Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

La piccola e media impresa

La chiave di lettura della “Cultura del Cambiamento”per le PMI risiede nel disproporzionamento del rapporto di valore esistente tra “Beni Materiali” (Tangible Assets) e “Beni Immateriali”, quest’ ultimi oggi sono infatti correlati alla gestione e condivisione delle conoscenze in un sistema di economia a rete(Intangible Assets).
Ciò provoca una ulteriore necessità di flessibilità del mercato che però deve necessariamente coniugarsi con una profonda modifica dei tradizionali modelli organizzativi aziendali. E’ opportuno riflettere come nella recente fase dello sviluppo imprenditoriale, abbiamo assistito, come risposta alla dinamica oscillante del mercato ,alla crescita di una “micro impreditorialità”, basata sulla innovazione tecnologica e l’ automazione dei processi produttivi, che però nella maggior parte dei casi ha mantenuto costanti le caratteristiche di amministrazione e di gestione e organizzazione tradizionale del lavoro.
Ciò ha dato luogo ad una strategia di ristrutturazione della produzione, dove la innovazione del sistema produttivo si è generalmente accompagnata alla riduzione del personale, ed alla intensificazione della flessibilità del lavoro proprio al fine di accelerare i tempi di risposta alle oscillazioni del mercato.
Tale progressivo sistema dar vita alla crescita della Economia della Conoscenza nella quale risulta fondamentale la Ricerca Collettiva tra Centri di Ricerca e Sviluppo e Piccola e Media Impresa; tale strategia e’ stata delineata come vincente per competere nel quadro del declino delle obsolete concezioni di concorrenzialità più proprie della Grande impresa. In tale quadro interpretativo fondato sul c a m b i amento dei livelli di competitività di un mercato globalizzato sempre più dinamico, diverrà modello di sviluppo del mercato Europeo un sistema di “KNOWLEDGE ECONOMY” che è oggi una condizione prioritaria, per favorire la crescita di nuovi settori di intervento e di intermediazione dei mercati, che certamente saranno fondati sulla valorizzazione dei “beni intangibili” tra i quali spicca la formazione di un Nuovo Management appropriato allo sviluppo della NET-WORK ECONOMY proprio della gestione “d’impresa a rete”. In particolare le nuove modalità di Knowledge Management debbono essere indirizzate per attuare una riduzione dei fattore del rischio di isolamento della “Piccola Media e micro-impresa” attuando un profondo cambiamento organizzativo di sistema di network imprenditoriale, facente leva su una integrazione tra PMI e la ricerca e sviluppo innovativo transnaziodi micronizazione della struttura impreditoriale ha fatto seguito, da un lato a una sequenza di ricorso al subappalto impostato dalla grande impresa, che ha esternalizzato ed anche internazionalizzato intere fasi della produzione, mentre dall’ altro lato, e’ succeduta alla trasformazione industriale dell’ artigianato e del settore agroindustriale, che troppo spesso e’ stata associata ad una estensione di contratti di lavoro precari.
In particolare focalizzando le prospettive e opportunità di sviluppo della recente strategia di Estensione della Europa, ritenuta capace di dare una risposta concorrenziale alla globalizzazione dei mercati, ci si accorge con immediatezza della impellente necessità di un superamento delle carenze professionali di “Gestione Imprenditoriale delle Conoscenze”, in modo tale che il valore aggiunto dai “Beni Intangibili” nel quadro Estensione della Europa fino ai limiti dei suoi confini storico- geografici. . Il connubio tra Ricerca e PMI, dovra aprire nuovi fronti di intervento basati su un “partenariato di impresa” ; ciò evidentemente comporta il netto superamento di ogni precedente strategia di “Servizi alle Imprese”. Infatti si è recentemente constatato che la domanda di servizi di rete da parte delle PMI e assai bassa, persino quando tali servizi sono oggerti “ gratuitamente “ da soggetti pubblici o convenzionati; quanto sopra consegue alla difficoltà della PMI ad internalizzare i benefici di tali servizi on line , nell’ ambito di una antiquata ottica del tutto obsoleta della tradizionale gestione aziendale. E’ necessario infatti attuare una trasformazione della concezione di servizio in quella di “partenariato di impresa”.
Il Sesto Programma Quadro della Unione Europea , partendo da similari considerazioni .è basato sulla valorizzazione e disseminazione delle “migliori prassi di interrelazione e trasferimento tecnologico tra Ricerca e PMI” autonomamente realizzate al fine di incrementare una nuova valutazione tra la crescita del capitale proprio dei “Beni Tangibili” e quella del lavoro intellettuale innovativo; quest’ ultimo valore e’ quello più proprio della gestione dei “Beni Intangibili” derivanti dalla innovazione cognitiva. Infatti e’ dalla integrazione tra le due modalità di espressione del valore economico e sociale , che si potrà ottenere un elevato valore aggiunto alla produzione, ciò proprio quando la gestione imprenditoriale delle reti comunicative, nella estensone ed internazionalizzazione dei mercati, progressivamente diverrà sia il vettore dello sviluppo economico che della crescita sociale e culturale.
Certamente anche nel settore della innovazione della formazione il successo formativo nei riguardi delle opportunità di lavoro , consiste nella capacita di rispondere al cambiamento dello sviluppo esercitando nuove modalità di formazione capaci di capire e favorire le esigenze dello sviluppo socio-economico contemporaneo.
Bisogna a questo proposito considerare che la formazione per corrispondere a opportunità di lavoro, deve essere “anticipativa” delle esigenze di sviluppo, proprio in seguito al fatto che, anche ricorrendo ad appropriate metodologie di NETLearning, comunque ci vuole più tempo per formare competenze innovative che non per produrre beni tangibili. Occorre tenere in conto,comunque, che le conoscenze specialistiche conoscono un rapido grado di obsolescenza ( e’ stato recentemente affermato da studi eseguiti nell’ ambito della programmazione Europea, che circa il 50% delle conoscenze dei laureati diviene superato in meno di un anno) e tale circostanza viene accentuata dall’ evolversi delle tecnologie moderne di comunicazione interattiva. Tenendo conto di tale dato di fatto, lo stile formativo dei progetti sviluppati da alcune Università Italiane viene fondato su strategie operative di NET-Learning on the job nelle quali si impara lavorando su Progetti, e si valuta il lavoro sulla base dei risultati. raggiunti da una formazione di Team collaborativo con ruoli e competenze differenziate e specifiche. Le metodologie di nuova formazione di tali Progetti pertanto sono finalizzate a dare un contributo operativo nel ridisegnare l’ assetto stretegico della innovazione gestionale ed organizzativa della micro impresa e comunque delle PMI, al fine di favorire la condivisione produttiva e cognitiva necessaria per lo sviluppo Europeo della Economia della Conoscenza.

Giuseppe Brancati
* STUDIO DI INGEGNERIA GESTIONALE-PARTNER IN.TE.SI

Banner

Newsletter

Newsletter

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto