Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

Decreti: quelli ingiuntivi e quelli del "fare"

avv. Romolo Reboa, avv. Reboa, Romolo Reboa, Reboa, Romolo, Ingiustizia la PAROLA al POPOLO, la PAROLA al POPOLOSono anni che l'Avvocatura protesta e biasima per le conclamate inefficienze della Giustizia civile. Tutto inutile. L'efficientamento propostoci dal Ministero ha sinora partorito soltanto il famigerato programma di revisione della geografia giudiziaria, adottato in adempimento della delega contenuta dalla legge 148/2011 ed incentrato sull'abolizione di tutte le sezioni distaccate dei Tribunali, sulla riduzione degli Uffici del Giudice di Pace e sul taglio di molti Tribunali e Procure. Perché si corresse ai ripari non sono bastate le angosciose grida di dolore dell'Avvocatura ma é bastata l'influente richiamo con cui la Banca d'Italia ha stimato la perdita attribuibile alla lentezza della Giustizia civile: circa 16 miliardi di euro all'anno (pari sostanzialmente ad un punto del Pil nazionale). Memore del fatto che il Centro Studi di Confindustria avesse calcolato come una riduzione di appena 50 giorni nella durata media dei processi aggiungerebbe alle finanze nazionali circa 14 miliardi al Pil, l'Esecutivo in carica ha disposto che ai decreti ingiuntivi notificati dopo il 22 giugno scorso si applichino norme finalizzate a rendere più rapide le decisioni sulla esecuzione provvisoria. L'articolo 78 del Decreto del Fare (69/13) interviene sull'articolo 645 comma 2 del Codice di Procedura Civile, disponendo che, nel processo di opposizione a decreto ingiuntivo, l'udienza di prima comparizione abbia luogo non oltre trenta giorni dalla scadenza del termine minimo ipotizzato dal codice di rito. Il Decreto del Fare ha inoltre riformato l'articolo 648 del Codice di rito civile, stabilendo che il giudice debba decidere subito, nella prima udienza, se concedere o meno la provvisoria esecuzione ai decreti ingiuntivi. Trascorso giugno e luglio, a mezz'agosto, nella canicola più asfissiante, tali disposizioni sono state integralmente confermate in sede di conversione in legge, nella ovvia convinzione che saranno –solo per ciò- più rapidi i tempi processuali delle opposizioni ai decreti ingiuntivi e tutto questo grazie soltanto alla decisione più immediata sulla esecuzione provvisoria delle ingiunzioni. Soffermiamoci, adesso, a fare bene i conti: se il codice di procedura civile impone che l'opponente assegni all'attore –per comparire in Tribunale- un termine minimo di novanta giorni, è ipotizzabile che il rispetto della nuova norma imponga al Giudice di esprimere la propria decisione non oltre il decorso di centoventi giorni. Ciò significa ben quattro mesi dopo l'opposizione (sempre chè il termine non si dilati a cento sessantacinque giorni -cinque mesi e mezzo- per effetto delle ferie giudiziarie). E allora? Questa la chiamiamo rapidità? L'iniziativa governativa può essere anche lodevole ma appare evidentemente deludente. Donatella Ferranti (presidente della commissione Giustizia della Camera) ci ha ricordato che "oggi l'Italia é al 158° posto nel mondo per l'indice di efficienza di recupero del credito a causa di tempi lunghi" della Giustizia. Eppure, l'accelerazione processuale che ci si auspica di perseguire con le suddette norme non appare né significativa, né tantomento soddisfacente. Diciamolo: siamo stufi di "norme-burla", strombazzate con grande enfasi ma di nessun contenuto concreto. Abbiamo già assistito alle nefaste derive rottamatorie che i "filtri" (in appello e nel processo di cassazione) vanno manifestando, senza costituire idoneo argine alla domanda di giustizia della popolazione se non per il tramite del disdicevole innalzamento dei costi imposto ad imprese e cittadini mediante costanti aumenti delle tasse (i contributi unificati) richieste per accedere al "servizio Giustizia". Ben altre soluzioni necessitano. "Chiediamo alla politica di fare una rinuncia importante per il bene del Paese. Non vuole essere una provocazione ma una proposta concreta: rinunciare al finanziamento ai partiti e investire queste ingenti e importantissime risorse nella giustizia e nelle carceri", avevano tuonato taluni Magistrati. Inviti inascoltati. E questo Esecutivo "di larghe intese" cosa propone? Solo l'ipocrita accelerazione dell'articolo 78? Davvero troppo poco. Come Cicerone, verrebbe davvero da proferire "Quousque tandem abutere... ...patientia nostra?"

Alessandro Graziani

Avvocato del Foro di Roma

Banner

Newsletter

Newsletter

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto