Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

    Guarda la Cookie Policy

Crisi economica: il ruolo delle banche

abancavv. Romolo Reboa, avv. Reboa, Romolo Reboa, Reboa, Romolo, Ingiustizia la PAROLA al POPOLO, la PAROLA al POPOLONegli ultimi anni della Repubblica di Weimar, tra il 1930 e il 1932, il programma di austerità attuato dal governo Brüning – in risposta alla fuga di capitali e alla crisi economica mondiale – non fece altro che accelerare la catastrofe e ciò che ne seguì. Tuttavia, gli sviluppi attuali in Europa dimostrano che la classe dirigente non è in grado (o non vuole) imparare dalla storia. Nelle ultime settimane, il governo greco e quello spagnolo hanno deciso, infatti, di imporre misure di austerità che superano di gran lunga quelle attuate dal cancelliere tedesco nei primi anni '30. Alla luce delle esperienze del secolo scorso, ciò potrebbe sembrare follia pura; invece tale mossa ha il supporto dei politici di ogni colore – conservatori, liberali, verdi, socialdemocratici e "sinistre" varie. Quattro anni dopo il crollo della Lehman Brothers – origine dell'attuale crisi economica – l'ultimo Global Financial Stability Report, pubblicato dal Fondo Monetario Internazionale, rende chiaro che il rischio di un collasso del sistema finanziario permane e che anzi, i segnali di un tale evento prossimo sono in aumento. Il principale pericolo è l'ulteriore peggioramento della crisi nella zona euro, che emerge da squilibri congeniti in essa. Per le cosiddette economie "periferiche", l'adozione dell'euro come moneta comune ha fatto sì che esse non possano più contare su una diminuzione del valore delle monete nazionali per mantenere i loro mercati di esportazione (c.d. "svalutazione competitiva"). Di conseguenza, soffrono da circa un decennio di un deficit della bilancia dei pagamenti. Questo è stato coperto da un afflusso di capitali dalle economie più forti, in particolare dalla Germania – unica e grande beneficiaria dell'introduzione dell'euro. L'afflusso di capitali ha fatto lievitare la domanda e ha fornito importanti mercati per le esportazioni tedesche. Ora, la liquidità nelle banche non viene riciclato alla periferia, ma è invece essere depositati presso le banche centrali o in titoli di Stato relativamente sicuri. Salvataggi bancari sono stati accompagnati dall'imposizione di programmi di austerità. Il "risanamento del bilancio" è un eufemismo per i tagli di bilancio, il cui impatto è quello di ridurre la domanda attraverso tagli ai servizi sociali e ai posti di lavoro del settore pubblico, portando ad un'ulteriore contrazione economica, seguita da richieste di ulteriori tagli. Allo stesso tempo, il capitale finanziario esige che i salari reali siano ridotti e lo sfruttamento dei lavoratori intensificato. Di conseguenza, il Fondo Monetario Internazionale ha chiesto "riforme strutturali di ampia portata" al fine di rafforzare la "competitività": ciò significa che, dato che i Paesi in difficoltà non possono svalutare la loro moneta, devono effettuare quella che viene definita una "svalutazione interna", al fine di ridurre i costi d'impresa, soprattutto i salari, e quindi diventare competitivi nei mercati internazionali mercati. Senza rompere il potere dell'aristocrazia finanziaria, una catastrofe non può essere evitata. Le grandi banche e le imprese devono essere espropriate e nazionalizzate, i profitti degli speculatori devono essere confiscati e le fortune enormi devono essere tassate in maniera massiccia. La rabbia è visibilmente in aumento, il numero di scioperi, proteste e manifestazioni è chiaramente in aumento, anche se i sindacati fanno tutto il possibile per isolare e strangolare loro. I sindacati e le parti sociali temono una tale mobilitazione di più di ogni altra cosa. Questi apparati burocratici hanno da tempo interrotto ogni collegamento con gli interessi dei lavoratori. I loro operatori appartengono alla schiera dei benestanti classe media e sono legati alle banche, imprese e governi da mille fili. Mentre i governi di tutto il mondo le scuole chiudono, licenziare i lavoratori e tagliare il sostegno ai poveri, vecchio e malato, l'oligarchia finanziaria che governa il mondo aumenta la sua ricchezza e potere. I governi di tutto il mondo hanno salvato le banche per un valore di migliaia di miliardi di dollari. Essi hanno massicciamente sovvenzionato questi giganti, le istituzioni finanziarie private, e sono pronti a salvare di nuovo se e quando necessario. I decenni che precedono il crollo di Wall Street del 2008 ha visto un arricchimento drammatico di questo elemento sociale e il rimodellamento della politica per soddisfare le sue esigenze.

Gabriele Sabetta

Banner

Newsletter

Newsletter

Immagini da In-giustizia 

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/348377IMG_2330.JPG

404

404: Not Found Sorry, but the content you requested could not be found Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/466707Antonio_Di_Pietro.JPG

La riforma organica della magistratura onoraria

 Nell’ultimo decennio, per contenere l’arretrato giudiziario e alleggerire il carico di lavoro dei magistrati togati, la giurisdizione é stata devoluta sempre più ai magistrati onorari, sia aumentando progressivamente la competenza Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/653028Immagine_015.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/576096Romolo_Reboa_078.JPG

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/585707NI2_4866.jpg

Ricadute sugli uffici e sul personale giudiziario della riforma

La parola a Paola Saraceni, Segretario nazionale UGL Ministeri.   Le modifiche apportate dalla riforma del processo civile a detta di molti determinerà un eccezionale aggravio per l’attività giudiziaria in generale ed Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/221145Immagine_008.JPG

Il sistema giustizia per Santacroce

Incontro con il Presidente della Corte di Appello di Roma   Questo doveva essere il resoconto di un’intervista a tu per tu con il Presidente della Corte d’Appello di Roma, Dott. Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/447772Immagine_007.jpg

Convegno: Magistrati scrittori

Il 2 ottobre 2011 si è tenuta presso la Pinacoteca Palacultura di Latina la quarta edizione del Convegno dei magistrati-scrittori,realizzato da Eugius, Unione Giudici Scrittori d’Europa, nell’ambito della kermesse “Giallolatino”, Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/975780Distribuzione_giornale_1993_33.jfif

35 anni tra i protagonisti al "Canottieri Roma"

Festeggiato il compleanno della fondazione del giornale con la presentazione del libro "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" Martedì 14 dicembre 2010, presso il “Circolo Canottieri di Roma”, si è svolta Leggi tutto

http://in-giustizia.eu/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/97025316_dicembre.JPG

"Per i diritti degli ultimi"

La tradizionale serata di fine anno della rivista Venerdì 16 dicembre 2011 la nostra Capitale ha cambiato aspetto, o almeno così è stato in via Flaminia 213 dove, presso lo Studio Leggi tutto