Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

Dispersione dati informatici

datiavv. Romolo Reboa, avv. Reboa, Romolo Reboa, Reboa, Romolo, Ingiustizia la PAROLA al POPOLO, la PAROLA al POPOLOPec, smartcard, polisweb, notifiche telematiche: la professione dell'Avvocato è fortemente modernizzata: richiede, perciò, continua formazione e quotidiano accertamento. Oggi gli studi legali pullulano di desktop e di laptop che elaborano atti e documenti (cioè dati) con velocità impensabile sino a poco tempo fa. Questo svela, tuttavia, uno scenario davvero terrificante: cosa c'è di peggio della perdita dei dati del proprio computer? Non si può negare che se la perdita dei dati costituisce un evento - a dir poco - irritante per un comune cittadino, per un Avvocato esso costituisce un vero e proprio disastro. Naturalmente, i rischi di dispersione dei dati rilevanti sono inevitabilmente molteplici, dal momento che la perdita di dati può essere causata da circostanze di varia origine: distrazione individuale, inefficienza dell'hardware, malafede di collaboratori e perfino cause di forza maggiore. Un computer lasciato nella borsa alla stazione o smartphone dimenticato al ristorante, un computer od una rete di studio infettati da virus incendio possono creare tanto una dispersione di dati, quanto la peggiore eventualità che quegli stessi dati finiscano nelle mani sbagliate. Tutti noi dovremmo, perciò, curare maggiormente la sicurezza della conservazione dei dati e prendere le dovute precauzioni. Tanto più se, da Avvocati, i dati "trattati" siano quelli giudiziari e, pertanto, dai contenuti ad alta sensibilità. Eppure, molti di noi tralasciano le pur doverose cautele, ritenendo erratamente che i loro dati siano completamente protetti, grazie all'utilizzo di una svelabilissima password ed alla sola custodia del pc in uffici chiusi a chiave. Al contrario, per ridurre i rischi al minimo è necessario adottare anche ben altre misure. In primo luogo, i dati debbono essere costantemente salvati in maniera sicura. Una modalità di valida messa in sicurezza è rappresentata dalle soluzioni di backup online. Con questa risorsa, i dati che sono archiviati sul proprio dispositivo (pc o notebook personale) vengono periodicamente salvati su un server esterni attraverso internet. Altra misura di sicurezza consiste nell'utilizzo delle soluzioni offerte dal "cloud computing", che consente di tenere i propri dati archiviati direttamente e solo su un server esterno. In questo modo, i dati non sono conservati sul proprio pc - che viene utilizzato come mero apparato terminale - e possono essere reperiti e scaricati in modo semplice e rapido. In questo caso, i vantaggi correlati alla presenza di un server esterno sono anche altri: ciò consente di lavorare in piena mobilità, in viaggio o a casa, in quanto è possibile accedere ai dati in qualsiasi momento e da qualsiasi postazione, via Internet. Queste due soluzioni consentono anche di evitare le conseguenze peggiori che possano derivare da furto, disattenzione od eventi distruttivi. Il lavoro quotidiano acquisisce inoltre maggiore flessibilità e gli utenti possono risparmiare di costosi investimenti in infrastrutture tecnologiche, essendo sufficiente "noleggiare" un adeguato spazio di memoria sul server del fornitore del servizio. Bisogna tuttavia tenere presente che un'altra insidia per la perdita di dati è rappresentata dal mezzo di trasmissione dei dati, ovvero internet stessa. Le principali vie d'accesso per gli hacker o per i programmi dannosi - i cosiddetti malware, worm, trojan, eccetera - sono spesso le stesse e-mail a contenuto dannoso e la navigazione su alcuni siti internet altamente pericolosi. È quindi indispensabile dotare i nostri terminali di efficienti software che inibiscano l'accesso indiscriminato dei terzi non autorizzati ai nostri dati, dotandosi perciò di aggiornati programmi antivirus, firewall ed anche di filtro antispam. Comunque, unicamente precauzioni e accorgimenti tecnici non garantiscono sufficiente sicurezza se non accompagnati da adeguata formazione di quegli stessi utenti che, con tali dati, debbono interfacciarsi. Necessita perciò la massima sensibilizzazione sul tema, rivolta anche ai collaboratori (dipendenti, professionisti, collaboratori, stagisti, ecc.). Distrazione e smemoratezza sono certamente caratteristiche umane assai pericolose e non del tutto eliminabili. Possono tuttavia circoscriversi gli effetti perniciosi di tali disattenzioni tramite una adeguata sensibilizzazione di ogni addetto. É quindi indispensabile tenerci sempre informati riguardo a rischi possibili e minacce in agguato e sensibilizzarci regolarmente e costantemente sul tema della sicurezza dei dati. Solo in questo modo, avremo la possibilità di cogliere tutto il meglio del web e concentrarci fattivamente sulle nostre attività principali di difensori e di Avvocati.

Alessandro Graziani

Avvocato del Foro di Roma

Banner

Newsletter

Newsletter

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto