Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

Intervista all'avv. Caterina Flick

avv. Romolo Reboa, avv. Reboa, Romolo Reboa, Reboa, Romolo, Ingiustizia la PAROLA al POPOLO, la PAROLA al POPOLOL' 8 Gennaio, Roma Capitale è diventata, per un giorno, "Roma Capitale delle Donne": donne avvocati, donne medici, donne giornaliste, donne religiose, donne militari e madri che nella vita declinano a 360° il loro ruolo con fantasia e determinazione, anche a costo di sacrifici. La Cerimonia, promossa dall'amministrazione capitolina e svoltasi presso la sala della Protomoteca in Campidoglio, fa parte del progetto per la valorizzazione del ruolo della donna nella società e la promozione di politiche atte a difenderne i diritti fondamentali. All'iniziativa ha partecipato anche il Sindaco Alemanno e, a consegnare il riconoscimento, è stata l'organizzatrice del Premio, Lavinia Mennuni, delegata del Sindaco per le Pari Opportunità e per i Rapporti con il Mondo Cattolico. Tra le personalità femminili premiate, relativamente alla categoria degli avvocati, il premio è stato assegnato all'Avvocato Caterina Flick, "per il contributo apportato nel corso degli anni nella professione, come madre lavoratrice, in grado di conciliare la vita lavorativa con quella familiare", la quale ha accettato di rispondere ad alcune domande.

Avv. Flick, come vincitrice del Premio "Roma Capitale delle donne" di quest'anno, c'è qualcosa che vorrebbe dire a tutte le donne in carriera e, in particolare alle donne che lavorano nel Suo settore? Per quale motivo crede di essere stata scelta proprio Lei, a parte ovviamente le indubbie capacità lavorative?

Il Premio è nato per valorizzare il ruolo che la donna svolge nella società, come professionista ma anche come madre. Credo che la scelta sia caduta su di me proprio per l'impegno dedicato a vedere riconoscere alle donne avvocato gli stessi diritti che hanno le altre madri lavoratrici, senza per questo rinunciare alla loro professione. Vorrei dunque dire a tutte le colleghe che la conciliazione tra attività professionale e vita familiare è possibile, anche se ancora molto difficile: occorre metterci passione e determinazione, ma anche essere bene informate e dunque pronte (anche professionalmente) a far valere i nostri diritti.

Sicuramente questo riconoscimento rappresenta un grande merito, ma anche una grande responsabilità, come pensa di affrontarla? Ha già in mente dei progetti?

Ho diversi progetti in mente, che ho già in parte condiviso con il consiglio dell'ordine. Il primo, già oggetto di una mozione che è stata approvata dall'Assemblea nel Congresso Nazionale Forense di Bari, riguarda la previsione di un "legittimo impedimento" a comparire in udienza per le colleghe in maternità e per colleghe e colleghi in caso di malattia dei figli piccoli, estendendo così anche agli avvocati i diritti di cui godono gli altri lavoratori. Nella legislatura che sta volgendo al termine è stato presentato un disegno di legge su questo tema, che prevede la modifica dell'art. 420ter del codice di procedura penale, per permettere alle donne avvocato di ottenere il rinvio dell'udienza non solo nel caso di una gravidanza a rischio, ma più in generale alle stesse condizioni nelle quali per le altre lavoratrici madri è previsto l'obbligo di astensione dal lavoro.Purtroppo la trattazione di questa proposta finora è rimasta ferma; occorrerà fare il possibile perché la questione sia ripresa nella prossima legislatura, tenendo conto della necessità di attuare pienamente il principio delle pari opportunità e della parità di trattamento fra uomini e donne in materia di occupazione e impiego e gli obiettivi di conciliazione tra vita professionale, vita privata e vita familiare dei genitori che lavorano, dettati dalle direttive 2006/54/CE e 2010/18/UE. Un altro progetto riguarda la presenza femminile negli organi rappresentativi dell'avvocatura. Spesso si liquida l'argomento con dei luoghi comuni. Il primo è che le donne non votano le donne: per sapere se questo è vero dovremmo prima verificare quante colleghe vanno a votare; il secondo luogo comune è che le donne non sono disponibili a farsi coinvolgere, ma quante volte viene loro proposto di candidarsi ? Non dimentichiamo che in Fori come quello di Roma occorre essere chiamati a far parte di una lista per avere qualche possibilità di essere eletti. Infine, sulla possibilità del coinvolgimento femminile è esemplare e significativa l'introduzione della doppia preferenza di genere nelle elezioni in comuni con più di 5.000 abitanti.

L'assegnazione del Premio da parte dell' Assessorato per le Pari Opportunità di Roma Capitale martedì 8 Gennaio, è stata un' iniziativa di grande importanza nonostante questa sia solo la seconda edizione; Lei cosa pensa dell'iniziativa? Quale crede sia il messaggio che Roma Capitale vuole mandare alla Società, femminile e non?

Sono d'accordo che l'iniziativa del Premio alle eccellenze femminili romane è stata una iniziativa di grande importanza con grande visibilità nel futuro; far conoscere le eccellenze femminili significa, infatti, riconoscere che la presenza di donne qualificate e impegnate contribuiscono a costruire una società migliore. E' vero che la prima edizione risale soltanto all'anno scorso, ma è in linea con le iniziative che, da diversi anni e a tutti i livelli, tendono a valorizzare il ruolo della donna nella società. Il raggiungimento della parità richiede un cambiamento culturale, che risulta particolarmente difficile in un momento di crisi economica, grave come quella che stiamo attraversando. Per questo sono convinta che occorra parlare delle donne, e di quello che esse possono fare, in termini positivi e costruttivi, anche per dare buoni esempi, senza con questo dimenticare quelle donne che sono maltrattate e subiscono violenza e che non riescono a farsi sentire. E a quest'ultimo proposito vorrei ricordare che la ratifica, da parte dell'Italia, della Convenzione di Istanbul sulla lotta alla violenza contro le donne e alla violenza domestica, rappresenta un segnale significativo in questa direzione.

Vanessa Pinato

Banner

Newsletter

Newsletter

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto