Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

Decreto "del Fare" : CNF e OUA esprimono forti criticità

Il decreto "del Fare" ha messo in subbuglio il mondo dell'avvocatura. Sia l'OUA sia il CNF hanno espresso forti criticità sulle norme che riguardano il sistema giudiziario. Il presidente del Consiglio nazionale forense Guido Alpa ha inviato una lettera al Ministro guardasigilli in cui chiede un'incontro urgente tra Consiglio nazionale forense, i presidenti dei 26 Ordini forensi distrettuali in rappresentanza del territorio ed Oua  per ripristinare un confronto in merito alle misure per l'efficienza del sistema giudiziario e la definizione del contenzioso civile, contenute nel decreto legge "del fare", approvato sabato dal consiglio dei ministri. Delle norme in materia di giustizia, evidenzia la lettera, si è appreso da fonti esterne al dicastero nonostante la circostanza che "solo pochi giorni or sono nel corso degli incontri svoltisi con le rappresentanze istituzionali ed associative dell'Avvocatura il ministro stesso aveva comunicato l'intenzione di procedere in materia attraverso la necessaria consultazione di tutti i soggetti che partecipano al funzionamento della macchina processuale". Il CNF inoltre ribadisce la propria contrarietà al solito metodo adottato dai Governi via via succedutisi, di intervenire con decretazione d'urgenza sulla giurisdizione e sull'accesso dei cittadini alla giustizia; e senza un preventivo confronto con la Istituzione che rappresenta coloro che esercitano il ministero della difesa. Il presidente Alpa esprime "sconcerto" per la reintroduzione della obbligatorietà della mediazione. Evidenzia inoltre che la declaratoria di incostituzionalità da parte della Consulta, per eccesso di delega delle precedenti norme, ha assorbito logicamente e giuridicamente, ma non certo ha ritenuto infondati, gli altri vizi sollevati dalle numerose ordinanze di rimessione, relativi alla obbligatorietà, onerosità, assenza di garanzie circa la preparazione dei mediatori. "Non risolve il problema la iscrizione dei diritto degli avvocati nel registro dei mediatori", chiarisce la lettera. Per ciò che concerne il reclutamento di magistrati onorari per le Corti d'appello, la misura, oltre a non risolvere il problema del sovraccarico in primo grado, non presta sufficiente attenzione ai criteri di selezione, che dovrebbero esser rigorosi per evitare l'infelice esperienza delle sezioni stralcio. Impiego di magistrati togati. Il CNF rileva anche la contraddittorietà interna tra le norme, attinente all'utilizzo dei magistrati togati, laddove da una parte si reclutano magistrati onorari e dall'altra si distolgono risorse preziose dal servizio attivo nella magistratura giudicante e requirente laddove si modifica la nuova legge forense, prevedendo che delle commissioni d'esame per l'abilitazione facciano parte dei magistrati in servizio. Il decreto, infine evidenza il presidente Alpa, non si cura della funzione sussidiaria dell'avvocato rispetto alla possibile devoluzione di funzioni di tipo "paragiurisdizionale", che potrebbero ben riguardare l'Avvocatura. Senza contare che il CNF, mosso dalla ferma volontà dell'Avvocatura di cooperare all'amministrazione della giustizia, ha proposto innovativi istituti per deflazionare il carico giudiziario, a costo zero per lo stato, come la negoziazione assistita, la translatio judicii ai procedimenti arbitrali (il passaggio della controversia, a determinate condizioni, dal giudice alle camere arbitrali), senza che dal ministero sia giunta alcuna risposta. NICOLA MARINO, PRESIDENTE dell'OUA ha dichiarato: "In questo Paese non si legifera, si mortifica il Parlamento, si è perso il senso del confronto. Anche sulla mediazione, di nuovo obbligatoria, si perde l'occasione per un dialogo con l'avvocatura che potrebbe portare a soluzioni condivise, utili per la giustizia italiana e favorevole ai cittadini, che ancora una volta vedono introdurre un sistema obbligatorio e costoso. In questo Paese si decreta su tutto, non si legifera e si mortifica il Parlamento, si è perso il senso del confronto. Mentre è comprensibile il ricorso a uno strumento straordinario per aggredire l'arretrato e smaltirlo – aggiunge – cioè una misura una tantum (o almeno così dovrebbe essere, nonostante diverse esperienze negative del passato come quella delle sezioni stralcio) per rimettere la nostra macchina giudiziaria sulla buona strada dell'efficienza, è invece del tutto immotivato insistere sulla mediazione obbligatoria con l'adozione di un provvedimento urgente, pur con alcuni timidi correttivi rispetto al passato, reintroducendo un sistema che ha dimostrato di essere inefficace per le finalità dichiarate: i numeri stimati e quelli reali sono enormemente lontani. Si parlava di milioni di processi in meno, ci si è ridotti ad alcune decine di migliaia. Il tutto a spese dei cittadini. La mediazione in versione italiana - sottolinea il presidente Oua - è unica in Europa (che ha bacchettato questo meccanismo mettendo appunto in rilievo diverse criticità). Infatti negli altri paesi è circoscritta a poche materie o a valori economici bassi, mentre, qui è estesa a quasi tutto il contenzioso civile (una novità, positiva, sembra l'esclusione degli incidenti), non solo: è "condizione di procedibilità" ed è a pagamento. Il nuovo Governo persevera nell'errore dei precedenti, fa un passo avanti e due indietro – conclude Marino – non ascolta il Parlamento che sul tema ha posto diverse osservazioni ed evita il dialogo con l'avvocatura che potrebbe portare a soluzioni condivise, utili per la giustizia italiana e per i cittadini. L'Oua ha già consegnato al ministro Cancellieri diverse proposte per contribuire fattivamente alla modernizzazione della giustizia e aspettava di essere nuovamente convocata per approfondire questi temi, ma nessun confronto, purtroppo, è seguito ed eccoci oggi a commentare il solito intervento spot. Una consuetudine di questo Paese che ha già portato la nostra macchina giudiziaria ad avere, appunto, un arretrato enorme, processi lunghissimi e costi esorbitanti per le persone e le imprese per poter accedere a un diritto costituzionale. Continuiamo così facciamoci del male!".

Banner

Newsletter

Newsletter

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto