Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

Avvocatura: acque agitate

avv. Romolo Reboa, avv. Reboa, Romolo Reboa, Reboa, Romolo, Ingiustizia la PAROLA al POPOLO, la PAROLA al POPOLOUn' intricata vicenda vede, ormai da mesi, contrapporsi Consiglio dell' Ordine degli Avvocati di Roma - o, meglio, quella maggioranza di consiglieri, espressa dalla lista Mauro Vaglio, risultata vittoriosa, con piu' del 50% delle preferenze, alle elezioni del 2012 - e Consiglio Nazionale Forense: in merito proprio a una serie di scelte del presidente del COA romano, Mauro Vaglio, e altri dirigenti, di cui alcune oggetto d' indagini da  parte della Magistratura. A maggio e giugno 2014, tre importanti quotidiani nazionali - "Corriere della Sera", "Il Messaggero", "Il Tempo" - annunciano il ritiro, da parte della Procura della Repubblica di Roma, della richiesta d' archiviazione indagini nei confronti del Presidente del COA romano, Mauro Vaglio: richiesta formulata, dalla stessa Procura, il 26  luglio 2013. Cos' era accaduto? Nella primavera del 2012 - ricorda lo stesso Vaglio in un intervento sul suo sito del 10 maggio scorso - il Consiglio dell' Ordine di Roma, dopo che il suo Presidente da tempo evidenziava la necessità, per l' Ordine romano, di dotarsi d'un responsabile della comunicazione, capace di far percepire in modo diverso, e piu' obbiettivo, a stampa e opinione pubblica, la figura dell' avvocato nella società italiana e le possibili iniziative di "autoriforma" dell' Ordine, deliberava d'affidare quest'incarico, per un anno, a Mauro Milita, amministratore unico della Skycklic S.r.L.: cioè allo stesso comunicatore che aveva condotto con successo, mesi prima, la campagna elettorale della lista Vaglio. Il tutto per un compenso di 24.000 euro. Quattro consiglieri dell' Ordine romano, però, controllando atti e bilanci del Consiglio, scoprivano in seguito - presentando un esposto alla magistratura - che l'incarico era stato assegnato in modo informale, senza il necessario bando di concorso pubblico; e che, nella stessa Skyclic S.r.L., il presidente Vaglio aveva detenuto, ancora nel 2012, quote di partecipazione (da lui dichiarate, sempre nell'intervento sul sito del 10 maggio, inattive da anni), poi cedute, in data 13 settembre 2012, al figlio di Milita. In una "lettera aperta" ai colleghi dell' Ordine romano del 3 giugno scorso, pubblicata in Rete, il consigliere Domenico Condello fa il punto sulle accuse contro Vaglio: ricordando che, oltre a lui, anche l'avv. Pietro di Tosto, segretario del' Ordine romano, avrebbe commesso abusi stipulando, in solo nove mesi (marzo-dicembre 2012), ben 74 contratti d' assunzione a tempo deterrminato presso l' Ordine. E, soprattutto, che, il 28 maggio 2013, il P.M. comunicava al Consiglio Nazionale Forense d'aver concluso le indagini, per presunta turbativa di gara d'appalto, svolte nei confronti del Tesoriere dell' Ordine romano e di un alto suo funzionario, in merito all'affidamento dell'appalto per le pulizie nella sede del'Ordine. La richiesta, fatta il 20 maggio scorso al Presidente Vaglio e al Segretario di Tosto, di fornire chiarimenti su quest'ultima vicenda non ha avuto ancora esito; mentre - sottolinea Cordello - le responsabilità dei due nell'aver tenuto a lungo all' oscuro, su tutti questi argomenti, il Consiglio dell' Ordine romano sono state accertate dall'ispezione che il Consiglio Nazionale Forense ha svolto, nei mesi scorsi, su esplicita richiesta del ministero della Giustizia. Appunto in seguito al deposito al Palazzo di Giustizia, aggiungiamo, della relazione del CNF censurante la mancata comunicazione ai consiglieri romani, da parte di Vaglio, del conflitto d'interessi a proposito dell'incarico assegnato a Mauro Milita, la Procura di Roma ha ritirato, a maggio scorso, la richiesta d'archiviazione indagini nei confronti del Presidente dell' Ordine. Di tutte queste situazioni passibili d'indagine da parte della magistratura penale - conclude Domenico Condello - il Consiglio dell' Ordine degli Avvocati di Roma è venuto a conoscenza solo nell'adunanza del 22 maggio scorso: in cui ha appreso dell'indagine svolta dal CNF e ha preso visione della relativa relazione, consegnata ai consiglieri dallo stesso Presidente Vaglio. Come si vede, la materia è potenzialmene esplosiva, comunque tale da gettare grave discredito non solo sugli 'attuali Presidente, Segretario e Tesoriere dell'Ordine romano (che farebbero bene ad autosospendersi dall'incarico, in attesa che si chiarisca il tutto): ma su tutto il Consiglio di Roma.Questo perchè, senza voler entrare qui nel merito delle indagini in corso, è alquanto strano, difficilmente sostenibile, che un Consiglio dell' Ordine di Roma ampiamente dominato dalla lista Vaglio vincitrice delle elezioni del 2012 (ben 13 consiglieri su 15), non sapesse nulla, proprio nulla, di queste iniziative del Presidente e dei suoi piu' stretti collaboratori. Vaglio, sempre sul suo sito, parla di probabile complotto ordito da suoi nemici nella vecchia consiliatura e nel CNF, ricordando i suoi obbiettivi successi (come le battaglie contro il Regolamento CNF sulle specializzazioni e l'istituto della mediazione obbligatoria voluto tempo fa dall'allora ministro della Giustizia Alfano: poi dichiarati entrambi nulli da TAR e Corte Costituzionale). Intanto, una lancia a suo favore è stata indirettamente spezzata dal deputato grillino Andrea Colletti: firmatario, alla Camera, d'un'interrogazione, a Presidenza del Consiglio e ministeri dell'Economia e della Giustizia, sulla "legittimità sostanziale" (al di là di quella formale) e l'opportunità della recente nomina, a membro del C. d'A. di Finmeccanica , del Prof. Guido Alpa, presidente proprio del Consiglio Nazionale Forense (dall' odissea dei due marò in India ai rapporti con Brasile e altri Pasi emergenti, la Finmeccanica sembra essere assurta, dietro le quinte, tra i "primum mobile" della nostra politica estera...!). Noi di "Ingiustizia", fedeli alle nostre tradizioni di ricerca obbiettiva della verità e rispetto per diritti e doveri d'ogni cittadino, attendiamo con fiducia l'esito di tutte queste indagini: riservandoci di dar direttamente la parola, nei prossimi numeri, a tutte le parti coinvolte, e sempre nella contrarietà sia alle esaltazioni (o autoesaltazioni) interessate che alle condanne decise a tavolino.

 FABRIZIO FEDERICI

Banner

Newsletter

Newsletter

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto