Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

Decreto del Fare, l'OUA chiede il dialogo con le istituzioni. Propone strumenti alternativi alla mediazione: proclama l'astensione dal 5 al 16 luglio

La rappresentanza politica forense, l'Oua, ha approvato, al termine dell'Assemblea Nazionale straordinaria dell'Avvocatura tenutasi ieri a Roma, un documento con il quale si critica duramente il cosiddetto "decreto del fare",  per quanto riguarda gli interventi relativi alla giustizia. All'assise erano presenti il Cnf, gli Ordini territoriali in rappresentanza di tutto il Paese, le Associazioni Forensi. Nel deliberato si proclama l'astensione dal 5 al 16 luglio (con riserva di revoca) e si chiede l'apertura di un tavolo urgente di confronto. In tal senso, si attende un positivo riscontro dall'incontro previsto con il Ministro Cancellieri il prossimo 3 luglio (insieme al Cnf e alla Cassa Forense). La richiesta è che vengano recepite le proposte dell'avvocatura e inserite in un maxi-emendamento nell'iter di conversione della legge. Il presidente dell'Oua, Nicola Marino, rilancia e chiede, "interventi a tutto campo, non solo limitati alla mediazione, ma guardando all'Europa (dove non esiste un sistema come quello italiano). Si deve puntare alla negoziazione assistita e alle camere arbitrali, come alternativa all'obbligatorietà e all'onerosità, ostacoli inaccettabili all'accesso alla giustizia per i cittadini". Nel documento si chiede, inoltre, alla magistratura un messaggio forte  in virtù del Patto per la Giustizia sottoscritto qualche anno fa con l'avvocatura", afferma Marino "e in assenza di segnali precisi in tal senso - aggiunge -saremo costretti allo scioglimento del Patto stesso". Nel documento inoltre si chiede la depenalizzazione di alcuni reati, l'utilizzo di misure alternative alla detenzione, nonché il ricorso all'utilizzo dei molti magistrati ora fuori ruolo per ridurre i tempi dei processi. "Sarà un'astensione del "fare bene", propositiva e per aprire un dialogo – conclude il presidente Oua –. L'Avvocatura in modo unitario ha approvato un deliberato sul provvedimento del Governo: la mediazione è possibile, ma no all'obbligatorietà e all'onerosità e, comunque, limitata ad alcune materie da individuare. Servono interventi complessivi e condivisi nel penale e nel civile, sull'ordinamento giudiziario, non con decreti legge con evidenti profili di incostituzionalità, ma investendo del suo ruolo il Parlamento e previa consultazione con l'avvocatura".

IL DOCUMENTO

L'Assemblea dei Delegati OUA, riunitasi a Roma il 25 giugno 2013, preso atto del contenuto del D.L.69/2013, c.d. decreto del "fare", sentiti gli Stati Generali dell'Avvocatura, riuniti in pari data

rileva

come il Governo abbia rinnovato la "prassi" di utilizzare illegittimamente lo strumento del decreto legge (tra l'altro differendo, per alcune norme, la efficacia a "30 giorni dopo l'entrata in vigore della legge di conversione", così dimostrando l'assenza dei presupposti dell'urgenza e necessità)

valuta

che l'adozione del decreto-legge, in assenza dei presupposti di necessità e urgenza, determina l'illegittimità costituzionale, oltre che del decreto legge stesso, anche dell'eventuale legge di conversione e degli eventuali emendamenti rispetto al testo del d.l.,

ribadisce

che il potere normativo spetta in via generale al Parlamento e che il decreto-legge rappresenta una deroga giustificata dai presupposti dell'urgenza e necessità, nella specie non ricorrenti.

auspica

che il Parlamento Italiano valuti attentamente la legittimità costituzionale del proposto Decreto Legge, facendo riferimento alle motivazioni delle citate sentenze della Corte Costituzionale e si esprima sulla pregiudiziale di costituzionalità, per riaffermare, anche per non essere esautorato delle proprie prerogative, l'illegittima applicazione da parte del Governo della decretazione d'urgenza

esprime

contrarietà al metodo utilizzato dal Governo, affermando l'esigenza del rispetto del secondo comma dell'art.72 della Costituzione, che rinvia ai regolamenti parlamentari per la definizione dei procedimenti abbreviati per i disegni di legge dei quali è dichiarata l'urgenza

evidenzia

la contraddittorietà delle posizioni del Governo che, mentre, a mezzo del Ministro della Giustizia, ha dichiarato che avrebbe proceduto «con la necessaria consultazione di tutti i soggetti della giurisdizione» alle modifiche delle norme in materia di giustizia, ha, invece, assunto un decreto legge in assenza di qualsiasi confronto e informazione preventiva con l'avvocatura, il che costituisce un inaccettabile ed irriguardoso modo di procedere verso l'Avvocatura e le sue istituzioni

ribadisce

ciononostante, la disponibilità a confrontarsi immediatamente ed in linea con i deliberati congressuali, nel settore penale, sui principali temi irrisolti quali: depenalizzazione; riforme di alcune leggi "criminogene" (Bossi – Fini, stupefacenti); modifica del sistema sanzionatorio e della custodia cautelare; ampliamento dei limiti temporali delle misure alternative alla detenzione; amnistia e indulto; aumento del numero dei magistrati, anche mediante il recupero alla attività giurisdizionale dei troppi magistrati fuori ruolo, nonché su tutto quanto è indispensabile e urgente mettere finalmente in pratica per raggiungere l'irrinunciabile obiettivo di ridare dignità, decoro e tutela ai diritti di tutti i cittadini

invita

tutte le parti sottoscrittrici del "Patto per la Giustizia" a prendere sollecita posizione sulle problematiche sopra riportate, riservandosi, in difetto di adeguata risposta, di comunicare il proprio recesso dallo stesso "Patto".

Ciò premesso, l'Organismo Unitario dell'Avvocatura,

ribadisce

le mozioni Congressuali deliberate a Bari contrarie alla obbligatorietà della media conciliazione e

chiede

al Governo di stralciare i capi relativi alla mediazione ed al processo civile.

Chiede ancora

al Parlamento, al Governo e alle Commissioni Giustizia del Senato e della Camera di fissare un incontro o una convocazione immediata per esaminare le proposte dell'Avvocatura sui temi della giustizia, con particolare riferimento alle norme contenute nel D.L. del "fare" e della mediazione, rammentando che l'Avvocatura ha avanzato, da tempo, proposte alternative relative alla introduzione del procedimento di negoziazione assistita da un avvocato, nonché l'introduzione di "camere arbitrali" presso i COA, come efficace e qualificata giurisdizione alternativa di primo grado, capace di assorbire la domanda giudiziale nel rispetto delle regole di diritto e di incidere sull'arretrato.

Premesso quanto sopra

al fine di dare alle istanze di cui al presente documento massima diffusione e visibilità presso l'opinione pubblica e le Istituzioni

proclama

con riserva di revoca qualora il Ministro accetti le richieste della Categoria, l'astensione dalle udienze per i giorni 5/8/9/10/11/12/15/16 luglio 2013, invitando tutti gli Ordini Territoriali ad indire, in tale periodo, Assemblee permanenti per comunicare e rendere note le motivazioni della protesta ed i contenuti delle diverse proposte dell'Avvocatura, riservando, altresì, di indire, all'esito, ulteriori manifestazioni su tutto il Territorio Nazionale.

Roma, 25 giugno 2013

Banner

Newsletter

Newsletter

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto