Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

Non c'è due senza tre

Recentemente il legislatore è intervenuto due volte in materia di pubblicazione delle sentenze penali di condanna (art. 36 c.p.). Com’è noto questa è una pena accessoria, comune ai delitti e alle contravvenzioni, che a differenza delle altre pene accessorie deve essere ordinata dal giudice.

Comportano tale pena accessoria, esemplificativamente, le condanne per delitti contro l’incolumità pubblica connotati da frode (come l’avvelenamento di acque o alimenti ed epidemie), contro la pubblica amministrazione (come l’usurpazione di funzioni pubbliche (art. 347 c.p.), usurpazioni di titoli o onori (art. 498 c.p.), in materia di marchi e segni distintivi (come la contraffazione di segni distintivi di opere dell’ingegno o prodotti industriali, contraffazione di pubblici sigilli o del sigillo dello Stato) (artt. 448, 475 c.p.), per le contravvenzioni di esercizio o partecipazione al gioco d’azzardo (art.722 c.p.). Essa trova attuazione in modi diversi: la sentenza di condanna all’ergastolo è pubblicata con l’affissione nel comune ove è stata pronunciata, in quello in cui è stato commesso il delitto ed in quello ove il condannato ha la residenza. La stessa, viene inoltre pubblicata per estratto, per una sola volta, in uno o più giornali designati dal giudice, salvo che egli non ne disponga la pubblicazione per intero. Per effetto del primo intervento del legislatore (art. 67, L.18 giugno 2009, n. 69) che ha modificato il citato art. 36, la pubblicazione deve avvenire, oltreché sui giornali, sul sito internet del Ministero della Giustizia, per una durata non superiore a 30 giorni. Il successivo intervento legislativo (art. 2, cc. 216-218, L. 23 dicembre 2009, n. 191, “legge finanziaria 2010”) modificativo ulteriormente del citato art. 36, ha previsto, per le sentenze diverse da quelle di condanna all’ergastolo, che la pubblicazione nei giornali sia sempre fatta mediante la sola indicazione degli estremi della sentenza e dell’indirizzo internet del sito del Ministero della Giustizia (art. 2, c. 216).

Pur essendo le spese per la pubblicazione, che deve essere eseguita d’ufficio, poste a carico del condannato, sono comunque elevati i costi che l’erario si trova ad anticipare e a sostenere per il pagamento degli oneri per la pubblicazione sulle testate giornalistiche, e sono frequenti negli Uffici giudiziari i casi in cui risulta molto difficile se non impossibile procedere al recupero delle somme iscritte nel modello 1/A/SG (registro delle spese di giustizia anticipate dallo Stato) a causa della condizione di irreperibilità o indigenza in cui quasi sempre versano gli autori (generalmente extracomunitari) dei reati in materia di diritto d’autore contemplati dall’art. 171 ter, L. 22 aprile 1941, n. 633 (esemplificativamente: duplicazione, riproduzione, trasmissione o diffusione in pubblico, abusivamente e per uso non personale, di opera dell'ingegno destinate al circuito televisivo, cinematografico, opere o parti di opere letterarie, drammatiche, scientifiche o didattiche, musicali o drammatico-musicali, ovvero multimediali, o vendita o noleggio di videocassette, musicassette, dischi, nastri di opere musicali o cinematografiche, ecc.) nei cui casi la pubblicazione della sentenza di condanna deve avvenire, in forza dell’art. 2, c.217 legge finanziaria citata, nella nuova modalità prevista dall’art.36 c.p., “in uno o più quotidiani, di cui almeno uno a diffusione nazionale, e in uno o più periodici specializzati”. In un momento qual’è l’attuale in cui è di tutta evidenza la necessità del contenimento della spesa pubblica non v’è chi non consideri e non veda i benefici di una previsione normativa che consenta, in alternativa alla pubblicazione a mezzo stampa, l’esecuzione della pena accessoria in questione mediante la sola pubblicazione in un sito informatico, possibilità che appare preclusa dalla vigente formulazione dell’art. 36 c.p. per cui allo stato la pubblicazione nel sito internet deve essere eseguita congiuntamente, e non in alternativa, alla pubblicazione sul giornale. E’ perciò da auspicare una terza modifica normativa dell’art. 36 c.p., sia pure limitatamente ai reati di cui al citato art. 171 ter che sono quelli che maggiormente ricorrono, e ciò in ragione dell’indiscutibile vantaggio economico che l’Amministrazione giudiziaria sicuramente ne trarrebbe.

 

Alfredo ROVERE*   Dirigente Ministero della Giustizia

 

Banner

Newsletter

Newsletter

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto