Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

Il disastro di Genova - il primato di Roma

avv. Romolo Reboa, avv. Reboa, Romolo Reboa, Reboa, Romolo, Ingiustizia la PAROLA al POPOLO, la PAROLA al POPOLO

Per fortuna, nonostante le affettuose insistenze di un caro e autorevole Amico, non sono andato, a novembre, a Genova al Congresso Nazionale Forense. Ne sarei tornato in stato di grave depressione.

Non ci sono andato perché ho perso ogni speranza nella capacità dell’avvocatura, o meglio dei suoi rappresentanti istituzionali e sindacali di livello nazionale,  di fare “politica” di categoria. A Genova la platea forense  ha duramente contestati gli uni e gli altri. La protesta è stata  forse eccessiva e per di più inopportuna in ragione della presenza al Congresso dei rappresentanti dell’esecutivo, nostri interlocutori, non amichevoli, sui problemi della giustizia e dell’avvocatura; protesta tuttavia fondata.

Ancora una volta è apparso drammaticamente evidente il non cale in cui è tenuto il Foro quanto alle scelte di politica giudiziaria e forense, disinteresse non nuovo ma che va crescendo nel tempo: dalle non dimenticate scelte del sig. Bersani (abolizione dei minimi tariffari inderogabili) fino alla trovata recente della “media-conciliazione” con la quale si vuole far credere che i problemi della giustizia si possano risolvere senza apporti finanziari e di personale togato, per di più misconoscendo il ruolo costituzionale della difesa che la Carta assegna all’Avvocato e, addirittura, ingiuriandolo con l’attribuirgli, nel testo normativo, una presunta infedeltà all’obbligo di informativa al cliente circa la praticabilità di percorsi extragiudiziali.

Ma l’Avvocatura – in particolare il C.N.F - tace o si limita a prudenti e flebili interventi quasi sempre tardivi. I rappresentanti dell’avvocatura non sanno o non vogliono fare politica di categoria nonostante il significativo e quotidiano esempio delle battaglie della Magistratura, giuste o ingiuste che siano, che si accreditano per la loro tempestività e incisività, per l’ immancabile eco quotidiana che ne viene dai mezzi di informazione, eco che non dipende solo dal ruolo della magistratura nel quadro costituzionale e nel contesto sociale ma dalla capacità e tempestività degli interventi e delle tecniche di comunicazione; vedansi, tra gli altri, i puntuali e fermi interventi del Vice Presidente del CSM on. Vietti e quelli perentori e tempestivi di A.N.M. Gli Avvocati italiani, che pure in democrazia hanno un ruolo essenziale e di conseguenza un potere altissimo - (gli avvocati tunisini sono scesi in piazza contro la dittatura, così è accaduto in Egitto, così in Iran e  dovunque sono in pericolo i diritti di libertà dei cittadini) - tacciono e sono ignorati. Solo mentre rivedo questo mio intervento, appare negli studi legali il comunicato 19 febbraio dell’O.U.A. che fa seguito all’emendamento governativo al decreto “mille-proroghe”- (che conteneva il modesto risultato di un rinvio settoriale e limitato della normativa in questione). Il comunicato O.U.A. proclama lo sciopero della categoria ed esprime la protesta. Finalmente il taglio è quello giusto: non il disagio degli avvocati per gli spazi sottratti a un Foro affollato e in difficoltà ma il  danno che viene al cittadino dalla compressione del diritto di difesa e dalla costituzione di nuove e incontrollabili strutture di potere, proprie della media-conciliazione..

Senonchè le battaglie dell’avvocatura vanno fatte coi mezzi di informazione e con le tecniche della comunicazione così da raggiungere quotidianamente ogni utente attuale od eventuale della giustizia e del diritto cioè tutti i cittadini. Esemplificoi modi: inserti e interventi sui maggiori organi di stampa nazionale e sulla comunicazione informatica; convegni aperti a tutte le organizzazioni di tutela dei cittadini, ai sindacati, ai partiti, al mondo della cultura  ecc.ecc..

Il Consiglio dell’Ordine di Roma, nella colpevole inerzia delle altre nostre rappresentanze, aveva di recente promosso un incontro col Ministro dei principali Ordini  avente ad oggetto per l’appunto l’attualità cioè i problemi della “Mediaconciliazione”. Iniziativa questa lodevolissima che va reiterata rappresentando, ripeto, ai cittadini, il danno che ne verrà all’utente in termini di costi, di competenza e imparzialità degli organi deputati alla nuova giustizia “contrattuale”. 

C’è da sperare che il Consiglio dell’Ordine  di Roma, il più grande d’Europa, prosegua nel cammino intrapreso a tutela della categoria, rifiutando  posizioni di attendismo e di retroguardia.

 

Giorgio Della Valle*

Avvocato del Foro di Roma

 

Banner

Newsletter

Newsletter

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto