 

Banner

Newsletter

Newsletter

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto